L’Unione Europea sta rivedendo le sue stime per la crescita dell’area dell’euro verso l’alto

La Commissione europea ha rivisto al rialzo la sua stima di crescita della zona euro quest’anno e il prossimo, ma ha avvertito dei rischi posti dalle nuove varianti del coronavirus che devono essere contenute per evitare nuove restrizioni.

Anche il braccio esecutivo dell’Unione Europea si aspettava che l’inflazione fosse più alta quest’anno di quanto previsto in precedenza, ma ha previsto che la crescita dei prezzi al consumo rallenterà l’anno prossimo.

La Commissione dell’Unione Europea ha previsto che l’eurozona crescerà del 4,8% quest’anno, molto più velocemente della crescita del 4,3% che aveva previsto a maggio.

La commissione ha affermato che la significativa revisione è stata in gran parte dovuta alla riapertura delle economie nazionali del blocco nel secondo trimestre, che ha beneficiato il settore dei servizi e si prevede che aumenterà il turismo all’interno dell’Unione europea.

La ripresa dalla crisi economica causata dalla pandemia dovrebbe continuare il prossimo anno, con la zona euro prevista in crescita del 4,5%, più del tasso di espansione del 4,4% stimato a maggio.

Tuttavia, il comitato ha avvertito che i rischi per le prospettive rimangono elevati, sebbene siano considerati equilibrati.

Ha sollecitato un’ulteriore intensificazione della campagna di vaccinazione per contenere le minacce poste dalla diffusione e dall’emergenza delle varianti del Coronavirus, in particolare la variante delta più trasmissibile.

Si prevede che Delta diventerà dominante in Europa quest’estate, ha affermato la commissione, citando le stime dell’agenzia di prevenzione delle malattie dell’Unione europea.

“Dobbiamo raddoppiare i nostri sforzi nella vaccinazione, basandoci sugli impressionanti progressi compiuti negli ultimi mesi: la diffusione della variabile delta è un duro promemoria che non siamo ancora fuori dall’ombra dell’epidemia”, ha affermato il commissario Ue all’Economia Paolo Gentiloni.

READ  IE Business School è in cima alla classifica QS Online MBA

Un’introduzione più rapida del vaccino è considerata la misura chiave per evitare un nuovo rafforzamento delle misure di contenimento contro il virus, che a sua volta potrebbe influire sulla crescita.

Tuttavia, il comitato ha riconosciuto che la campagna di vaccinazione “può iniziare a superare i limiti di ammissione”.



Nonostante le preoccupazioni, Bruxelles ha rivisto al rialzo le sue previsioni di crescita per quest’anno per le tre maggiori economie del blocco, con la Francia in espansione del 6%, l’Italia del 5% e la Germania del 3,6%.

L’anno prossimo, la crescita accelererà al 4,6% in Germania e dovrebbe rimanere forte al 4,2% sia in Francia che in Italia, anche se la previsione per l’Italia è leggermente inferiore rispetto al 4,4% precedentemente stimato.

L’inflazione, che è diventata una delle principali preoccupazioni per gli economisti con l’accelerazione della crescita economica globale, dovrebbe raggiungere l’1,9% quest’anno nella zona euro, rispetto all’1,7% stimato dalla Commissione a maggio. L’anno prossimo dovrebbe rallentare all’1,4%.

La Banca centrale europea punta a un’inflazione nell’Eurozona di poco inferiore al 2%.

Tuttavia, l’esecutivo dell’UE ha avvertito che “l’inflazione potrebbe diventare più alta del previsto, se i vincoli di offerta persistono e le pressioni sui prezzi vengono trasferite ai prezzi al consumo in modo più aggressivo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *