Le rastrelliere per cavi iniziano a spuntare al Gordie Howe International Bridge

Le rastrelliere per cavi iniziano a spuntare al Gordie Howe International Bridge

Il ponte Geordie Howe raggiunge il picco quasi quando l’impalcato del ponte inizia a strisciare attraverso il fiume, ponendo le basi per un’estate intensa di lavori su entrambi i lati del fiume Detroit.

I lavoratori del Gordie Howe Bridge si muovono a un ritmo vertiginoso.

“Siamo sicuramente nel nostro periodo di costruzione più impegnativo fino ad oggi”, ha affermato Heather Grundin, vicepresidente degli affari aziendali e delle relazioni esterne per la Windsor Detroit Bridge Authority (WDBA).

Grondin ha detto che 2.000 persone stanno attualmente lavorando a tutte e quattro le componenti del progetto, cercando di far costruire il ponte in tempo.

“Finora, abbiamo indirizzato più di 9.000 persone a lavorare in qualche modo al progetto”, ha detto Grondin. “La statistica di cui siamo più orgogliosi è che il 42 percento di queste persone proviene da Windsor o Detroit”.

Il frutto di questo lavoro è chiaro. Le torri su entrambi i lati del fiume si estendono per 200 metri nel cielo, quasi quanto il centro del Rinascimento nello skyline di Detroit.

Lavori in corso per l’installazione dei cavi sul Gordie Howe International Bridge tra Windsor, Ont. e Detroit, Michigan, mercoledì 28 giugno 2023 (Rich Garton/CTV News Windsor)

“Bene sulla strada per quell’elevazione finale di 220 metri o 720 piedi, che raggiungeremo quest’anno”, ha detto Grondin.

Poiché le torri puntano verso il cielo, l’appaltatore, Bridging North America, è in grado di collegare le capriate dei cavi dalla torre all’impalcato del ponte utilizzando un processo noto come cantilever non bilanciato.

Sono stati installati più di 30 cavi su ogni lato e, una volta completato, ogni lato avrà più di 200 supporti per cavi che sembreranno la vela di una barca.

READ  Trasformare gli spazi con stuccature veneziane e altro - Sok News Mirror

“Per ogni sezione del ponte costruita, vengono installati nuovi cavi o nuovi stralli”, spiega Grant Helpers, vicepresidente dell’ingegneria di WDBA. “Questo sposta il carico e consente loro di continuare a costruire e sopportare il peso fino a quando non possono costruire quella seconda sezione.”

Ogni cavo consegnato significava che potevano estendere l’impalcato del ponte attraverso il fiume.

Finora, i lavoratori hanno installato otto delle 27 sezioni dell’impalcato del ponte sui lati canadese e americano che alla fine si incontreranno nel mezzo.

“Alla fine, quando arriveranno, chiunque sia stato il primo dovrà aspettare che arrivi l’ultimo per mettere in atto la sezione di blocco”, ha detto Helpers, osservando che ciò dovrebbe accadere nell’estate o nell’autunno del 2024.

Lavori in corso per l’installazione dei cavi sul Gordie Howe International Bridge tra Windsor, Ont. e Detroit, Michigan, mercoledì 28 giugno 2023 (Rich Garton/CTV News Windsor)

Il progetto Bridging North America sta ancora lavorando verso la data di completamento prevista dal contratto di novembre 2024.

Non avremmo mai pensato che sarebbe scoppiata una pandemia. Non abbiamo mai pensato ai problemi di filiera, ha detto Grondin a proposito del contratto firmato nel 2018. “La cosa grandiosa durante l’intera pandemia è stata che il Nord America continuasse a far lavorare le persone. Quella era la loro priorità, ma dovevano fare le cose in un ordine diverso e in una sequenza diversa, e continuano a parlare di come ciò influisca sulla programmazione”.

I lavoratori possono lasciare il segno sul progetto attraverso un’iniziativa chiamata “Celebrating the Hands That Help Build the Geordie Howe International Bridge”.

Migliaia di persone che hanno contribuito al ponte hanno firmato i loro nomi sulla trave, lasciando i loro nomi impressi per sempre sul lato di Gordie Howe.

READ  Avant Brands riporta il primo CFO per aiutare a guidare la crescita – Kelowna News

“È un’opportunità per tutte le persone che lavorano ogni giorno su questo ponte nei porti di ingresso per avere un po’ di ricordo o un ricordo o per poter dire letteralmente il mio nome su quel ponte, ho contribuito a realizzare questo ponte e questo grande progetto diventa realtà”, ha detto Grondin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *