La NASA potrebbe pubblicare la data di lancio della storica missione sulla luna Artemis I

L’attrezzatura Artemis I è ospitata all’interno del Vehicle Assembly Building (VAB) del Kennedy Space Center della NASA in Florida. La struttura a destra è il lanciatore portatile per l’attività.

Nasa/Kim Shefflet

Giovedì la NASA ha annunciato una possibile data di lancio a fine maggio – che potrebbe cadere a giugno – per la prossima missione Artemis I, che mira a reindirizzare gli occhi dell’umanità sulla luna inviando un veicolo spaziale in orbita lunare. Sembra che il nuovo programma da rimuovere In precedenza si sperava per la data di uscita ad aprile.

“Aprile non è una possibilità”, ha affermato Tom Whitmaier, vice amministratore associato della NASA per lo sviluppo dei sistemi di esplorazione. durante un briefing. “Stiamo ancora facendo la fine di maggio”. Ma il lato positivo è che l’agenzia ha confermato che il test critico della missione del missile SLS, che ha avuto luogo presso il Vehicle Assembly Building (VAB), è stato ora completato.

Sebbene il team stia ancora analizzando i dati del test VAB finale, afferma che l’Artemis I – che include sia il razzo SLS che il modulo della navicella spaziale Orion – potrebbe presto essere lanciato sul palco per una cosiddetta “prova in costume”. che include passaggi come il caricamento di SLS rifornito. Il volo durerà circa 11 ore.

Mike Bolger, direttore del programma NASA Exploration Ground Systems presso il Kennedy Space Center, afferma che il team punta a un lancio il 17 marzo alle 15:00 PT (18:00 ET). “Sarebbe davvero uno spettacolo”, ha detto Bolger, osservando che la carrozza caricata con Artemis sarebbe alta 400 piedi (122 metri) e peserebbe più di 17 milioni di libbre in totale.

Una volta terminate le prove, probabilmente avremo un’idea molto migliore di una data di lancio concreta perché “le prove sono un compito complesso”, ha detto Bolger. Altri parametri che il team sta valutando includono il meteo, sottolineando l’importanza del lancio diurno.

Nonostante la mancanza di un equipaggio, Artemis I è pronto per essere il primo di una serie di passaggi che riporteranno la NASA sulla superficie lunare. L’obiettivo principale è quello di impostare una rotta ideale per le missioni dei prossimi anni, pronti ad avere a bordo gli astronauti. “Siamo molto orgogliosi di far parte del programma integrato Artemis che sarà la prima persona di colore e la prima donna sulla luna”, ha detto Whitmer.

“Penso che questo sia un grande onore per tutti noi”.

READ  Hubble cattura la "attrazione gravitazionale" tra tre galassie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.