Contrabbando di rifiuti marci – arresto di un ministro

Contrabbando di rifiuti marci – arresto di un ministro

L’isolato ministro dell’Ambiente tunisino e diverse altre persone sono state arrestate con l’accusa di contrabbando di grandi quantità di rifiuti dall’Italia alla Tunisia. Le discariche illegali sono un problema crescente nel paese.

In viaggio per la Tunisia? Un mucchio di immondizia in decomposizione può essere visto alla periferia della capitale italiana, Roma. Galleria fotografica.immagine: Andrew Medicini / AP / TT

La scorsa estate, i funzionari doganali hanno scoperto quasi 300 container sospetti nella città costiera di Sousse. I contenitori che provenivano dall’Italia erano contrassegnati come plastica per il riciclaggio, ma quando sono stati aperti si è scoperto che contenevano rifiuti domestici in decomposizione, un tipo di rifiuto illegale da importare in Tunisia.

La scoperta dei rifiuti ha causato uno scandalo politico che ha avuto un impatto sul livello di governo. Domenica, il primo ministro Hisham El-Mechishi ha licenziato il ministro dell’ambiente del paese, Mustafa Al-Aroui, per i suoi sospetti legami con quanto accaduto.

Il commercio globale di rifiuti cresce ogni anno e l’industria soffre di problemi ricorrenti con le nazioni ricche industrializzate che smaltiscono i propri rifiuti in paesi meno ricchi che sono spesso meno attrezzati per prendersi cura dei rifiuti.

Nell’agosto di quest’anno, l’INTERPOL ha avvertito che le reti criminali si stanno concentrando sempre più sul contrabbando di rifiuti, principalmente in Asia, ma anche in altre parti del mondo.

READ  Le famiglie del volo PS752 denunciano l'RCMP per non aver avviato un'indagine penale interna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *