Accordo commerciale di blocco del pesce con Londra

Porto di Bridlington.Foto AFP

Il principale disaccordo rimanente riguarda l’accesso dei pescatori dell’Unione europea alle acque del Regno Unito dal 1 ° gennaio. Un funzionario dell’UE ha detto che le posizioni al riguardo erano “divergenti”. Sabato sono proseguiti i colloqui tra il negoziatore dell’UE Barnier e il suo omologo britannico Frost.

Barnier ha dichiarato venerdì mattina al Parlamento europeo che il “momento della verità” è arrivato. “Mancano solo poche ore”, ha detto Barnier. Secondo lui, un accordo è ancora possibile, “ma la strada per raggiungerlo è molto stretta”. Il primo ministro britannico Johnson ha definito la situazione “difficile” e sperava in “equità” da parte dell’Unione europea.

Dal 1 ° gennaio, i pescatori europei in linea di principio non avranno accesso alle acque di pesca britanniche. Per Londra questo è molto importante: non economico (il settore rappresenta al massimo lo 0,5 per cento del reddito nazionale britannico) ma politico e ideologico, perché il controllo dell’acqua è un simbolo della Brexit.

Non può essere superato

Bruxelles propone di ridurre del 20 per cento gli attuali diritti di pesca dell’UE in otto anni per attutire il colpo alla flotta peschereccia. Londra offre un periodo di transizione di tre anni durante il quale le catture dell’Unione europea saranno ridotte dell’80%. I diplomatici hanno concluso che “non può essere attraversato”.

All’inizio di questa settimana, il Parlamento europeo ha annunciato che il progetto di accordo dovrebbe essere pronto domenica sera. Solo allora i parlamentari possono leggere e valutare correttamente il testo (circa 700 pagine). L’accordo commerciale deve essere approvato dai parlamenti europeo e britannico e dagli Stati membri.

La pressione per raggiungere un accordo commerciale è enorme. Senza un accordo, il commercio tra l’Unione europea e il Regno Unito tornerà ad accordi internazionali di base. Ciò porta a tariffe di importazione, quote di esportazione, controlli doganali dispendiosi in termini di tempo, traffico aereo e merci molto limitato e la fine dell’accesso alle acque di pesca britanniche per i pescatori europei.

Nei giorni scorsi Barnier e Frost hanno raggiunto un accordo sull’accesso illimitato delle aziende britanniche al mercato dell’Unione Europea. In cambio, Londra si impegna a non deviare troppo dagli aiuti di Stato europei, dalle norme ambientali e dalle norme sociali per garantire una concorrenza leale. Barnier ha descritto come inaccettabile che le società britanniche potessero presto commerciare con l’Unione europea senza problemi mentre i pescatori europei venivano boicottati dagli inglesi.

Leggi anche

I pescatori francesi potrebbero perdere i loro vecchi diritti con la Brexit e non li accetteranno
Nel 2018 si è verificata una piccola battaglia navale tra i cacciatori di missili francesi e britannici. I negoziati sulla Brexit falliranno di nuovo? Nella città costiera francese di Granville, sembra già estremo: Non permettiamo più loro di attraccare da nessuna parte e chiudere tutti i terminal dei traghetti.

READ  Biden deve costruire un ponte con il nemico - VG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *