Lontano da Corona … le 5 conquiste scientifiche più importanti del 2020 sono state lo spazio

Covid-19 è stato al centro dell’attenzione della ricerca scientifica e del pubblico scientifico durante l’anno 2020 e, con le misure di allontanamento sociale, molti compiti scientifici in altre aree hanno subito ritardi, sia per chiusura che per mancanza di finanziamenti; Tuttavia, quest’anno, nonostante tutto, è stato speciale per l’astronomia e le scienze spaziali.

Una nuova era spaziale

Ad esempio, uno degli eventi più famosi di quest’anno è stata la capacità di “SpaceX”, il 31 maggio scorso, di inviare gli astronauti della NASA “Doug Harley” e “Bob Pinken” alla Stazione Spaziale Internazionale in completa sicurezza, e quindi SpaceX è diventata la prima azienda privata nella storia a portare gli astronauti nello spazio.

Quello era un volo di prova; Ma a metà novembre la compagnia è riuscita a fare il suo primo volo ufficiale verso la stazione con 4 astronauti, ed entro il 2024 la compagnia potrebbe essere in grado di soddisfare le esigenze della NASA e delle sue missioni sulla luna, e poi su Marte.

Segni chimici che indicano la possibilità di vita su Venere (European Southern Observatory)

La vita su Venere

E lo scorso settembre, un team di ricerca internazionale congiunto ha annunciato di essere stato in grado – per la prima volta – di trovare segni chimici che indicano la possibilità di vita su Venere, dopo che erano solo previsioni di decenni fa.

Il gas fosfina, che è stato osservato in grandi quantità nell’atmosfera del pianeta, si sta formando sulla Terra; A causa della presenza di organismi viventi, sia per l’attività umana che per alcuni tipi di batteri, e gli scienziati non conoscono alcun metodo chimico per produrlo su Venere; Ciò li ha portati a presumere che ci siano immagini accurate della vita sulla sua superficie.

READ  Come suddividere l'orario di lavoro in Google Calendar
Il telescopio Jaya fornisce i dati e le mappe più accurati relativi alla Via Lattea nel 2020 (NASA)

Gaia nella Via Lattea

Una delle scoperte più importanti nel 2020 riguarda i risultati del telescopio spaziale “Gaia” dell’Agenzia spaziale europea, la più importante delle quali è stata a giugno la costruzione di una sequenza storica, che è la più accurata fino ad oggi in cosmologia, della nostra galassia Via Lattea negli ultimi 13 miliardi di anni. Ciò contribuirà a raggiungere una migliore comprensione del futuro della nostra galassia e della natura delle galassie in generale.

Per quanto riguarda questo dicembre, il telescopio ha rilasciato un nuovo pacchetto di dati, sufficiente per adottare ora la mappa più accurata possibile della Via Lattea, poiché questa versione trasporta informazioni su 1,8 miliardi di stelle, con una precisione eccezionale nel determinare le posizioni di quelle stelle simile al processo di determinazione della posizione di un capello A una distanza di mille chilometri.

La missione giapponese “Hibusa-2” raccoglie campioni di suolo e roccia dall’asteroide “Ryugu” (NASA)

Campioni abissali

D’altra parte, l’agenzia spaziale giapponese ha annunciato il successo della sua missione “Hayabusa-2” nell’invio sulla Terra di campioni isolati e ben conservati del suolo e delle rocce dell’asteroide “Ryugu”, uno dei risultati più importanti del 2020.

“Ryugu” si trova a una distanza di circa 300 milioni di chilometri dalla terra e si ritiene che abbia circa 4,5 miliardi di anni. Ciò significa che il suo materiale potrebbe contenere alcuni segreti della formazione del sistema solare nei suoi primi momenti e gli scienziati potrebbero essere in grado di comprendere attraverso questi campioni le origini della vita nel sistema solare Questa modalità di volo spaziale non si fermerà.

L ‘”Osiris Rex” dell’agenzia spaziale e aeronautica della NASA (Nasa) è stato in grado per la prima volta, lo scorso ottobre, di toccare l’asteroide “Bennu” e di prelevare il suo primo lotto di campioni. Come Hyposa-2, Oasis-Rex trasporterà i suoi campioni sulla Terra entro diversi anni.

READ  I cosmonauti russi iniziano una serie di passeggiate spaziali per integrare Noka nella Stazione Spaziale Internazionale

Nobel Astronomia e Spazio

Ma non c’è dubbio che il risultato scientifico più importante del 2020 nel campo dell’astronomia e dello spazio sia stato il suo vincitore del Premio Nobel per la fisica per la seconda volta consecutiva, poiché Roger Penrose dell’Università di Oxford ha vinto metà del premio per i suoi risultati teorici in Capire i buchi neri.

Per quanto riguarda Renard Genzel del German Max Planck Institute e dell’Università della California, American e Andrea Gies dell’Università della California, USA, hanno ricevuto l’altra metà del premio per i loro risultati sperimentali sul campo. Lui stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *