L’American Heritage Brand Seafarer viene rilanciato dall’azienda italiana – WWD

Milano – Quattro anni dopo che Manuela Mariotti ha lasciato il ruolo di direttore creativo per Dondup, che ha co-fondato nel 1999 con il marito e socio in affari Massimo Berloni, torna alla guida creativa di Seafarer.

Il marchio storico americano, fondato in una piccola sartoria di Brooklyn nel 1896 e diventato popolare negli anni ’70 tra le celebrità dell’epoca, tra cui Jane Birkin e Brigitte Bardot, è il primo progetto di un nuovo centro creativo fondato da Berloni W. Mariotti, insieme ai soci in affari Franco Stocchi ed Enrico Catani.

“Abbiamo creato un’accademia con l’obiettivo di sviluppare marchi e prodotti in modo molto organico, migliorando il valore delle persone”, ha affermato Berloni, aggiungendo che l’accademia supporterà i talenti emergenti e creerà un ecosistema di marchi incentrati su diverse categorie di prodotti.

Seafarer, acquisita da Brand Cube Srl e Seafarer LLC America, Tornano in serbo con la stagione Autunno 2021, anche se il rilancio ufficiale inizierà effettivamente con la stagione Primavera 2022 presentata in passato alla stampa e ai buyer. Milano Fashion Week nel mese di settembre.

Manuela Mariotti e Massimo Berloni
Per gentile concessione dell’Accademia

Siamo partiti con molta cautela, ma i primi risultati sono stati molto positivi. “Non prevediamo di realizzare grandi volumi, ma a questo punto siamo molto interessati alla qualità dei negozi che si avvicinano al nostro marchio”, ha detto Berloni, aggiungendo che con la campagna vendite per le prossime due stagioni, l’azienda prevede di generare Da 5 a 6 milioni di euro di fatturato. Attualmente, Seafarer genera tra il 60 e il 65 percento della propria attività in Italia, mentre il resto delle vendite è generato in Europa, con un focus su Francia, Benelux e stati tedeschi.

In termini di moda, Marriott ha esaminato le foto d’archivio del rilancio del marchio, con un’attenzione particolare alle forti generazioni di fiori che indossavano i jeans e le giacche del marchio. “Adoro il fatto che il marchio sia stato così forte in quel periodo di libertà e cambiamento”, ha detto il designer. “Partendo da quelle foto, ho realizzato dei pezzi distintivi che ho interpretato in chiave più contemporanea, fondendo riferimenti allo stile francese e italiano”.

Come ha sottolineato Mariotti, i kit Seafarer sono interamente realizzati in Italia in laboratori localizzati principalmente nelle Marche, dove vivono Mariotti e Berloni. “Uno dei miei sogni con l’Accademia è quello di mostrare l’artigianato di tutti questi artigiani che realizzano piccoli lotti che possono far parte del bagaglio perfetto per il viaggiatore di tutto il mondo Seafarer”, ha affermato Mariotti.

Seafarer, i cui prezzi al dettaglio variano da 200 a 400 euro per i pantaloni, e da 500 a 1.200 euro per i giubbotti, rilancia la linea uomo dedicata al brand. “Stiamo facendo le cose per gradi, ma vediamo un grande potenziale in questo settore”, ha aggiunto Mariotti.

Guarda anche:

Il marchio storico di denim Washington DC sta tornando alla ribalta

Made in Italy Fund Building Fashion Group

Heritage Hobo collabora con Habitat for Humanity

READ  Italia, Giappone e Mongolia vincono l'oro il secondo giorno all'IJF Tashkent Grand Slam

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *