L’industria dei fuochi d’artificio sopravviverà al divieto dei fuochi d’artificio di Capodanno?

Post / Shutterstock

Per non sovraccaricare ospedali e soccorritori nella pandemia, il governo federale ha messo al bando la vendita di missili e petardi di Capodanno.

Per l’industria dei fuochi d’artificio, un divieto di vendita è una minaccia per l’esistenza stessa dell’azienda. Secondo l’azienda, gli affari di Capodanno rappresentano oltre il 90 percento delle sue vendite.

Anche prima dell’epidemia di Corona, la maggior parte delle persone in Germania era a favore del divieto dei fuochi d’artificio.

Incendi, ferite gravi dovute a fuochi d’artificio, incidenti, violenze e conseguenze dell’abuso di alcol: c’è sempre molto da fare per i soccorritori a Capodanno. Per non sovraccaricare gli ospedali nell’epidemia, il governo federale ha così implementato il divieto di vendere missili e fuochi d’artificio di Capodanno. Ciò dovrebbe principalmente portare al fatto che è il 31 dicembre. Meno è esploso.

Inoltre, alcune città, come Berlino, Stoccarda o Amburgo, hanno dichiarato zone vietate ai missili e ai fuochi d’artificio. Alcuni stati federali hanno anche dichiarato zone “libere dai fuochi d’artificio” per piazze e strade trafficate, come la Renania-Palatinato o la Saarland. La rete editoriale in Germania ne ha uno Panoramica completa delle regole Vengono creati nei rispettivi stati federali.

La Società tedesca di chirurgia della mano, ortopedia e trauma (DGOU) ha avvertito per anni che “in qualsiasi altro giorno dell’anno molte persone vengono infettate con le mani come a Capodanno”. La notte di Capodanno in un ospedale urbano si sono verificati circa 50-60 feriti gravi alle mani. La maggior parte di loro sono adolescenti e giovani adulti di età inferiore ai 30 anni, ma anche uomini più anziani di età compresa tra i 50 ei 60 anni. Molti di loro subiscono danni irreparabili. Ma i medici temono che alcuni cittadini potranno ora fare da soli fuochi d’artificio o acquistare fuochi d’artificio illegali all’estero. “Gli incidenti con ordigni esplosivi improvvisati possono provocare lesioni più gravi. Un articolo pubblicato di recente ha affermato che anche i dispositivi esplosivi obsoleti degli anni precedenti non dovrebbero essere fatti esplodere per non esporsi a rischi inutili di lesioni”. Comunicazione da DGOU.

L’industria dei fuochi d’artificio raggiunge oltre il 90% delle vendite annuali a Capodanno

Per l’industria dei fuochi d’artificio, il divieto di vendita è un disastro. Secondo l’azienda, gli affari di Capodanno rappresentano oltre il 90 percento delle sue vendite. Ora le entrate si stanno disintegrando. In molti luoghi sono già iniziate le consegne a discount, supermercati, ferramenta e altri rivenditori. Poiché si tratta di un’attività su commissione, i fuochi d’artificio rimangono di proprietà dei produttori fino a quando non vengono venduti. Ora i razzi devono essere nuovamente catturati e conservati per un anno. “Se conservati in un luogo fresco e asciutto, i fuochi d’artificio non avranno una data di scadenza e possono essere conservati per un anno o due”, ha detto all’agenzia di stampa tedesca DPA Klaus Goetzen, amministratore delegato della Fireworks Industry Association (VPI). Tuttavia, questo è associato a costi aggiuntivi.

Pertanto, l’industria richiede un risarcimento dallo Stato. Oltre a questo, c’è il rischio di “bancarotta dell’intero settore”, come confermato dall’Associazione Federale di Pirotecnica e Pirotecnica Sintetica (BVPK) e ha inviato una lettera al Cancelliere Angela Merkel (CDU), al Ministro federale dell’interno Horst Seehofer (CSU) e al Consiglio federale. Secondo l’associazione, circa 3.000 persone lavorano nell’industria dei fuochi d’artificio in Germania. Altre 10.000 persone lavorano nei fuochi d’artificio e la maggior parte di loro vende anche fuochi d’artificio a Capodanno. “In entrambe le aree, praticamente tutte le aziende e gli individui sono interessati dal divieto”, ha detto il portavoce di BVPK Dirk Apollins.

Finora, la maggior parte delle aziende non ha ancora potuto beneficiare del sostegno statale. “L’alta stagione per i grandi fuochi d’artificio è in estate, quando ci sono molte celebrazioni, festival e altri eventi all’aperto. Il portavoce di BVPK Apollins afferma:” A causa dell’epidemia di Corona, le vendite sono quasi completamente crollate, così come l’intera industria degli eventi. “Il fatto che il numero di affari di Capodanno completamente assente sia probabilmente la fine della maggior parte delle aziende. Perché: tutta la logistica di vendita per la vigilia di Capodanno era in pieno svolgimento al momento del divieto, solo due settimane prima dell’inizio dei saldi”. Si stima che la consegna I resi e i costi di stoccaggio aggiuntivi rappresentano un altro 20% delle vendite totali, a seconda dell’azienda.

Anche prima di Corona, la maggioranza in Germania era favorevole al divieto dei fuochi d’artificio

Gran parte della produzione avviene in Asia, con quasi tutte le importazioni provenienti dalla Cina. Tuttavia, il leader di mercato, Weco, produce il 40% delle sue vendite totali negli stabilimenti di produzione tedeschi di Kiel, Ettorf e Friburgo. Questo la rende “l’unica azienda di fuochi d’artificio in Europa con una grande produzione interna”. L’azienda afferma di detenere una quota di mercato del 65% e impiega 400 persone. Il divieto di vendita ha posto Weco in una “minaccia esistenziale”. “Lo dichiaro ancora una volta molto chiaramente”, afferma l’amministratore delegato Schreiber, “senza milioni di assistenza finanziaria a due cifre, non saremo in giro il prossimo anno”.

Anche prima dello scoppio dell’epidemia di Corona, le conseguenze negative dell’esplosione di Capodanno sono sempre state causa di discussioni sul divieto di fuochi d’artificio privati, che si sono intensificate recentemente lo scorso anno. Nelle grandi città come New York, Parigi o Londra e in molte città dell’entroterra in Austria, Svizzera e Italia, l’illuminazione speciale per i fuochi d’artificio è stata vietata da molto tempo. Negli ultimi anni sono state istituite anche zone vietate ai fuochi d’artificio in sempre più città tedesche.

Secondo un sondaggio A nome della Rete di liberazione (RND), il 57% dei tedeschi era d’accordo A dicembre 2019, i fuochi d’artificio sono vietati a Capodanno. In questo anno epidemiologico, il tasso di approvazione del divieto di vendita del governo federale in un sondaggio condotto dall’Opinione Research Institute YouGov per conto dell’agenzia di stampa tedesca DPA è stato del 71%.

“I tempi sicuramente non stanno diventando più facili.”

L’industria sta cercando di confutare le argomentazioni degli oppositori della pirotecnica. Il rischio di contaminazione con polveri sottili è considerato eccessivo. Anzi era perduto Umweltbundesamt Recentemente, i dati sulle emissioni di particelle dai fuochi d’artificio sono stati ridotti da 4.500 tonnellate nell’anno originale a più della metà (2.050 tonnellate). Questa quantità corrisponde a circa l’uno percento della quantità totale di particelle emesse in Germania. Con lo 0,0008% delle emissioni di gas serra tedesche, i fuochi d’artificio non svolgono un ruolo essenziale nel clima.

Un portavoce di BVPK Abolins afferma che i rifiuti costituiscono solo una piccola parte dei rifiuti urbani totali e devono anche essere collegati ad altre feste come il Carnevale di Colonia: “Il tema dei rifiuti a Capodanno è in realtà dovuto al fatto che il capodanno è nella zona. Fortunatamente, molti consumatori non rimuovono i residui pirotecnici “.

L’industria afferma inoltre che i requisiti di sicurezza per i fuochi d’artificio legali sono elevati e che vengono offerti anche razzi più silenziosi.

Ma indipendentemente da Corona, potrebbe diventare scomodo per l’industria in futuro. “I fuochi d’artificio di Capodanno sono stati attaccati negli ultimi anni. Gli argomenti ad essi applicati sono fondamentalmente diversi. Sfortunatamente, le persone cercano sempre di più di trovare un compromesso con cui tutti possono convivere”, afferma il portavoce dell’associazione Apollins. “Tuttavia, i tempi non sono stati più facili”.

READ  La variabile coronavirus sta spingendo i centri economici di tutto il mondo in profondità nell'economia rossa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *