L’Iran svela un missile ipersonico avanzato mentre Khamenei elogia il “fallimento” di Israele | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

L’Iran svela un missile ipersonico avanzato mentre Khamenei elogia il “fallimento” di Israele |  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

La dimostrazione di forza iraniana avviene nel contesto di una crescente presenza militare statunitense nella regione dopo che Israele ha iniziato a bombardare Gaza.

Teheran, Iran – L’Iran ha presentato una versione aggiornata del suo missile ipersonico durante una mostra militare per il leader supremo del paese.

L’ayatollah Ali Khamenei domenica ha visitato un’università gestita dal dipartimento di aviazione del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche a Teheran, dove una versione più avanzata del missile ipersonico Fattah era esposta insieme a una serie di armi, tra cui un drone di fabbricazione iraniana a Gaza.

Sono state inoltre svelate una nuova versione della serie di droni Shahed e una versione aggiornata del sistema di difesa missilistica 9-Day in grado di lanciare proiettili a corto e medio raggio.

Inoltre, l’IRGC ha presentato un nuovo sistema di difesa missilistica chiamato Mehran, che secondo quanto riferito utilizza missili a combustibile solido.

L’Iran ha presentato il missile per la prima volta a giugno, unendosi a un piccolo gruppo di paesi, tra cui Cina e Russia, che possiedono armi in grado di percorrere lunghe distanze con forte manovrabilità.

I media statali iraniani hanno affermato che il missile Fattah 2 è un veicolo planante ipersonico (HGV), un proiettile che plana verso il suo bersaglio dopo il lancio iniziale, fornendo una maggiore manovrabilità rispetto a una testata balistica che si muove secondo uno schema ad arco più prevedibile.

Domenica non sono state fornite ulteriori informazioni sulla versione aggiornata, ma l’Iran ha affermato che il Fattah è in grado di muoversi a velocità fino a Mach 15 (5,1 chilometri o 3,2 miglia al secondo) con un’autonomia fino a 1.400 chilometri (870 miglia).

READ  Lo storico dell'arte afferma che i musei occidentali devono restituire i manufatti rubati "per stare dalla parte giusta della storia"

Funzionari dell’IRGC avevano affermato a giugno che la forza d’élite avrebbe potuto cercare di migliorare la portata dei suoi missili ipersonici a 2.000 chilometri (1.242 miglia), coprendo efficacemente la distanza da Israele, il nemico regionale dell’Iran.

Domenica, la Guida Suprema dell’Iran ha condannato nuovamente Israele e i suoi alleati occidentali per la loro guerra nella Striscia di Gaza, che ha provocato la morte di oltre 12.000 palestinesi, quasi la metà dei quali erano bambini.

Khamenei ha detto: “Il regime sionista è un simbolo del razzismo”, aggiungendo che il sostegno occidentale al bombardamento della Striscia durato settimane significa che anche i leader occidentali “credono nel razzismo e non ci vedono nulla di sbagliato”.

L’Ayatollah Ali Khamenei (al centro a destra) durante una visita a una mostra dei successi aeronautici della Guardia rivoluzionaria iraniana a Teheran [Handout from khamenei.ir]

Secondo lui i brutali attacchi agli ospedali di Gaza indicano la rabbia dei leader israeliani per il loro “fallimento” nello sconfiggere i combattenti palestinesi.

“I governi islamici devono recidere i loro legami politici con il regime sionista per almeno un periodo limitato”, ha affermato Khamenei, invitando anche i paesi islamici a interrompere il flusso di energia e merci verso Israele.

La dimostrazione di forza militare iraniana è avvenuta quando gli Stati Uniti hanno trasferito nella regione importanti risorse militari, tra cui due gruppi d’attacco di portaerei e un sottomarino nucleare.

Sotto l’egida dell’“Asse della Resistenza” sostenuto dall’Iran, che comprende gruppi politici e armati in tutta la regione, gli Hezbollah libanesi e gli Houthi nello Yemen sono impegnati in combattimenti transfrontalieri con Israele dal mese scorso in solidarietà con i combattenti di Hamas.

Domenica Israele ha dichiarato che gli Houthi avevano sequestrato una nave mercantile di proprietà britannica e gestita dai giapponesi nel Mar Rosso meridionale, descrivendo l’incidente come un “atto di terrorismo iraniano”.

READ  Il tribunale delle Nazioni Unite ordina all'Azerbaigian di porre fine alla barriera del Nagorno-Karabakh | Notizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *