Il documentario dei Nickelback viene presentato in anteprima al Toronto Film Festival – Variety

Il documentario dei Nickelback viene presentato in anteprima al Toronto Film Festival – Variety

Giustizia per i Nickelback?

“Hate to Love”, un documentario su una delle band più dure di tutti i tempi, è stato presentato in anteprima mondiale venerdì pomeriggio al Toronto Film Festival e (forse?) ha gettato nuova luce sui rocker canadesi.

Ma data la loro reputazione in alcuni angoli di Internet, il CEO del TIFF Cameron Bailey ammette di essersi chiesto se il film sarebbe stato programmato o meno come parte del programma di quest’anno. “Ne abbiamo parlato e abbiamo pensato: saremmo ancora fantastici e artistici se chiamassimo questo film?” Alla fine abbiamo deciso di dire: “Cazzo, sì,” dice.

Lee Brooks ha diretto Hate to Love, un profilo del gruppo musicale vincitore del disco di platino autore di successi come “Rockstar” e “Photograph”, tracciando le loro umili origini e l’evoluzione dal successo mainstream al più grande del rock… E un sacco da boxe. Formati nel 1995, i Nickelback sono composti dal chitarrista e cantante Chad Kroeger, dal chitarrista ritmico e tastierista Ryan Beck, dal bassista Mike Kroeger e dal batterista Daniel Adair.

“Come puoi non piacerti la band?” Il produttore e DJ radiofonico Ben Jones ha chiesto al pubblico della Roy Thompson Hall. Dice che il suo programma radiofonico è stato il primo nel Regno Unito a promuovere il singolo dei Nickelback del 2001 “How You Remind Me”.

Alcune delle risate più grandi dello show sono arrivate da clip di sostenitori dei Nickelback come Ryan Reynolds, il cui supereroe Deadpool ha difeso con passione la band preferita di tutti che odia. In un teaser del film del 2018 “Deadpool 2”.

Bailey ha descritto il viaggio della band come una “storia di perdenti unicamente canadese”. “È riconoscibile per tutti”, ha aggiunto Brooks.

READ  I Critics' Choice Awards 2024 puzzano di "adrenalina e stanchezza"

Dopo la première, i Nickelback si sono uniti al regista sul palco per una sessione di domande e risposte, durante la quale ha promesso alla band che non avrebbero più dovuto rispondere alle domande sul loro status di meme. “Questo film fa questo.”

Il leader del gruppo, Krueger, ha fatto eco: “Alleluia!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *