L’Italia potrebbe dirigersi verso l’ennesimo blocco nazionale

Ciò probabilmente significherebbe la fine di qualsiasi stazione sciistica che aprirà questa primavera. Alcuni resort l’hanno già descritto come un giorno con nuove restrizioni imposte questa settimana con l’aumento dei casi. il nuovo

L’Italia questa settimana ha superato la fase cupa dei 100.000 morti da quando l’epidemia è iniziata più di un anno fa.

Attualmente sta assistendo a 237 casi ogni 100.000 abitanti in un periodo di 7 giorni.

La scorsa settimana è stato 192.

Le unità di terapia intensiva ospedaliera in Italia sono nuovamente sotto pressione e il governo sta ora valutando di aumentare le restrizioni a livello nazionale, dall’estensione dell’attuale coprifuoco serale al blocco nazionale.

“Con questi numeri, abbiamo bisogno di misure più dure”, ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

“Non vi è alcun sostituto per misure più rigorose”.

Alcuni dei massimi esperti medici e scientifici italiani hanno affermato che è urgentemente necessario un altro blocco.

Anche la commissione tecnica scientifica del paese, CTS, sollecita restrizioni più severe.

Il 54% di tutti i casi in Italia sono oggi causati dalla cosiddetta variante inglese

Questa variante è in grado di diffondersi del 35-40% più velocemente rispetto alla varietà originale.

Lunedì le stazioni sciistiche venete si sono unite a quelle lombarde e piemontesi nel cosiddetto “livello arancio”.

L’imponente comprensorio sciistico Super Dolomite ha annunciato che non aprirà quest’inverno.

“È passato un anno da quel giorno che il blocco ha cambiato per sempre le nostre vite. Il 10 marzo 2020 è stato il giorno in cui tutti gli impianti di risalita e tutti gli alloggi, le capanne e i negozi della nostra destinazione sciistica sono stati chiusi”, ha detto questa settimana Dolomiti Superski.

READ  Le riserve dell'Italia salgono ancora negli straordinari per battere l'Austria e avanzare ai quarti di finale dell'Europeo

“E ora, un anno dopo, dovevamo annunciare che l’inverno 20/21 non sarebbe nemmeno iniziato. Chi avrebbe mai pensato a marzo dello scorso anno che dopo un anno non eravamo ancora in grado di sciare e muoverci liberamente e che la battaglia contro il la pandemia non era ancora finita? “

“La situazione è ancora surreale, ma noi non ci arrendiamo e crediamo in una bella estate da vivere tranquillamente e facilmente, e quindi continuiamo il nostro percorso e con forza e sostegno tutti voi e con la nostra comune passione ce la faremo”.

Dolomiti Superski, Italia

La Valle d’Aosta resta nella “zona gialla” con le località ancora chiuse.

Il ministro della Salute italiano Roberto Speranza ha detto che più “zone rosse” saranno probabilmente annunciate venerdì in tutto il paese con l’attuale sistema di misure regionali e locali.

“Stiamo guardando la curva e controllando le misure più appropriate”, ha detto lunedì.

“Mi aspetto che le varianti abbiano un impatto e che più aree diventino rosse”.

Con l’aumentare del numero di casi, un sondaggio ha affermato che il 44% degli italiani sosterrebbe un blocco rigoroso: due settimane fa la cifra era del 30%.

Almeno il 54% di tutti i casi in Italia sono oggi causati dalla cosiddetta variante inglese

Questa variante è in grado di diffondersi del 35-40% più velocemente rispetto alla varietà originale.

Secondo quanto riportato in Media italiani Il governo sta valutando 5 opzioni:

  1. Blocco nazionale

La misura più estrema considerata è un blocco completo per un massimo di quattro settimane. Questo potrebbe sembrare simile al blocco nella primavera del 2020 – con restrizioni che vanno oltre le attuali regole della “zona rossa” – o, in alternativa, il paese potrebbe essere sottoposto a restrizioni della “zona arancione”.

  1. Chiusure locali automatiche
READ  Il Kazakistan schiaccia l'Italia e riscrive la storia

Un’altra opzione presa in considerazione è quella di richiedere alle autorità locali di dichiarare zone rosse quando l’area supera 250 nuovi punti positivi per ogni 100.000 residenti in sette giorni. Attualmente, il decreto di emergenza di marzo conferisce ai governatori distrettuali il diritto di chiudere le scuole se questo standard viene superato.

  1. Operazioni di assicurazione nel fine settimana

In alternativa, i ministri possono decidere di annunciare un blocco rigoroso solo nei fine settimana, proprio come il sistema dei “giorni rossi” utilizzato a Natale e Capodanno – e che gli esperti sono ampiamente condannati in Italia che ha evitato il picco improvviso in nuovi casi subito dopo le vacanze. .

  1. Le regioni “arancioni” nei fine settimana

Una versione meno rigorosa del blocco nel fine settimana potrebbe significare la chiusura di bar e ristoranti e il divieto di lasciare il comune, ma i negozi sono aperti nei fine settimana.

  1. Coprifuoco prima

Secondo quanto riferito, il governo sta prendendo in considerazione l’introduzione del coprifuoco serale dalle 22:00 alle 19:00 o alle 20:00. In Francia, il coprifuoco nazionale inizia attualmente alle 18:00.

Qui a PlanetSKI, monitoreremo e aggiorneremo la situazione non appena verranno annunciate le decisioni.

Alta Badia, Italia

Alta Badia, Italia

Contactless Chalets – T … ›

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *