L’epidemia sta colpendo il più grande produttore di calze della Romania. La produzione di Ciserom Sebeş è diminuita del 25% nel 2020

Fondata nel 1927, Ciserom ha combattuto per oltre 90 anni nell’industria tessile e in un momento in cui molte delle attività tradizionali rumene sono state chiuse.

La fabbrica ha una produzione annua di oltre 10 milioni di paia di calze ed esporta il 30% in paesi come Germania, Italia e Francia, con i quali intrattiene rapporti dagli anni Sessanta e Settanta.

Nel tempo si è affermata in nuovi mercati, come Irlanda, Svizzera, Spagna, Grecia, Austria, Paesi baltici e Stati Uniti. Tuttavia, il volume delle vendite dell’azienda da Sebeş è diminuito del 25% dall’inizio dell’anno.

Il motivo principale è l’epidemia di coronavirus, ma c’è concorrenza anche con prodotti simili provenienti dalla Cina a prezzi bassissimi, ma anche con una qualità appositamente studiata.

Per quanto riguarda il mercato locale, l’azienda ha i suoi due negozi a Sebeş ed è presente non solo nei negozi tessili e limitrofi, ma soprattutto nella maggior parte dei grandi ipermercati e ha sviluppato un proprio negozio online.

Nel 2019, Sebeş ha registrato vendite per 21,7 milioni di lei e una perdita netta di 2,47 milioni di lei. Alla fine dello scorso anno i dipendenti erano 284. A dicembre 2020, il loro numero è sceso a circa 250.

Per molti dipendenti una fabbrica è come una famiglia. “I genitori lavoravano qui e io sono cresciuto in questa fabbrica”, dice Marius Ordian, ingegnere di manutenzione e riparazione meccanica. “Visito i miei genitori ogni giorno e racconto loro cosa sta succedendo in fabbrica, perché Ciserom significa molto per tutti noi. Consiglio di preservare le nostre tradizioni, altrimenti ci perderemo”, aggiunge l’ingegnere.

La storia di Ciserom inizia nel 1927, quando Gustav Bahner del Liechtenstein, uno dei distretti di Oberlungwitz nella Germania dell’Est, fondò una piccola fabbrica di calze a Sebeş, con il nome GBL. Nel 1928, GBL acquisì fabbriche tessili rumene. Il nuovo stabilimento è dotato di una vasta gamma di macchine per maglieria per la produzione di calze di seta, cotone, lana e intimo e per azionare le macchine. Specialisti sono stati portati dalla Germania, dalla città natale di Gustav Bahner, Oberlungwitz, una città con una lunga tradizione nella costruzione di macchine per maglieria per calze dal 1731.

READ  Parrilla gestisce treni per la pasta dall'Italia alla Germania

Nel 1944 la fabbrica entrò a far parte del patrimonio statale, ma continuò a produrre calze e tessuti, sia per la Romania che per l’esportazione. Tra il 1946 e il 1954, sotto l’amministrazione sovietica, l’impianto sarebbe stato chiamato TEBA (da Textila Banat), un nome usato ancora oggi dal più anziano di Sebeş. Successivamente è stata rilevata come impresa statale rumena con il nome di “Sibsol Socks and Knitting Factory”. Tra il 1954-1987, la fabbrica è stata modernizzata e specializzata solo nella produzione di calze, raggiungendo 40 volte la sua capacità produttiva, con 6 volte più dipendenti di quanto non fosse all’inizio, raggiungendo Ha raggiunto il picco di 176.000 paia al giorno nel 1989.

Se questo articolo ti è piaciuto, ci aspettiamo che tu entri a far parte della nostra comunità di lettori sulla nostra pagina Facebook, facendo Mi piace di seguito:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *