La Spagna è in testa alla classifica della stagione dopo un’entusiasmante seconda giornata al SailGP Italia

La Spagna è in testa alla classifica della stagione dopo un’entusiasmante seconda giornata al SailGP Italia

Di Richard Gladwell, Sail-World.com/nz 6 giugno 09:50 EST
7 giugno 2021

Il Team Japan SailGP guidato da Nathan Outerridge, festeggia a bordo della loro barca F50 come i vincitori della gara finale del secondo giorno di regata italiano SailGP Event 2, Stagione 2 a Taranto, in Italia. 06 giugno. © Bob Martin / SailGP

Per il secondo giorno, il giapponese SailGP ha continuato a dominare la gara del SailGP Italia, vincendo la seconda gara della giornata e andando poi in finale in una giornata piena di drammi.

A causa della collisione con gli USA, nel secondo giorno del primo round della seconda stagione, alle Bermuda, il team giapponese occupa solo il terzo posto nella classifica stagionale, nonostante abbia dato alla flotta una lezione di vela in condizioni variabili in entrambi i giorni, sei regate gare di barche. Il luogo era l’antico porto di Taranto, nel tacco dell’Italia meridionale, che risale al 706 aC quando fu fondata come colonia greca.

Gara 4:

La prima delle tre regate di oggi si è svolta con un equipaggio completo di cinque velisti, con un vento di 8,5 km da SSW alla partenza. Il peso corporeo extra non sembrava fare molta differenza per le prestazioni frustranti, tranne quando la brezza è scesa a 4kt durante la gara. La chiave era essere sventati e quindi utilizzare l’aumento della velocità del vento apparente per rimanere in aria.

NZSailGP con il timoniere provvisorio Arnaud Psarofaghis (SUI), uscito dal circuito GC32, è partito al volo in Gara 4, lasciando letteralmente alle spalle il gruppo.

Mentre Jimmy Spiethl e Nathan Outridge di USASailGP, entrambi del Team JapanSailGP affrontano i kiwi con le gambe del vento, ognuno ha avuto la possibilità di comandare la flotta di otto barche. Ma Psarofaghis si è ripreso, anche se il tempo di volo era solo del 50%, e con l’aiuto di una brezza fresca ha fatto battere ad Amokura la sua penultima tappa e ha continuato a segnare una comoda vittoria. Spithill navigando per gli USA, ha tenuto la stessa rotta con il vento negli ultimi due piedi per finire secondo. Il Giappone si è classificato terzo dopo essere stato inizialmente sepolto.

READ  Mahmood & Blanco rappresenteranno l'Italia all'Eurovision Song Contest 2022!

Phil Robertson Skippling SpainSailGP ha aperto le porte ai kiwi per diventare il terzo finalista, penultimo in Gara 5, aiutando a portare il kiwi al terzo posto con la Spagna a 19 punti ciascuno.

Gara 5:

Sembrava che i neozelandesi sarebbero arrivati ​​terzi nella borsa degli attrezzi, all’inizio, dopo che Nathan Outridge aveva inizialmente bloccato Phil Robertson, costringendo lo SpainSailGP a virare di 360 gradi verso la linea di partenza prima di poter inseguire la flotta. Jimmy Spiethl di USASailGP è stato messo sotto pressione dagli steward per una partenza anticipata, guidando un gruppo alla fine della serie di bolina, ed è stato costretto a rimanere dietro al Giappone. Saltando all’Australia SailGP, Tom Slingsby ha eseguito un Blinder per iniziare a prendere le travi di un gruppo di quattro barche alla fine della linea sottovento, riuscendo a colpire una linea di foil, alla massima velocità, e in aria pulita per aggirare la boa 1.

Nel frattempo, Psarofaghis ha allontanato Kiwis dal terzo posto a portata di mano intorno alla boa 1 e ha mantenuto quella posizione fino a metà del segmento 3, nonostante abbia lottato per contrastarlo all’inizio della fase 3.

Ma un incrocio portuale molto marginale e un incrocio a destra con gli inglesi erano contro i kiwi. Per risparmiare loro il calcio di rigore, gli arbitri hanno chiesto ai neozelandesi di fare un passo indietro rispetto ai britannici che stavano girando a destra verso il lato sinistro del campo. I neozelandesi sembrano ignari della chiamata di penalità, forse perché la traversata non sembrava vicina, ma i britannici sembrano navigare più in alto nel loro approccio finale alla traversata. Il kiwi ha continuato a dirigersi verso la linea di destra, guadagnando portanza e girando con maggiore pressione. Quando ha affrontato Sarovagis, è stata una lunga strada per arrivare alle retrovie degli inglesi e ora stavano uscendo dalla linea opposta. Prima del calcio di rigore, il neozelandese aveva 5 centesimi di vantaggio sulla Spagna, più che sufficienti per raggiungere la finale a tre barche e assicurarsi il terzo posto nell’evento.

Poco dopo essere entrato e aver preso di mira la traversa britannica (con la Francia in piedi dietro di loro), l’arbitro del taxi ha chiesto un secondo calcio di rigore per il kiwi, ora 100 metri davanti a Gran Bretagna e Francia dall’altra parte della pista. Dopo aver annullato la penalità, il piano di gioco di Kiwi è andato in pezzi mentre navigavano sul Mark 3 attraverso i cieli turbolenti di Danimarca, Gran Bretagna e Francia. Con i concorrenti della Spagna che hanno colpito il Mark 3 in porto e come barca da sbarco, i kiwi hanno liberato Robertson effettuando un intervento a bassa velocità all’interno del cerchio di curvatura, e in meno di un minuto i kiwi hanno abbattuto tre barche, inclusa la Spagna, e ha calmato il suo posto in finale.

READ  Rugby a sei nazioni | Il nome della squadra italiana non è cambiato per affrontare l'Irlanda

La doppia penalità è stata quando erano 25 metri davanti al GBR, e la decisione di aggirare il Mark 4, piuttosto che fare una capriola lontano dalla boa del cancello opposto, è stata l’ultimo chiodo nella bara di Kiwis mentre il resto della flotta stava scendendo il fioretto della carrozza a 4 gambe.

Nathan Outridge è salito al secondo posto come leader del Round 3, prendendo il posto del connazionale Tom Slingsby (Australia) poco dopo l’inizio del Round 4, con Slingsby che ha scelto il lato destro del percorso, mentre gli altri (squadre della Nuova Zelanda e della Danimarca) hanno scelto di andate a sinistra. Gli Stati Uniti non si sono mai ripresi da un duro colpo sulla linea di partenza, rimanendo indietro all’ottavo posto, staccando di 200 metri il secondo classificato Kiwi. Ma con un posto già prenotato in finale dal primo giorno, il risultato della quinta gara ha avuto un impatto minimo sulla sesta e ultima gara per gli USA.

Alla fine della gara, il Giappone era ben davanti all’Australia, con il kiwi che è arrivato settimo ed è uscito dalla regata, dopo essersi assicurato l’ultimo posto se fosse riuscito a mantenere un comodo margine quando è arrivato quarto nel Round 4.

l’ultimo:

Tra una regata e l’altra, è stato chiesto di ridurre gli equipaggi, come accaduto il primo giorno, a tre per l’ultima regata di flotta completa, con anche i pesi correttori modificati per garantire che le barche navigassero vicino allo stesso peso dell’equipaggio e si raddrizzassero. momento possibile.

La gara finale è stata disputata tra Spagna, Stati Uniti e Giappone. Jimmy Spiethl (USA) ha portato la sua F50 blu in una posizione di leadership fin dall’inizio, ben prima del Giappone. Robertson (SpainSailGP) era davanti al segnale di partenza, ricevendo le penalità più brevi per la partenza anticipata.

READ  Come funziona la fabbrica italiana di velocità in Auto Valley

Spithill ha mantenuto la sua leadership nel primo inning, ma è uscito dalle fiches dopo essere andato a sinistra all’inizio del Round 3, mancando un po’ il vento durante una fase critica di sorpasso. Il bordo esterno girò intorno al cartello del cancello destro, uscendo brevemente dalle schegge, ma si riprese nella brezza leggermente più fresca. Tuttavia, Robertson ha effettuato un placcaggio semi-secco sul Mark 2 e si è diretto verso una pressione extra sulla destra, navigando due volte più veloce degli altri due per un po’, ma scivolando di nuovo in terza dopo aver attraversato la linea di posizione della mano sinistra.

Spithill ha perso il vantaggio nei 200 metri e la gara sembrava essere sotto controllo.

La gara si è conclusa sfortunatamente per Spiethl e il team statunitense nella parte inferiore 4, quando avevano una buona velocità intorno al cancello sinistro, ma quando sono usciti dal circuito di marcatura la F50 è balzata in alto prima di schiantarsi e fermarsi. Il motivo è stato successivamente impostato per colpire un oggetto nell’acqua, rompere il timone ed è stata una fine straziante per il Team USA. Questa è stata la seconda serie in cui gli americani hanno avuto seri problemi, e questo si è riflesso nel loro ultimo posto in classifica per la seconda stagione.

Ciò ha lasciato il Giappone e la Spagna a percorrere la pista, a 130 metri, per prendere rispettivamente il primo e il secondo posto – e ha spinto la Spagna in cima alla classifica, con il Giappone che avanza al terzo posto.


Serie 2 – Taranto

Giappone 10 piastre
Spagna 9pt
USA 8 punti
Nuova Zelanda 7 punti
Danimarca 6 punti
Gran Bretagna 5pt
Francia 4 punti
Australia 3 punti

Punti stagione:

Spagna 16 pezzi
Gran Bretagna 15 punti
Giappone 14 punti
Nuova Zelanda 13 punti
Francia 12 punti
Australia 12 punti
USA 11 punti
Danimarca 11 punti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.