Lo storico dell’arte afferma che i musei occidentali devono restituire i manufatti rubati “per stare dalla parte giusta della storia”

https://www.cbc.ca/radio/thecurrent/the-current-for-nov-10-2021-1.6243906/wednesday-november-10-2021-full-transcript-1.6245017#segment3

Dopo che la Francia ha restituito 26 manufatti culturali alla nazione dell’Africa occidentale del Benin questa settimana, uno storico dell’arte ha affermato che le istituzioni che ancora conservano il bottino coloniale erano necessarie per “ottenere la nota” e rimpatriare i tesori culturali.

“Non possono fare lo struzzo, devono affrontare [to] “Verità ed essere dalla parte giusta della storia”, ha detto Chika Oki-Agulu, storica dell’arte nigeriana e professore di arte africana all’Università di Princeton.

Le forze francesi hanno rubato 26 oggetti, tra cui statue e il trono reale, dal Regno del Dahomey nell’attuale Benin meridionale nel 1892. Il presidente del paese, Patrice Talon, ha incontrato il presidente francese Emmanuel Macron a Parigi martedì per celebrare il suo ritorno a casa.

Gli esperti lo stimano Migliaia di opere d’arte e manufatti africani Riposano ancora in musei e cantine lontano da casa – e crescono le richieste per il loro ritorno. La Germania ha accettato di restituire centinaia di pestilenze e sculture, Conosciuti come Bronze Boysalla Nigeria.

Guarda | George the Poet esegue un pezzo parlato per i Boys Bronze

Okeke-Agulu ha parlato con il corrente Matt Galloway su quelle chiamate e perché tornare è così importante. Ecco parte della loro conversazione.

Il presidente del Benin ha descritto questo come il ritorno della “nostra anima”. …dacci un’idea dell’importanza di questi 26 elementi.

Questi sono alcuni dei più importanti patrimoni culturali del popolo del Benin, l’ex Regno del Dahomey.

Queste cose, sebbene materiali, incarnano tutto ciò che la società stessa ha immaginato. Sia in relazione al passato, sia al futuro che immaginava per se stessa, ovviamente, fino all’arrivo della macchina imperiale europea.

READ  L'ufficiale di polizia del Campidoglio degli Stati Uniti ferito durante l'assedio del 6 gennaio è morto per cause naturali: il medico legale

Dimmi di più su questo perché di nuovo, c’è l’elemento fisico, ma poi, cosa rappresentano gli elementi?

Penso che un modo per valutare cosa questo significhi per la gente sia l’incredibile entusiasmo sociale e culturale tra ampi segmenti della popolazione del Benin oggi. [And] Quando hanno sentito la notizia del ritorno, oltre il confine… in Nigeria, la stessa incredibile effusione di gioia. E in un certo senso, gratitudine per aver restituito queste cose, perché è un modo per le persone che sono state disumanizzate per così tanto tempo per iniziare a sistemarsi. Queste società sono state sfigurate dall’incontro coloniale e hanno avuto in esilio parte del loro patrimonio culturale più importante.

Un visitatore passa la porta del Palazzo del Re del XIX secolo al Musée du Quai Branly-Jacques Chirac a Parigi nel 2018. La porta e altri manufatti sono stati rimossi da quello che oggi è il Benin durante il periodo coloniale. (Michelle Euler/The Associated Press)

Sentiamo spesso i musei di tutto il mondo dire che avere pezzi provenienti da tutto il mondo nelle loro collezioni è una buona cosa perché questi pezzi sono alla portata di tutti – e il mondo può vedere questi pezzi e imparare di più sulle loro radici e le culture da cui provengono . Quando senti questa giustificazione, cosa ti passa per la mente?

È un argomento stupido. È incredibile, sai, che persone ragionevoli facciano affermazioni del genere.

Eppure le affermazioni restano.

Ma è per questo che dovrei chiamarlo per quello che è, giusto? Il fatto che li facciano rende le accuse meno stupide e meno arroganti.

Pensa a cosa significa: che alcuni ragazzini della Nigeria possono sempre andare al British Museum o al Metropolitan Museum… a guardare i bronzi del Benin.

Quando le persone in Europa e in America si siedono e parlano di queste cose che entrano nel mondo, stanno parlando [about] Rivolgiti a persone provenienti da Europa, America e forse da alcuni ricchi paesi asiatici. È difficile per le persone viaggiare dal continente africano per andare in Europa a vedere queste cose, quindi dammi una pausa. Certo che lo hanno fatto, quindi possono dire: “Beh, li terremo per il resto del mondo”.

Un visitatore osserva una statua in ottone che rappresenta un trombettista durante una mostra incentrata sull’arte alta in Benin, il 2 ottobre 2007, al Musée du Quai Branly – Jacques Chirac a Parigi. (AFP/Getty Images)

Immagina solo il contrario. E se svuotassimo il Metropolitan Museum e spostassimo tutte le cose a Lagos e dicessimo: “Ok, teniamole a Lagos affinché il resto del mondo venga a Lagos e studi e apprezzi questi patrimoni culturali del mondo”. Non credo che a nessuno di loro piacerebbe questo suggerimento.

Hai citato il British Museum. Sei un nigeriano. Personalmente, come ti sei sentito quando hai visto manufatti del Regno nigeriano del Benin in un museo?

Beh, all’inizio ero entusiasta di vedere queste cose diventare realtà. Per lo più alla scuola d’arte, nei miei studi di storia dell’arte in Nigeria, non avevi molto accesso alle cose materiali.

Ma quando vieni al British Museum per vedere queste cose da vicino, vieni ad apprezzare nuovamente l’incredibile arte e la straordinaria creatività degli artisti africani del passato, giusto? Quindi questo è stato un grande incontro.

Ma ovviamente, questo si è rapidamente trasformato in rabbia, infatti, che dovevo viaggiare così lontano per poter vedere queste cose. I miei colleghi dell’Università della Nigeria, Nsukka, a quel punto nessuno di loro aveva visto queste cose.

Stava guardando le cose in esilio più o meno, giusto? Questi sono intrappolati in serrature di sicurezza e vetrine. E fu allora che mi venne in mente che prima o poi avrei dovuto unire le forze per chiedere il ritorno di queste cose. Questo è ciò a cui siamo arrivati ​​oggi.


Scritto da Padrej Moran. Prodotto da Niza Liaba Nondo. Domande e risposte sono state modificate per lunghezza e chiarezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *