Ex dirigenti del Mirror sotto accusa nel caso di hacking di Harry

Ex dirigenti del Mirror sotto accusa nel caso di hacking di Harry

Nel 1994, Sly Billy divenne il membro più giovane di sempre del consiglio di amministrazione di IPC Media, all’età di 31 anni – Paul Grover

Sly Bailey, ex amministratore delegato del Trinity Mirror, ha chiesto di testimoniare a distanza dalla Spagna nel caso del Duca di Sussex. Battaglia legale con i giornali del Gruppo MirrorMa il giudice Fancourt ha respinto la sua richiesta.

Nata Sylvia Grace, 61 anni, ha iniziato la sua carriera come truccatrice per Revlon prima di unirsi al The Guardian lavorando nelle vendite pubblicitarie nel 1984 e passare al The Independent come direttore pubblicitario nel 1987.

Per anni è stata considerata una delle donne più potenti nei media britannici, ricoprendo numerosi ruoli aziendali di alto livello presso IPC Media, editrice di Marie Claire, Loaded e Country Life. Nel 1994, all’età di 31 anni, è diventata il membro più giovane del Consiglio di amministrazione dell’IPC.

È stata CEO di Trinity Mirror dal febbraio 2003 al giugno 2012, quando Si è dimesso dalla sua posizione sei mesi prima del previsto Il gruppo ha riformato il suo senior management.

A maggio, lei “categoricamente” respinta. È stata coinvolta in qualsiasi insabbiamento di attività illegali presso The Mirror o altri giornali e ha anche negato le accuse di aver fornito “prove fuorvianti” nell’indagine Leveson del 2012.

Il giudice Fancourt ha descritto la signora Bailey, che ora vive in Spagna, come una “testimone riluttante ed evasiva” e ha detto che “non era soddisfatto che lei avesse fatto di tutto per aiutare”. [him] Dal banco dei testimoni.

Ha detto nella sua sentenza: “Lei si è spesso rifugiata dietro una presunta incapacità di ricordare eventi, alcuni dei quali erano questioni veramente importanti durante il suo periodo come CEO; in effetti, alcuni di loro rappresentavano minacce esistenziali per gli affari di TM plc”.

READ  Sony acquista lo sviluppatore richiamato Housemarque, probabilmente Bluepoint
Paolo Vickers

Paul Vickers, ex direttore legale del Mirror Newspaper Group – Mark St George/Enterprise News

Criticando la signora Bailey insieme a Paul Vickers, ex direttore legale del gruppo del quotidiano Mirror, ha detto che i due “non hanno riferito al consiglio ciò che sapevano o sospettavano”.

Ha aggiunto: “La signora Bailey e il signor Vickers avrebbero dovuto indagare adeguatamente sulla possibilità di un’attività illegale diffusa, al più tardi all’inizio del 2007, ma ciò non è mai accaduto”.

È emerso che il signor Vickers sapeva o sospettava che si fosse verificato un attacco telefonico, ma non ne ha informato il consiglio di amministrazione della società.

L’avvocato senior del gruppo fino alla fine del 2014 aveva già dichiarato in udienza di non essere a conoscenza dell'”intercettazione della segreteria telefonica” sui giornali fino al dicembre 2013, quando la polizia metropolitana ha avviato un’indagine penale sull’hacking telefonico e “ha fornito la chiave che ha aperto la porta”. porta.” “. “.

Ha affermato che il quadro delle attività criminali organizzate è emerso nel tempo. Tuttavia, il giudice Fancourt non ha accolto questa affermazione.

Il giudice ha poi spiegato come Arrestato l’hacker Glenn Mulcairil signor Vickers ha affermato di “non credere che alla MGN si stesse verificando un attacco telefonico a causa della menzogna di ‘un giornalista disonesto’ del News of the World”.

Rispondendo a questa accusa, il giudice Fancourt ha detto: “Penso che fosse una bugia. Il signor Vickers ricopriva ormai da 14 anni una posizione di rilievo a Fleet Street, e l’idea che qualcuno nella sua posizione, un insider, si sarebbe lasciato ingannare da una bugia del genere pubblicata da un altro giornale è fantasiosa.

READ  I creatori di Overwatch 2 Flashpoint vogliono rifare le mappe 2CP preferite dai fan

Il signor Vickers si è qualificato come avvocato e poi è diventato segretario della società e direttore legale del gruppo di MGN nel 1992. Ha ricoperto le stesse posizioni presso Trinity Mirror dal 1999 al 2014.

È stato un architetto dell’Independent Press Standards Organization prima di dimettersi dalla carica di capo dell’ente finanziatore dell’organizzazione nel 2015, lasciando MGN dopo 22 anni con uno stipendio di oltre £ 400.000.

È stato caporedattore legale presso Telegraph Media Group, la società madre di The Telegraph e Sunday Telegraph, per poco meno di due anni. Attualmente lavora come consulente.

Allarga i tuoi orizzonti con il pluripremiato giornalismo britannico. Prova The Telegraph gratuitamente per un mese, poi goditi un anno a soli $ 9 con la nostra offerta esclusiva per gli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *