Il Pentagono ordina a una portaerei americana di rimanere nel Mar Mediterraneo vicino a Israele – World News

Il Pentagono ordina a una portaerei americana di rimanere nel Mar Mediterraneo vicino a Israele – World News

Il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha ordinato alla portaerei USS Gerald R. Ford e ad un’altra nave da guerra di rimanere nel Mediterraneo per diverse settimane per mantenere una presenza di due portaerei vicino a Israele mentre la guerra con Hamas continua, hanno detto funzionari statunitensi.

Questa sarà la terza volta che il dispiegamento della Ford verrà esteso, evidenziando le continue preoccupazioni sulla volatilità nella regione durante la guerra di Israele a Gaza. Gli Stati Uniti hanno due portaerei nella regione, il che è una rarità negli ultimi anni.

Diversi funzionari statunitensi hanno confermato, a condizione di anonimato, gli schieramenti più lunghi approvati questa settimana per i veicoli Ford e l’incrociatore USS Normandy, poiché non sono stati ancora annunciati. Lo schieramento di altre navi nel gruppo d’attacco Ford è già stato esteso.

Il Pentagono ha intensificato la sua presenza militare nella regione dopo gli attacchi di Hamas del 7 ottobre per dissuadere l’Iran dall’espandere la guerra in un conflitto regionale. Nei mesi successivi, i militanti sostenuti dall’Iran in Iraq e Siria hanno sfruttato la guerra per lanciare regolari attacchi missilistici, droni e missilistici contro le installazioni militari statunitensi lì.

Nel frattempo, le navi da guerra statunitensi nel Mar Rosso hanno intercettato missili lanciati verso Israele dalle aree dello Yemen controllate dai ribelli Houthi sostenuti dall’Iran. Hanno anche abbattuto droni d’attacco unidirezionali diretti verso le navi e hanno risposto alle richieste di aiuto di navi commerciali che hanno subito attacchi prolungati da parte degli Houthi vicino allo stretto stretto di Bab al-Mandeb.

READ  L'amministrazione Trump decide di imporre nuove sanzioni ai prodotti europei

A partire da venerdì, ci sono 19 navi da guerra statunitensi nella regione, di cui sette nel Mediterraneo orientale e altre 12 distese lungo il Mar Rosso, attraverso il Mar Arabico e nel Golfo Persico.

Austin ordinò a Ford e al suo gruppo d’attacco di salpare verso il Mediterraneo orientale l’8 ottobre, il giorno dopo l’attacco di Hamas che scatenò la guerra.

La decisione di mantenere la portaerei Ford – la più recente portaerei della Marina – nella regione arriva nel momento in cui il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant ha dichiarato giovedì che per distruggere Hamas ci vorranno mesi, anticipando una guerra a lungo termine.

Il consigliere americano per la sicurezza nazionale Jake Sullivan si è incontrato con i leader israeliani per discutere un calendario per porre fine ai grandi combattimenti a Gaza, ma hanno ribadito la loro determinazione a continuare a combattere finché Hamas non sarà schiacciato.

I circa 5.000 marinai della Ford stavano aspettando la decisione del Pentagono se tornare a casa per le vacanze. La nave partì da Norfolk, in Virginia, all’inizio di maggio per uno schieramento presso il comando europeo degli Stati Uniti, e sarebbe dovuta tornare a casa secondo il programma originale entro l’inizio di novembre.

Il piano originale prevedeva che il gruppo d’attacco della portaerei USS Dwight D. Eisenhower sostituisse il gruppo Ford nell’area. Ma Sabrina Singh, in una conferenza stampa al Pentagono il 17 ottobre, ha affermato che Austin ha deciso di estendere lo spiegamento della Ford e di far sì che sia Eisenhower che Ford coprano le acque dall’Europa meridionale al Medio Oriente.

I leader militari statunitensi pubblicizzano da tempo l’efficacia delle portaerei statunitensi come mezzo di deterrenza, anche contro attacchi, dirottamenti e altri comportamenti aggressivi da parte dell’Iran e delle sue navi, compresi gli attacchi alle navi commerciali nel Mar Rosso da parte degli Houthi.

READ  Possibile meteorite colpisce la casa del New Jersey, nessun ferito - World News

Il piano è di mantenere Ford lì per molte altre settimane, hanno detto i funzionari.

La nave “Eisenhower” si trova nel Golfo di Oman e pattuglia il Medio Oriente insieme all’incrociatore “USS Philippine Sea”. Tre navi da guerra – la USS Carney, la USS Stethem e la USS Mason, tutte cacciatorpediniere della Marina – si muovevano quotidianamente attraverso Bab al-Mandab per contribuire a scoraggiare e rispondere agli attacchi Houthi.

Altre navi che fanno parte del gruppo d’attacco di Ford includono i cacciatorpediniere USS Thomas Hudner, USS Ramage, USS Carney e USS Roosevelt.

Mentre gli Stati Uniti mantenevano regolarmente due portaerei in Medio Oriente durante il culmine delle guerre in Iraq e Afghanistan, negli ultimi anni hanno cercato di spostare la propria attenzione e la presenza navale nella regione dell’Asia-Pacifico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *