L’ex presidente della Roma James Pallotta racconta perché i colossi italiani sono stati costretti a vendere Alisson e Salah.

‘Abbiamo ereditato un club con debiti enormi e rendimenti bassi’: l’ex presidente della Roma James Pallotta rompe il silenzio sul perché i colossi della Serie A siano stati costretti a vendere sia Alisson Becker che Mohamed Salah.

  • L’ex presidente della Roma James Pallotta insiste sul fatto che il club era “in bancarotta” quando era in carica
  • I giganti della Serie A costretti a fare soldi da Alisson Becker e Mohamed Salah
  • Pallotta dice che il club sarebbe al “numero uno” se non dovessero vendere le loro stelle


L’ex presidente della Roma James Pallotta ha rivelato perché il club ha dovuto vendere stelle del Liverpool come Alisson Becker e Mohamed Salah.

L’americano ha affermato di aver acquistato un “club fallito” quando ha acquisito la maggioranza dei giallorossi dalla famiglia Sensi nel 2011.

Il 63enne Pallotta è rimasto nella posizione per quasi 10 anni, fino a quando non si è separato dalla squadra di calcio nell’agosto 2020 dopo essere stato ceduto alla famiglia Friedkin.

James Pallotta insiste che la Roma fosse “in bancarotta” quando ne ha preso la maggioranza

I giallorossi hanno beneficiato dell'attaccante della nazionale Mohamed Salah, arrivato al Liverpool

I giallorossi hanno beneficiato dell’attaccante della nazionale Mohamed Salah, arrivato al Liverpool

Diversi giocatori di livello mondiale si sono uniti al club e alla fine sono passati a artisti del calibro di: Salah, Alisson, Radja Nainggolan, Marquinhos e Edin Dzeko, che stavano tutti esercitando il loro mestiere nella capitale italiana.

“Guardo alla squadra che abbiamo formato insieme e, francamente, penso che se non fosse stato per il fair play finanziario che ci ha costretto a vendere giocatori, oggi la Roma sarebbe stata al primo posto”, ha detto durante un’intervista. Sirius XM.

READ  Il centrocampista del Chelsea Jorginho ha ricevuto richieste da "squadre europee chiave", ha rivelato il suo agente

Negli anni abbiamo avuto Salah, Allison, Nainggolan, Dzeko, [Miralem] Pjanic, [Kevin] Strutmann [Leandro] Paredes, Emerson Palmieri, [Kostas] Manola, [Mehdi] Benatia e Marquinhos.

Anche il portiere Alisson Becker ha lasciato il gigante italiano alla faccia di Salah ad Anfield

Anche il portiere Alisson Becker ha lasciato il gigante italiano alla faccia di Salah ad Anfield

“Nessuna squadra tranne la Juventus ha vinto lo scudetto dal 2012 al 2020. Siamo arrivati ​​secondi tre volte e siamo arrivati ​​alle semifinali di Champions. Forse questa tendenza è migliore di qualsiasi altra rivale della Juventus.

“Il club che abbiamo acquistato nel 2011 era completamente diverso dal club che abbiamo venduto”, ha aggiunto.

Abbiamo ereditato un club con debiti enormi e rendimenti bassi. Era al verde. Non mi interessa cosa direbbero i precedenti proprietari.

“Abbiamo negoziato l’acquisto con Unicredit e se ho a che fare con una banca vuol dire che la banca è proprietaria del club”, ha aggiunto Pallotta.

Il club non è riuscito a vincere nulla sotto Pallotta durante il suo mandato allo Stadio Olimpico, e i suoi commenti non hanno influenzato l’ex titolare Rosella Sensi, figlia dell’ex presidente della Roma Franco.

Il 63enne non è riuscito a consegnare l'argento durante il suo mandato allo Stadio Olimpico

Il 63enne non è riuscito a consegnare l’argento durante il suo mandato allo Stadio Olimpico

“È vero che la vergogna non conosce profondità”, ha scritto su Instagram.

Ho letto su un giornale l’inutile e ripetitiva intervista a Pallotta. Ho letto dei soliti pettegolezzi e scuse, ma la storia è raccontata con fatti, cifre e trofei.

Il debito della Roma oggi è enorme e non permette al club, che è sempre stato tra i primi, di competere per i traguardi che i neo-proprietari desiderano.

Fatti: Pallotta è stato il presidente di minor successo nella storia della Roma, e il più assente, lontano dalla realtà meritevole di più risultati e amore. Parla di bancarotta ma probabilmente non conosce nemmeno il significato della parola. Niente più bugie.’

READ  Agnelli è rimasto solo e la sua presidenza bianconera è "discutibile", secondo la stampa italiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.