Maya Hawke elogia il modo in cui Wes Anderson riesce a “togliersi tutto il grasso e la stupidità” sul set del film

Maya Hawke elogia il modo in cui Wes Anderson riesce a “togliersi tutto il grasso e la stupidità” sul set del film

I film di Wes Anderson sono noti per il loro aspetto speciale, ma gli attori del suo ultimo film, Città degli asteroidi (nelle sale il 23 giugno), tra cui Scarlett Johansson, Tom Hanks, Maya Hawke, Bryan Cranston e Jason Schwartzman, sono pronti a lodare l’atmosfera che Anderson crea sul suo set.

“Abbiamo in un certo senso eliminato tutto il grasso e la stupidità nel processo di realizzazione del film”, ha detto Hook in una conferenza stampa prima dell’uscita nelle sale del film. “Un sacco di volte quando hai un partner sulla scena, devi creare un legame, fare una lettura chimica ed è come, ‘Oh, ci incontreremo tutti e parleremo, e voi ragazzi siete ci conosceremo.’” Invece è stato come, perché non ceniamo insieme tutte le sere? “

E spesso sei in attesa quando stai girando un film e quindi vieni portato dentro e ti siedi nella tua roulotte, e aspetti Wes ha risolto il problema con, sei sempre in attesa il 100 percento delle volte. luogo magico dove puoi essere… coinvolto in altre persone che fanno il loro lavoro.”

Hook ha ricordato di aver guardato le scene tra Johansson e Schwartzman, seduto accanto al co-sceneggiatore Roman Coppola che guardava lo schermo, con altri membri del cast che erano venuti a fare lo stesso.

“Siamo stati tutti coinvolti nel film nel suo complesso”, ha detto Hook. “Mi sono sempre sentito come se tutti si fossero davvero sollevati a vicenda e questo ha creato la chimica molto rapidamente e facilmente”.

Scarlett Johansson interpreta Midge Campbell in Asteroid City dello sceneggiatore/regista Wes Anderson. (Per gentile concessione di Pop. 87 Productions / Focus Features)

Johansson ha aggiunto che il “cameratismo” sul set è un aspetto unico del lavorare con Anderson.

READ  Il film di Rogue Star Wars Patty Jenkins è stato rinviato

“Penso che una delle cose che ha davvero influenzato il film… sia il sostegno reciproco tra tutte le interpretazioni”, ha detto.

“Ogni esibizione si distingue, ma creano questo bellissimo tipo di orchestra che si forma insieme, ed è così che ci si sente sul set”.

Johansson ha continuato sottolineando che Schwartzman, un collaboratore di lunga data di Anderson, è stato un partner “abbastanza disponibile” e “attuale” per gran parte del film.

“È stato come cadere in questa comoda tasca e penso che quella sensazione sia molto insolita”, ha detto Johansson.

“La maggior parte delle volte che sei sul set… senti tutto il tempo che è tutto quel tempo di attesa e di inattività, e perdi lo slancio. Questo non ce l’ha. È vivace e sembra eccitante… . È solo un’esperienza davvero unica di un film.”

(da sinistra a destra) Jake Ryan a.k.a

(Da sinistra a destra) Jake Ryan nei panni di Woodrow, Jason Schwartzman nei panni di Augie Stenbeck e Tom Hanks nei panni di Stanley Zack in Asteroid City dello sceneggiatore/regista Wes Anderson, uscita Focus Features (per gentile concessione di Pop. 87 Productions / Focus Features )

Di cosa parla la “città degli asteroidi”?

in molti modi, Città degli asteroidi è uno dei film più affascinanti di Anderson, con un labirinto di dettagli in questa particolare storia raccontata attraverso uno spettacolo visivo vibrante e determinante.

Il film ci porta nell’anno 1955 in un’immaginaria regione desertica del sud-ovest. Le famiglie scendono su Asteroid City per la Junior Stargazer Convention, tra cui Augie Stenbeck (Schwartzman) e i suoi quattro figli. Auggie è un fotografo di guerra che è in lutto per la morte di sua moglie, ma deve ancora dirlo ai suoi figli.

READ  "Eden" di Ron Howard si unisce al programma del Toronto International Film Festival 2024

A questa convention, Auggie incontra l’attore Midge Campbell (Johansson) e sua figlia, l’insegnante John Douglas (Maya Hawke), il cowboy del Montana (Robert Siddique), il veterano JJ Kellogg (Liv Schreiber), tra gli altri personaggi che occupano la città.

Ma questi eventi ad Asteroid City sono in realtà solo parti di un’opera teatrale del drammaturgo Conrad Earp (Edward Norton) e del regista teatrale Schubert Greene (Adrien Brody), trasmessa su PBS. Il conduttore della trasmissione televisiva è un personaggio interpretato da Bryan Cranston, che ci guida tra ciò che accade sul palco e dietro le quinte.

“Parte di ciò che è così bello della narrazione, almeno per me, è che c’è un po’ di nostalgia per quel tempo e quel luogo”, ha detto Brody. “Quel periodo storico è stato un’enorme transizione per … recitazione e regia, attori come Marlon Brando e James Dean e registi come Elia Kazan”.

“C’è stata un’opportunità per infondere un po’ di questo e amore per quello, apprezzamento per quello, e sono sicuro che è qualcosa che anche Wes apprezza molto.”

NEW YORK, NY - 13 GIUGNO: Wes Anderson partecipa a un galà

NEW YORK, NY – 13 GIUGNO: Wes Anderson partecipa alla prima di New York di “Asteroid City” all’Alice Tully Hall il 13 giugno 2023 a New York City. (Foto di Dia Dipasupil/Getty Images)

C’è qualcosa di speciale nel guardare un film di Wes Anderson, soprattutto perché è incredibilmente intenzionale nella sua narrazione.

A Città degli asteroidiinvita il pubblico a immergersi più a fondo, a partecipare attivamente a questa storia e a staccare gli strati di questa storia passo dopo passo.

La costruzione fisica del mondo potrebbe essere la nostra preferita che abbiamo visto nel film di Anderson (anche se c’è una forte concorrenza), ma tutti gli elementi retrò e nostalgici, scelti con squisita precisione, sono un lavoro innegabilmente coinvolgente dello scenografo Adam Stockhausen.

READ  Il creatore del 1883 Taylor Sheridan ha rivelato che la serie prequel di Yellowstone non avrà una seconda stagione

Osservando le emozioni umane e il dolore associati all’intersezione tra arte e scienza, Città degli asteroidi Potrebbe non esserlo esattamente Quello che i fan di Anderson si aspetterebbero, ma è un’estensione della sua narrazione che ci fa desiderare di guardare il film una seconda volta. Non c’è dubbio che Anderson rimanga uno dei cineasti più illustri là fuori.

Come lo descrive Cranston, “Possiamo solo sbirciare sopra la testa di Wes Anderson, non possiamo vivere lì. Quello è il suo dominio. Quindi possiamo semplicemente visitarlo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *