La situazione è complicata in Italia in una completa epidemia. Le persone non possono più alzarsi in piedi e accusare il governo

I proprietari di ristoranti non sono più impazienti a casa, dicono che rischiano di perdere la loro attività e accusano il governo di inviare messaggi confusi. I proprietari dicono che andranno a consegnare le chiavi dei loro edifici al Comune di Roma. A Napoli le pizzerie hanno riaperto dopo una protesta.

Disperati e chiusi, i proprietari di ristoranti e bar a Roma lasciano le loro case e sollecitano il governo ad agire. La gente dice di non poter tenere chiusi i propri edifici a lungo, perché rischia di non riuscire ad aprirli affatto.

“Non vogliamo restare a casa e lasciare, perché questa è la nostra casa e abbiamo sacrificato tutto per il nostro business. Dobbiamo sapere cosa possiamo fare per riaprire, perché dobbiamo riaprire”, dice Veronica Lorenza, proprietaria di un ristorante.

Nell’ambito dell’allentamento delle misure di quarantena, il governo di Roma ha annunciato che dal 4 maggio i ristoranti potranno essere aperti, ma solo per chi ordina cibi preconfezionati e solo dal 1 giugno per chi vuole mangiare al ristorante. Le persone accusano il governo di inviare messaggi confusi, mentre perdono soldi ogni giorno chiudono la porta.

“Ci sentiamo in imbarazzo e abbandonati dal governo perché non capiamo cosa accadrà. Non ci sono procedure chiare”, dice Daniel Bolucci, il proprietario del ristorante.

Per protesta, i proprietari del ristorante hanno detto che sarebbero andati a consegnare le chiavi dei loro edifici al municipio di Roma.

E i più fortunati sono i titolari di pizzerie napoletane, che sono già riusciti a riaprirle, ma anche dopo una protesta in cui hanno richiamato l’attenzione sul fatto che molti di loro sono sull’orlo del fallimento.

“Sono molto contento perché ho riaperto le porte al lavoro, perché 40-50 giorni di quarantena erano molto difficili per chi come noi, andava a lavorare dalle 10 del mattino fino a tarda sera. Era difficile stare a casa, 7 giorni di 7, per un periodo di 40 giorni “.

READ  Nativo di Petrolia, il fondatore di Bunkie Life è apparso su Dragons' Den

Nella regione Campania, che comprende anche Napoli, le autorità hanno revocato le restrizioni alla consegna di gelati, pasticcini, dolci e bar.

L’Italia resta il Paese più colpito dall’epidemia di coronavirus. Ci sono più di 27.000 morti lì e il numero di vittime ha superato i 200.000.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.