La scoperta di un corpo celeste dorato sul fondo dell'oceano sconcerta gli scienziati

La scoperta di un corpo celeste dorato sul fondo dell'oceano sconcerta gli scienziati

A circa 3.300 metri (2 miglia) sotto la superficie al largo della costa dell'Alaska, dove la calda luce del sole non penetra mai, NOAA Esplorazione dell'oceano Un veicolo sottomarino telecomandato ha incontrato una strana sfera dorata.

Era “strettamente attaccato” a una roccia punteggiata di spugne bianche, larga circa 10 centimetri (4 pollici) con un foro su un lato.

Non era del tutto chiaro cosa fosse la sfera misteriosa. I primi suggerimenti dei ricercatori che hanno trasmesso in streaming l'immersione includevano un guscio d'uovo di una specie misteriosa, una spugna morta o un corallo.

“Non so cosa fare con questo”, ha detto un ricercatore dello studio. Trasmissione in diretta l'anno scorso.

Un altro ha ipotizzato: “Deve esserci un grosso vecchio buco, quindi qualcosa ha cercato di entrare o ha cercato di uscire”.

border-frame=”0″allow=”accelerometro; riproduzione automatica; scrittura negli appunti; supporto crittografato; giroscopio; immagine nell'immagine; condivisione web”allowfullscreen>

“Spero solo che quando lo colpiamo, qualcosa non decida di uscire”, ha detto uno dei ricercatori. “È come l'inizio di un film horror.”

Non importa quanto potesse essere profondamente terrificante, aveva ancora alcune cose da fare. Piace menzionato in GuardianoL'ipotesi favorita dagli scienziati è che dalla scatola dorata sia uscito qualcosa. Qualcosa che non è esattamente piccolo.

“Abbiamo scelto l'uovo per la sua consistenza. Sembrava carnoso e non aveva un'anatomia evidente. Aveva un buco che indicava che qualcosa era entrato o uscito. Ma non sembrava un uovo qualsiasi.” “L'avevo già visto”, ha detto l'ecologo degli abissi marini Kerry Howell dell'Università di Plymouth nel Regno Unito. Lo ha detto al giornale.

“Se è un uovo, la domanda davvero interessante è di chi è l'uovo. È molto grande. Questo non è un piccolo uovo di pesce. Questo è qualcosa di grande.”

READ  Lavorare da casa può farti dormire meglio

Usando un braccio robotico, i ricercatori hanno spinto delicatamente l'oggetto, determinando che era molto morbido, prima di raccoglierlo tramite aspirazione per ulteriori studi. Verrà eseguita l'analisi del DNA per determinare l'organismo responsabile della sua creazione.

Il punto occulto è stato accuratamente raccolto utilizzando un campionatore ad aspirazione. (NOAA Esplorazione dell'oceano, paesaggi marini dell'Alaska)

Il fatto che l’“uovo” fosse solo è interessante quanto le sue dimensioni. Generalmente, candore Gli animali depongono le uova nelle covate.

Quindi, se l'oggetto è un uovo, c'è qualcosa di insolito in esso. Il che è davvero fantastico: qualunque cosa sia, la sfera ha qualcosa di nuovo da dirci sulle profondità dell'oceano e sulla vita diversificata che prospera lì.

Succedono molte cose nelle aspre profondità degli oceani che ancora non comprendiamo. Pressioni schiaccianti e temperature gelide sono solo due fattori che hanno impedito all’umanità di esplorare su larga scala. Tuttavia, con i veicoli telecomandati che fungono da alternativa, lo è anche l’oceano gradualmente E svelarne i segreti. Incluso Come si riproducono le specie misteriose nelle profondità degli oceani?.

Il luogo misterioso è stato fotografato a bordo di una nave della NOAA Esploratore di Okeanos Dopo aver raccolto. (NOAA Esplorazione dell'oceano, paesaggi marini dell'Alaska)

“Non è molto strano il mare profondo?” ha detto il coordinatore dell’esplorazione Sam Candeo Dall'esplorazione oceanica della NOAA.

“Anche se siamo riusciti a raccogliere la Sfera d'Oro e a portarla sulla nave, non possiamo ancora identificarla se non per il fatto che è di origine biologica. Probabilmente non ne sapremo di più finché non saremo in grado di ottenerla.” Verso un ambiente di laboratorio in cui possiamo continuare a beneficiare dell’esperienza collettiva della comunità scientifica con strumenti più sofisticati di quelli che possiamo tenere a bordo.

“Anche se è un po’ umiliante rimanere perplessi davanti a questa scoperta, serve a ricordarci quanto poco sappiamo del nostro pianeta e quanto resta ancora da imparare e apprezzare sul nostro oceano”.

READ  Altri quattro animali sono stati infettati dalla febbre catarrale degli ovini

Una versione precedente di questo articolo è stata pubblicata nel settembre 2023.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *