“Se dimentichiamo le persone, a cosa serve tutta la tecnologia?” | Scienza

Per qualcuno la cui adolescenza è caduta negli anni ’80, il nostro tempo ora sembra un po ‘deludente in un certo senso: dove sono tutti i fantastici robot?

Che si tratti della distopia in stile Blade Runner e di Terminator, o di qualcosa di Knight of Justice e di un’auto robotica KITT rispettosa della legge, tutto è un po ‘piatto. I robot nel 2020 sono un’ombra sbiadita del genio meccanico delle prime fantasie di Hollywood.

Christina Anderson è quella che ha comunque mantenuto il fascino dei giovani per i nostri assistenti meccanici e informatici, e ammette che i robot potrebbero non aver soddisfatto le aspettative più sfrenate, ma abbiamo già un’IA con cui possiamo avere una discussione abbastanza ragionevole.

Christina Anderson è stata guest star al Kvanthopp questa settimana.

E crede che i robot e l’intelligenza artificiale, dopotutto, stiano travolgendo gli esseri umani in molte aree: vedono le cose con sensori super nitidi e tracciano cose per cui il nostro cervello biologico non è stato progettato.

Intelligenza artificiale.

Intelligenza artificiale.
Immagine: Valery Kashef
Robot e intelligenza artificiale

Anderson ha 30 anni alle spalle come imprenditore, docente, autore e consulente in strategia, gestione aziendale e apprendimento. La sua esperienza è stata utilizzata sia a livello di Ministero che a livello di Unione Europea. È chiaramente appassionata di tecnologia: robotica e robotica, intelligenza artificiale (AI) e, più recentemente, computer quantistici. E ovviamente l’apprendimento.

– Sono entusiasta di imparare! Mi piace imparare cose nuove. Ecco perché canto anche io. La canzone dà l’opportunità di imparare qualcosa di nuovo con tutto il corpo.

Zoom in isolamento

Christina Anderson, nonostante la tecnologia come ancora di salvezza nell’isolamento della corona, è stata recentemente in grado di sottolineare che potrebbe essere una cosa abbastanza buona con riunioni di prossimità e lavoro di gruppo a distanza.

READ  Google Pixel 6 sarà alimentato dal primo chip interno dell'azienda: un rapporto

Le persone stavano diventando sempre più sole. Forse dovremmo trovare altri modi per lavorare insieme. Potremmo muoverci verso una qualche forma del paradigma ibrido, in parte con riunioni remote e in parte con riunioni fisiche in qualche forma. Ma questa cosa della solitudine e del parlare sullo schermo non funziona a lungo termine.

Un uomo tiene uno smartphone in mano.  Lo smartphone ha l'app Zoom aperta.

La realtà sociale oggi per molti.
Un uomo tiene uno smartphone in mano. Lo smartphone ha l’app Zoom aperta.
Foto: Mattia Sedda / EPA
Ingrandire

Christina Anderson ama robot e robot, ma per lei l’uomo è sempre al centro.

Se dimentichiamo una persona, qual è lo scopo di tutto? Niente!

La nostra conversazione scivola nello scrittore di fantascienza Isaac Asimov che ha scritto molto sulla robotica. Negli anni Quaranta stabilì quelle che chiamava le Tre Leggi della Robotica, che sono ancora valide e discutibili.

Il robot non deve mai danneggiare un essere umano, o permettere che un essere umano venga ferito, non interferendo.
2. Il robot deve obbedire ai comandi umani, a meno che questi ordini non siano in conflitto con la prima legge.
Il robot deve proteggere la sua presenza, a meno che ciò non sia in conflitto con la prima o la seconda legge.

Con i robot sempre più utilizzati per la sorveglianza e simili, dobbiamo applicare le leggi di Asimov in un modo molto tangibile e imprimerle in modo permanente nei circoli robotici?

Bene, ora ci sono droni e altri robot che hanno ucciso persone. In guerra questo significa. Sappiamo che questa tecnologia è stata sviluppata in paesi come gli Stati Uniti e la Russia, dove il lato militare è forte.

READ  Lo smartwatch della serie Motorola Moto G verrà rilasciato entro la fine dell'anno

I robot di cura stanno arrivando

Tuttavia, la maggior parte di noi difficilmente incontrerà un robot assassino o un drone. D’altra parte, potrebbe essere un robot premuroso. In Giappone, questo è molto comune. Il Giappone è un paese che invecchia con pochissimi operatori sanitari che si prendono cura di tutti coloro che hanno bisogno di cure e di un’azienda. Proprio come la Finlandia. E come in Giappone, i robot si uniranno sempre più ai caregiver, pensa Anderson.

Guarda positivamente le opportunità qui. Ma i robot non dovrebbero sostituire i caregiver umani, ma piuttosto aiutarli. In modo che tutti abbiano accesso alle cure e nessuno debba essere solo. I robot aiuteranno ad avere una buona vita.

Francamente, questo era l’obiettivo del programma del Ministero degli affari sociali e della salute a cui ho partecipato, che è quello di utilizzare i robot in modo che le persone si sentano meglio. Questo è qualcosa su cui voglio lavorare per il resto della mia vita.

Camminava come Stromso, Zuckerberg?

Nella nostra conversazione, entriamo in molti altri aspetti della tecnologia che hanno peggiorato la vita di molti e del mondo in generale. Il pensiero e la polarizzazione estremisti sono aumentati e la tecnologia ha spesso isolato le persone l’una dall’altra invece di unirle.

Ho chiesto a Christina Anderson se pensava, ad esempio, che il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg avesse un motivo per congratularsi con se stesso per il suo lavoro? Dopotutto, ha fondato un servizio online per classificare i suoi compagni di classe in base all’apparenza, e quel servizio ha finito per minacciare in un modo o nell’altro il futuro della civiltà e della democrazia occidentale.

READ  L'enorme perdita di MacBook Pro rivela un fantastico aggiornamento Apple

– Assolutamente no, e qui ci sono molte cose che voglio combattere. Ad esempio, non voglio avere il riconoscimento facciale ovunque, per usarlo contro le persone e la loro libertà.

Un sistema di intelligenza artificiale che riconosce il volto di un uomo.

L’occhio del Grande Fratello sulla città.
Un sistema di intelligenza artificiale che riconosce il volto di un uomo.
Immagine: Andrey Popov
Riconoscimento facciale

I criminali sono una cosa, ma noi persone comuni che commettiamo i nostri errori siamo qualcosa di completamente diverso. Non voglio un sistema di punti sociali in cui vado al semaforo rosso e non prendo il passaporto perché ero una persona così cattiva.

Se la tecnologia viene utilizzata per tali scopi, rappresenta una minaccia per la democrazia. Là dobbiamo lottare e chiedere che ciò non avvenga in Finlandia o all’interno dell’Unione europea. Là dobbiamo essere vigili.

Scopri di più sulla robotica con Christina Anderson al Kvanthopp nell’Arena o allo Yle Vega il sabato 12.03 o la domenica alle 8.05.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *