Fibra ottica: entro il 2023 per tutta Italia

Nel corso dell’ultimo anno, il Molise ha compiuto enormi passi in avanti nell’ambito dell’innovazione digitale, soprattutto dal punto di vista della connessione Internet. A luglio dello scorso anno, infatti, più di 20 mila comuni sono stati dotati di connessione a banda ultralarga, con importanti cambiamenti sia per le abitazioni private che per gli uffici. Quello della diffusione della fibra ottica, in realtà, non è un obiettivo che riguarda solo il Molise, ma l’intero Paese, che ha ancora molta strada da fare nel settore dell’innovazione digitale. Cosa è stato fatto finora e quali potrebbero essere i vantaggi di avere la fibra ottica in tutta Italia?

Fibra ottica in Molise e in Italia: un po’ di dati

Stando ai dati forniti dal Ministero dello Sviluppo Economico e riportati in un articolo di Adkronos.com, due italiani su tre dispongono ormai di una connessione a banda ultralarga ad almeno 30 Mbps, per una percentuale pari al 66% della popolazione. Diverso è invece il caso di chi può contare su una connessione a 100 Mbps, prerogativa del 20% della popolazione. L’obiettivo, quindi, è quello di far sì che l’intero Paese possa contare presto su una connessione a banda ultralarga ad almeno 100 Mbps: non solo coloro che abitano nelle città più grandi, ma anche chi vive in periferia o in paesi più piccoli. Differenze sostanziali ci sono anche tra singole Regioni: a garantire una copertura maggiore, almeno per quanto riguarda la rete a 30 Mbps, sono l’Emilia-Romagna, il Friuli-Venezia Giulia, il Trentino-Alto Adige e la Valle d’Aosta, mentre tra le prime Regioni per la copertura di rete a 100 Mbps troviamo la Lombardia, il Lazio, il Veneto, la Toscana, il Molise e la Liguria. In Molise, quindi, la situazione è piuttosto buona rispetto alle altre Regioni italiane, anche grazie ai fondi dell’Unione Europea arrivati lo scorso anno per il finanziamento del progetto. L’obiettivo generale è fare in modo che entro il 2023 l’intero Paese possa contare su una rete superveloce, senza alcuna differenza tra Regioni e città, così da superare quello che su Gazzettamolisana.com è stato definito “digital divide”.

READ  L'erede del Re d'Italia, Emmanuel Filiberto, si scusa per il ruolo della monarchia nell'Olocausto

Vantaggi della fibra ottica

Perché è così importante fare in modo che l’intero Paese possa contare su una connessione così veloce? Perché tutti, non solo gli uffici ma anche i privati cittadini, sono costantemente connessi. Poter contare su un’esperienza di navigazione migliore, quindi, significherebbe rendere più piacevole la maggior parte delle attività quotidiane dei cittadini. Per fare un esempio, possiamo immaginare uno studente di un corso di formazione online che ogni fine settimana si dedica a diverse ore di lezioni in streaming. Se la sua connessione non fosse così buona, l’andamento delle lezioni ne potrebbe risentire. La stessa cosa vale per gli uffici e le pubbliche amministrazioni, che potrebbero riscontrare numerose difficoltà nella gestione delle pratiche utili ai cittadini e alle amministrazioni stesse. Al di là degli impegni di studio e lavoro, poi, anche i momenti di svago sarebbero molto più limitati senza una connessione adeguata: pensiamo ad esempio ai giochi live, che coinvvolgono più giocatori contemporaneamente, come il live poker o il blackjack live online, oggi offerti da numerosi casinò online in Italia, come riportato su Casinos.it. Questi giochi in streaming necessitano di una buona connessione per poter offrire il massimo della qualità nella grafica, e per garantire un’esperienza di gioco fluida e senza interruzioni. Si tratta di tanti piccoli cambiamenti che interessano settori anche molto diversi tra loro, ma che sono legati da un elemento comune: quello di aver bisogno di una buona connessione per poter offrire il loro meglio.

Se l’obiettivo nazionale sarà raggiunto, entro il 2023 l’intero Paese potrà dire di poter fare finalmente affidamento su una connessione davvero veloce e in grado di soddisfare i bisogni di una società iperconnessa come la nostra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *