L’attrazione di Amber Heard è un “gioco di strategia intelligente”, ma è “improbabile che abbia successo”: esperti legali

L’attrice di Aquaman, Amber Heard, ha presentato una domanda formale giovedì al tribunale della contea di Fairfax per appellarsi contro la sentenza di diffamazione che ha perso contro l’ex marito Johnny Depp.

Gli esperti legali, parlando con Newsweek, hanno affermato che è improbabile che l’appello dell’attrice di Aquaman abbia successo.

L’avvocato Andrea M. Lieb ha detto di essere d’accordo con le mosse della squadra di Heard, ma ha sottolineato che il loro carisma “non è affatto un duro colpo”.

“Amber Heard dovrebbe appellarsi al 100% della sua perdita del processo per diffamazione contro Johnny Depp perché ha la giusta capacità di appellarsi alla Corte d’Appello della Virginia e la mancata presentazione è un’ammissione che è bloccata con la sentenza di 10,35 milioni di dollari contro di lei”, Lieb ha detto alla rivista Newsweek.

“Lei fa valere un servizio giurato improprio, ma solo su base tecnica, e in assenza di motivo causale che dimostri che l’udienza del giurato ha portato a pregiudizio o pregiudizio contro di lei, il giudizio non sarà annullato”, ha aggiunto Lieb. “In parole povere, è un ricorso difficile perché la Corte d’Appello rispetta il giudice del processo che ha già respinto la richiesta di un nuovo processo su questo caso”.

Tuttavia, Lieb ha descritto l’appello come un “gioco strategico intelligente” in quanto potrebbe dare a Heard “la leva di cui ha bisogno per negoziare una pena ridotta con l’avvocato del signor Depp”.

Brian Wagner, partner di McLoughlin, O’Hara, Wagner & Kendall LLP, ha convenuto che un appello di successo sarebbe stato “raro e improbabile” per Heard.

READ  Jessica Chastain piange mentre porta a Toronto il film vincitore dell'Oscar The Eyes of Tammy Faye

“Questo avviso di appello è solo un passo iniziale e mi aspetto che l’intero ricorso effettivo sia più specifico e incentrato su casi di prova limitati”, ha detto Wagner a Newsweek.

“La difficoltà in appello non sta solo nel provare la colpa del giudice, ma anche nel fatto che l’errore ha causato un errore abbastanza grande da inficiare probabilmente la sentenza. In breve, questo è raro e improbabile in questo caso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.