Maria, assistente rumena per anziani in Italia e Svizzera. Un lavoro pieno di sacrificio, ma anche di gratificazione



Le vite delle donne rumene che si sono recate nei paesi dell’Europa occidentale per lavorare come badanti per gli anziani sono piene di temi attraenti che hanno sempre interessato la stampa occidentale. Uscire di casa e del proprio paese, spesso con solo una borsa di vestiti e in giovane età, è un grande atto di coraggio, una decisione presa categoricamente non per amore dell’avventura, ma nella speranza di trovare soluzioni di vita migliori.

Maria Nodic è originaria di Baia Mare ed è dovuta emigrare nel 2008, all’età di 53 anni. La decisione di lasciare la Romania, prima in Italia, e poi in Svizzera, per lavorare come collaboratrice domestica, è stata soddisfacente: oggi è soddisfatta della decisione presa 12 anni fa e attende con ansia l’età pensionabile, quando potrà riposarsi dopo una vita piena di lavoro e sacrifici.

Il post ha introdotto la storia di Mariah SWI, In un articolo firmato da Sonya Venazzi.

Nei suoi 12 anni all’estero, Maria ha cambiato diversi lavori. Ha lavorato prima in Italia, poi in Svizzera, dove si è presa cura degli anziani, soli ea volte ammalati, e ha assistito impotente alla morte di alcuni e ha curato i loro ultimi momenti. “Sono sempre stata fortunata con le brave persone”, ammette Maria.

Oggi vive in un appartamento nel centro storico di Bellinzona, capoluogo della provincia del Ticino in Svizzera, da qualche parte vicino al confine con l’Italia. Non è casa sua, in quell’appartamento ha lavorato per la signora Chichi, una donna anziana che si è presa cura di lei da febbraio 2018 fino a luglio 2019, quando l’anziana si è ammalata ed è morta in meno di una settimana. “Ho pianto molto. Maria ammette che mia madre è morta.” Nella signora Chichi, la badante rumena si è sentita rispettata e apprezzata: “Non mi ha nemmeno permesso di pulire la casa, ecco perché è venuta un’altra donna, io mi sono solo preso cura di lei. Mi ha detto che c’erano altre bocche da mangiare”, dice Maria.

READ  Lamorgese è positivo su Covid, commenta Gabinetto - Corriere.it

La signora Cecchi ha permesso a Maria di rimanere in quell’appartamento fino a quando non ha deciso di tornare in Romania o trovare un nuovo lavoro. “Sono qui da un anno e non ho mai chiesto soldi”, ha detto la donna con gratitudine. Ora che Maria ha trovato un lavoro, le dice che può portare con sé qualsiasi mobile che vuole da casa.

Pur non avendo sempre goduto di condizioni di lavoro generose, Maria ha ammesso di non aver mai avuto problemi nei suoi dodici anni come domestica, né in Svizzera né in Italia. Sa che ci sono casi di sfruttamento e persino di abuso in questo campo, ne ha sentito parlare molte volte, ma fortunatamente non ne è mai stato esposto prima.

Tuttavia, questo non significa che l’immigrazione dalla Romania, in un paese che non aveva mai messo piede prima e non conosceva nessuno, fosse facile come passeggiare in un parco. “Non conoscevo una parola di italiano e non è stato facile per me imparare una nuova lingua alla mia età”, ammette. Maria ha però mostrato una volontà di ferro e una determinazione che molte donne rumene hanno scoperto in un’età in cui erano già madri e nonni, ma non avevano paura della sfida di addentrarsi nell’ignoto e ricominciare con nuove esperienze e nuove cose da imparare.

Ha lasciato un marito che aveva seri problemi con l’alcol, per ricostruire una vita indipendente e tranquilla. Ben presto ha imparato quali erano i suoi diritti all’estero ed è stato in grado di prendere decisioni sagge. E così, ad esempio, nel luglio 2011, tramite un’altra donna con cui aveva stretto amicizia in Italia, ha colto l’occasione per trasferirsi in Ticino. “Le condizioni di lavoro in Svizzera sono migliori che in Italia. Lo stipendio è molto più alto”, ammette Maria.

READ  Il sorteggio del Campionato Italiano WTA: Ash Party e Arena Sabalenka si preparano per una seconda partita; Naomi Osaka e Serena Williams sono nello stesso trimestre

All’inizio però sentì che non avrebbe potuto vivere a Bellinzona. “Tutte queste montagne qui mi hanno spaventato. Mi sembrava che sarebbero cadute su di me”, ricorda coprendosi il viso con le mani, come se fosse tornata a questa paura. Ma poi ammette con entusiasmo: “Lo adoro adesso”.

In questo angolo della Svizzera meridionale, una badante romana ha imparato ad apprezzare la qualità della vita e le relazioni che ha con le persone di cui si prende cura e le loro famiglie. Durante i suoi anni all’estero, Maria aveva risparmiato denaro per assicurarsi il sostentamento quando era tornata a Baia Mare. Nel tempo libero non spende soldi per il tempo libero e si presenta come una solitaria: “Amo stare a casa o fare una passeggiata. Ho sempre avuto pochissimi amici e non sono mai andata in bar e ristoranti”.

Per sobrietà, era già in grado di acquistare un appartamento nella sua città nel nord della Romania, ei suoi risparmi e la pensione durante i suoi anni di lavoro le avrebbero permesso di vivere lì senza preoccupazioni finanziarie.

Mariah ha programmato di tornare definitivamente in Romania nel marzo di quest’anno. Ma l’epidemia di coronavirus ha sconvolto i suoi piani: “Non voglio tornare a casa, soffriamo di insicurezza nel nostro sistema sanitario e rischio di essere costretto a rimanere rinchiuso in casa mia. Perché sono ancora in buone condizioni fisiche, anche se ho 65 anni, preferisco Resta qui adesso, perché mi sento a mio agio e posso continuare a lavorare. In questo modo potrò risparmiare più soldi per il mio futuro “, ha detto Maria, fiduciosa della sua forza. Come lei, molte donne rumene cercano di assicurarsi un futuro pacifico lavorando nei paesi dell’Europa occidentale.

Annunci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *