‘Like a Lost Boy’: la storia interna di un enorme colpo di stato al Leicester City

Il Leicester City ha effettuato molti trasferimenti sorprendenti nel corso degli anni.

Includono lo strano e il meraviglioso. Da Hossein Kaibi, il terzino destro iraniano che Martin Allen ha firmato dopo averlo visto una volta in DVD, alle 400.000 sterline pagate da Riyad Mahrez.

Possiamo andare avanti e indietro da Sergio Hellings a Jamie Vardy e Yann Kermorgant a N’Golo Kante. I fan del Leicester City hanno visto tutto.

Per l’operatore sostantivo puro, ci sono due fattori che vivranno a lungo nella memoria.

Esteban Cambiasso e Roberto Mancini.

Mentre entrambi gli uomini si sono uniti a una squadra che dovrebbe lottare in Premier League alla fine della loro leggendaria carriera, l’hype intorno alla firma di Mancini è ancora ricordato oggi.

scarica il video

Il video non è disponibile

L’italiano era uscito da un periodo di quattro anni alla Lazio, al termine dei quali è entrato a far parte dello staff tecnico di Sven-Goran Eriksson al club.

All’epoca, ci furono alcuni suggerimenti che Mancini si fosse unito al Leicester solo per esplorare i talenti della Premier League per Ericsson, che aveva accettato di gestire la squadra nazionale inglese.

È un suggerimento che è stato ignorato e ridicolizzato da tutte le parti coinvolte, ma è stato sicuramente un momento divertente avere Mancini in Philbert Street.

“È stato un colpo di stato, per non dire altro”, ha detto l’ex difensore del City Jerry Taggart. indipendente.

“Il Leicester è venuto con della merce per ingaggiarlo ed è stato un grosso problema.

READ  Gareth Southgate viene frustato da alcuni conservatori hardcore

“Era una leggenda del calcio italiano anche se non aveva mai giocato in Inghilterra prima.

“Eravamo tutti in fila per incontrarlo il primo giorno in cui è entrato in allenamento.

Robbie Savage si innamorò di lui all’istante, Savage, era come un ragazzo smarrito che lo seguiva in tournée.

“Non direi che lo ha preso sotto la sua ala protettrice, era più che lui era sopra di lui dal primo minuto”.

Arrivato al City all’età di 36 anni, Mancini ha superato il suo momento migliore e ha giocato solo cinque partite – senza segnare – prima di tornare in Italia come allenatore della Fiorentina.

Taggart ricorda: “Il primo giorno, diciamo solo che non è stata la sua migliore sessione di sempre. Ha solo volato, è venuto direttamente ad allenarsi e ha faticato un po'”.

“Ha fatto del suo meglio, ha perso un grembiule, ma ha ancora tante qualità. Puoi vedere che ha ancora i tocchi. Aveva sicuramente molto rispetto”.

Anche se la disciplina nel calcio non era così rigida come lo è oggi, Mancini se l’è cavata ancora molto durante il suo breve soggiorno nelle East Midlands.

“Non avrei detto che è stato uno shock quando se n’è andato – ha detto Taggart -. Si allenava due volte a settimana e una volta che la partita era finita è andato fino a giovedì prossimo.

“Stavamo cercando di conoscerlo ma non ha passato molto tempo a Leicester. Era un uomo mite, ma hai capito subito che era un essere umano perbene”.

READ  Il centrocampista del Leicester City può essere acquistato per 11 milioni di euro con una clausola di 'opzione di riscatto'.

Abbiamo collaborato con LiveScore per invitare i fan a nominare i loro punteggi preferiti: giochi che erano più di un semplice punteggio. Nomina la partita che ti interessa qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *