L’Italia sembra il vero affare, la doppietta di Locatelli aiuta a fare progressi verso gli ottavi di finale

Italia 3 Svizzera 0

Questa non è una manovra. Sei giorni dopo Euro 2020, l’Italia è diventata la prima squadra a qualificarsi per la fase a eliminazione diretta grazie a due gol superbi di Manuel Locatelli e un altro di Ciro Immobile, e una dimostrazione di forza collettiva che dovrebbe tenere sotto controllo il resto del campo. Entusiasta e unita, veloce con la palla e predatore senza, efficiente e divertente, questa Italia è stata finora la rivelazione del torneo, e qui la Svizzera non ha avuto risposte.

C’è qualcosa nei vincitori del titolo 2019-20 del Liverpool nella squadra italiana di Roberto Mancini, una formazione 4-3-3 completamente moderna con un audace pressing alto sulle fasce e la capacità di dominare il possesso palla senza alcun fascino. In un’atmosfera carnevalesca allo Stadio Olimpico, l’Italia ha messo a tacere la partita in un’ora, estendendo la sua striscia di imbattibilità a 29 partite, comprese le ultime 10 vittorie senza gol.

La vittoria per 3-0 sulla Turchia di venerdì è stata impressionante. La vera domanda, nel contesto del tracollo interno della Turchia contro il Galles all’inizio della giornata, era se potevano offrire lo stesso trattamento a un avversario superiore. Tutto questo è stato risposto nella prima mezz’ora dilagante, quando l’Italia si è schiantata contro gli svizzeri con i loro caratteristici attacchi rapidi e pressioni coordinate, e ha meritatamente portato in vantaggio con Locatelli.

Mancini ha avuto il lusso di nominare una squadra praticamente invariata, con Giovanni Di Lorenzo al posto dell’infortunato Alessandro Florenzi come terzino destro e Francesco Acerbi della Lazio al posto dell’infortunato capitano Giorgio Chiellini nel primo tempo. Indipendentemente da ciò, era più o meno come al solito.

READ  Prendere un giorno libero! - I migliori capi di Sheffield sono nella febbre di Euro 2020

Jorginho, Locatelli e Nicolo Parilla dominano il centrocampo. Leonardo Spinazzola è stato ancora una volta alla presenza incendiaria del terzino sinistro in avanti. Immobile avrebbe dovuto portare avanti l’Italia dopo 10 minuti di testacoda e un bel sorpasso di Spinazzola.

Un gol annullato da Chiellini – ha toccato la palla poco prima di sparare su corner di Lorenzo Insigne da distanza ravvicinata – ha fornito solo una tregua temporanea. Al 26′ Locatelli sale a giocare un gran pallone di sinistro, per la prima volta, davanti a Domenico Berardi sulla fascia destra. Invece di ammirare il suo lavoro, continuò a correre. Mentre Berardi sterzava, sterzava e incrociava, Locatelli era nella posizione perfetta per incassare la palla, dopo aver fatto uno sprint per tutte le 50 yard per finire la mossa che aveva iniziato.

L’italiano Manuel Locatelli e lo svizzero Nico Elvedi si contendono il pallone durante la partita di Roma. Foto: Riccardo Antimiani/AFP via Getty Images

La Svizzera non era male, così: a differenza della Turchia, almeno si vedono le ossa del piano, lavorare la palla sui lati prima di liberare Haris Seferovic e Brill Embolo in attacco. Ma mentre cercano con impazienza di costruire, si trovano in un’imboscata da successive ondate di blu. Con Acerbi e Leonardo Bonucci che divorano tutto in aria, anche il lancio lungo non era un’opzione. E così, a corto di idee, si sono semplicemente seduti: spettatori alla loro partita di campionato.

Il secondo periodo è iniziato almeno in modo più equilibrato, con la Svizzera che è avanzata un po’ e ha goduto di alcuni attacchi di possesso palla. Anche questa si rivela una crudele delusione. In realtà, questa era solo l’Italia che giocava i tempi in chiave, riprendendo fiato, invitando alla pressione per creare spazio per se stessi. Al sei minuti del primo tempo, Locatelli è tornato di corsa in quello spazio, ha raccolto un passaggio non compresso di Parilla e ha guardato per vedere i difensori svizzeri in piedi davanti a lui.

Così ha fatto volare Locatelli da 22 metri. Era il tipo di contatto gentile, il tipo di volo di palla, il tipo di colpo soddisfacente contro la rete, che avrebbe segnalato a Locatelli che questa era una di quelle notti: quando i pianeti si allineano e le lunghezze d’onda sono giuste e tutto funziona e basta . Yan Somer non si preoccupò di muoversi.

Così, con la vittoria ottenuta, potrebbe iniziare la parte informale della serata. Insigne e Berardi hanno avuto gli ultimi 20 minuti di pausa; Di Lorenzo ha messo la sua virilità sulla linea di porta per bloccare un tiro del deludente Xherdan Shaqiri; Gianluigi Donnarumma, che ha recentemente firmato per il Paris Saint-Germain, ha salvato bene dal sostituto Steven Zuber.

A due minuti dalla fine, Immobile ha finalmente segnato, segnando dalla distanza dopo che Rafael Tolói ha afferrato la palla in campo. Due partite in Italia sembrano una squadra senza gravi debolezze. – guardiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *