L’ex allenatore Conor Auchi dice che l’Italia merita di essere nel Campionato Sei Nazioni

L’Italia merita di essere nel Campionato Sei Nazioni, ha detto l’ex allenatore Connor O’Shea, tra le chiamate alla retrocessione degli Azzurri, dopo aver perso 28 partite consecutive.

  • Connor O’Shea è stato l’allenatore della Nazionale azzurra dal 2016 fino al Mondiale 2019
  • La Francia ha battuto l’Italia 5-10 in casa nella partita di apertura del Campionato Sei Nazioni
  • Franco Smith ha la missione di porre fine alla sua carriera in campionato senza successo
  • O’Shea è ora Performance Manager di RFU dopo essere stato a capo dell’Italia

Conor O’Shea fa parte della gerarchia del rugby inglese in questi giorni, ma è ancora appassionatamente interessato all’Italia e sta montando una ferma difesa contro le richieste di retrocessione dal Sei Nazioni.

Il performance manager della Federazione Russa è stato l’allenatore degli Azzurri da marzo 2016 fino alla fine dell’ultima Coppa del Mondo nel 2019. Ha cercato senza successo di porre fine alla sua carriera fallimentare vincitrice di tornei, mentre supervisionava lo sviluppo di nuovi talenti.

Ora sotto la guida di Franco Smith, la lotta italiana continua.

Connor O’Shea è stato l’allenatore degli Azzurri dal 2016 fino alla fine dei Mondiali del 2019

La sconfitta per 50-10 in casa contro la Francia è stata la 28esima sconfitta consecutiva nel Campionato delle Sei Nazioni. La loro ultima vittoria è stata a Murrayfield nel 2015.

Sabato arriveranno a Twickenham per affrontare l’Inghilterra infortunata e affronteranno sicuramente una 29esima sconfitta consecutiva.

L’ex capitano di Wells e Lions Sam Warburton è tra coloro che sostengono che la Georgia meriti l’opportunità di sostituire l’Italia. “Basta così”, ha detto dopo la recente strage italiana.

READ  Il calciatore Ajax fa arrabbiare Ricardo Calafiori della Roma mentre lancia la palla in testa dopo aver perso tempo

Ma O’Shea ha dato una risposta affermativa dicendo: “La cosa facile è chiedere cosa sta facendo l’Italia. Quando guardi il loro stile di gioco, sono infinitamente migliori della Georgia. Stanno cercando di giocare un marchio di rugby davvero buono con Franco.

Domenica la Francia ha battuto l'Italia 5-10 in casa, la 28esima sconfitta consecutiva nel Campionato Sei Nazioni.

Domenica la Francia ha battuto l’Italia per 5-10 in casa, la ventottesima sconfitta consecutiva nel Campionato Sei Nazioni.

Le domande saranno sempre poste: “Dovrebbero esserci? Dovrebbe esserci una flessione?” La mia opinione è che hanno ottenuto il loro posto e la mia opinione non cambierà mai che è nostro compito promuovere lo sport.

Vogliamo che la Georgia sia forte, la Romania forte e le isole del Pacifico forti. Come facciamo crescere il gioco?

La cosa peggiore che puoi fare adesso è contrarre: alcune decisioni possono farlo accadere.

“Tutti dovremmo desiderare che squadre come Georgia e Romania crescano, ma non uccidiamo nessun altro paese finché ci siamo”.

O’Shea parla dell’enorme potenziale dell’Italia e dei grandi passi avanti compiuti nella fascia d’età. Ha schermato il nome di Michelle Lamaru della Benetton come stella nascente e futuro capitano degli Azzurri, così come l’influenza della metà di Gloucester di Wells, Stephen Farney.

Franco Smith ha il compito di porre fine alla sua carriera nei tornei vincenti

Franco Smith ha il compito di porre fine alla sua carriera nei tornei vincenti

Alla domanda su come tratterebbero i visitatori l’Inghilterra, O’Shea ha detto: “È un inferno duro per gli italiani, ma penseranno:” Come fai a disturbare il carro delle mele? “

Questo è esattamente quello che ha fatto O’Shea quattro anni fa, con la loro tattica “volpe” che ha colpito l’Inghilterra di raffreddore. L’Italia non ha contestato il crollo ma ha approfittato di una scappatoia nelle leggi per impedire i passaggi inglesi, sapendo che non erano fuorigioco.

READ  Il ritiro di Buffon si avvicinava mentre l'italiano si preparava a lasciare la Juventus

Alla fine, l’Inghilterra l’ha risolta e ha vinto, ma Eddie Jones ha sostenuto che era contro lo spirito del gioco. Il mondo del rugby ha rapidamente chiuso la scappatoia.

“Era uno stato di riflessione”, disse Ushea, meditando, “come si fa a dare una speranza realistica a un gruppo di persone quando entrano nella fossa dei leoni? “

Dando loro un piano, lo abbiamo fatto. All’inizio della settimana alcuni giocatori si chiedevano cosa fare. Alla fine, tutti hanno pensato che fosse fantastico.

Questo è il significato del rugby: diverse modalità di attacco e difesa. Nessun metodo è il modo giusto. Devi fare domande tutto il tempo.

Nel frattempo, Peter O’Mahoney è stato squalificato per tre partite, dopo essere stato tagliato da sei partite, a causa di un’accusa alla spalla contro Thomas Frances Wells che lo ha licenziato domenica scorsa. L’esterno irlandese salterà le partite di Francia, Italia e Scozia per il Sei Nazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *