L’irrazionalità di Putin ha fatto sì che nessuno potesse impedire la guerra: l’inviato del Canada in Ucraina

Mentre l’ambasciata canadese in Ucraina si adegua alla nuova normalità del paese, l’ambasciatrice Larisa Galadza afferma che nulla avrebbe potuto impedire al presidente russo Vladimir Putin di intraprendere la sua guerra contro l’Ucraina.

Galadza ha detto in un’intervista su Rosemary Barton dal vivo andato in onda domenica.

I paesi occidentali stanno riaprendo le loro ambasciate in Ucraina dopo aver evacuato molte di loro in vista dell’invasione russa dell’Ucraina alla fine di febbraio. L’intelligence americana ha da tempo avvertito di questa invasione.

  • Quali domande hai sull’invasione russa dell’Ucraina? Invia un’e-mail a [email protected]

Riferendosi alle sanzioni che il Canada ha imposto alla Russia dalla sua annessione illegale della Crimea nel 2014 e dalla sua missione di addestramento militare, Galadza ha detto: “Non credo che ci sia nessuno che possa impedire a Putin di fare ciò che ha fatto Putin”.

Ha detto che sarebbe stato utile se la missione diplomatica canadese si fosse trasferita in Polonia all’inizio della guerra, poiché sarebbe stata più in grado di aiutare a coordinare la risposta alla grave crisi umanitaria innescata dall’invasione.

Guarda | Ambasciatore canadese in Ucraina in merito alla riapertura della sua ambasciata a Kiev:

L’ambasciatore canadese in Ucraina torna a Kiev

L’ambasciatore canadese in Ucraina, Larissa Galadza, parla con il principale corrispondente politico della CBC, Rosemary Barton, della riapertura dell’ambasciata canadese a Kiev e di com’è tornare in una città molto diversa da quella che hai lasciato.

L’Ambasciata canadese a Kiev ha riaperto lo scorso fine settimana durante a viaggio a sorpresa Da Trudeau alla capitale in tempo di guerra. Galadza ha detto che i suoi vestiti, come altre ambasciate occidentali, stavano tornando alle operazioni “passo dopo passo”.

READ  La Cina si oppone alla proposta di Vancouver Friendship City a Taiwan

Ha detto che è stato bello essere di nuovo in città e poter partecipare alla “diplomazia classica” e agli incontri uno contro uno.

“Ma era anche decisamente diverso. La città non è così piena di vita come al solito. Ci sono barricate. Ci sono sacchi di sabbia davanti agli edifici principali… Questa è solo una giustapposizione di molto normale e molto innaturale”, lei disse.

Ha osservato che la presenza consolare canadese è ancora più forte in Polonia.

Gladza ha anche descritto la devastazione a cui ha assistito nelle aree intorno a Kiev, incluso il suo tour di Irbin.

“È grande. È una città completamente distrutta.”

Lo spettacolo “win-win” della Finlandia: l’ex primo ministro

Mentre le ambasciate occidentali intensificano le loro operazioni nel paese, è in corso una diversa campagna diplomatica poiché la Finlandia annuncia ufficialmente la sua intenzione di aderire alla NATO, con un annuncio simile probabilmente dalla Svezia dopo che l’idea è stata approvata dal partito al governo domenica.

Entrambi i paesi hanno sempre adottato una politica di neutralità, ma questa posizione è stata infranta dall’invasione russa dell’Ucraina.

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha affermato che la mossa “non può non suscitare il nostro rammarico, ed è una ragione per simili risposte eque da parte nostra”.

Ma in un’intervista con la CNN domenica, il presidente finlandese ha detto che la sua conversazione con Vladimir Putin è stata “tranquilla e meravigliosa”, anche se quest’ultimo ha definito il cambiamento un “errore”.

Guarda | L’ex primo ministro finlandese discute la candidatura del suo Paese alla NATO:

La Finlandia annuncia l’intenzione di fare domanda per l’adesione alla NATO

L’ex primo ministro finlandese Alexander Staub parla con il capo corrispondente politico della CBC Rosemary Barton della decisione del Paese di aderire alla NATO e del rischio di ritorsioni russe.

READ  Il missionario di Springdale dice che l'Haiti che amava non c'è più dopo i rapimenti

L’ex primo ministro finlandese Alexander Staub, che è stato primo ministro del paese dal 2014 al 2015 e ha ricoperto diversi incarichi ministeriali precedenti, incluso il ministro degli esteri, ha affermato che l’offerta di Barton Finland è stata una “vincente per tutti”, che ha incoraggiato entrambe le parti.

“Si potrebbe dire che questa è l’espansione della NATO di Putin”, ha detto. “Penso che dovrei ringraziarlo”.

Stubb ha affermato di essere stato a lungo un sostenitore dell’ingresso della Finlandia nella NATO, chiedendo un misto di “idealismo e realismo nella nostra politica di sicurezza, il che significa che cooperiamo con la Russia da un lato, ma dall’altro otteniamo tutta la sicurezza che abbiamo potere.”

I sondaggi d’opinione in Finlandia indicano che l’approvazione pubblica dell’adesione alla NATO è cambiata radicalmente, con una solida maggioranza ora favorevole.

Stubb ha anche notato che la risposta della Russia è stata più debole di quanto si aspettasse.

“Penso che la reazione dalla Russia sia stata in realtà molto moderata e calma. In questo senso, sono stupito che non ci sia un linguaggio più duro”, ha detto a Barton.

“Riteniamo che questo sia solo vantaggioso per l’equilibrio generale della sicurezza nella regione. La Russia sa che non li attaccheremo”.

Trudeau ha affermato che il Canada sostiene l’adesione di Finlandia e Svezia, nonché degli Stati Uniti. La Turchia ce l’ha riserve espresse Ma Stubb ha detto che non pensava che sarebbero rimasti in quella posizione.

Puoi guardare gli episodi completi di Rosemary Barton Live su CBC Gem, il servizio di trasmissione tramite CBC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.