La prima missione di un astronauta privato utilizzerà probabilmente la nuova torre di accesso dell’equipaggio di SpaceX: Spaceflight Now

La prima missione di un astronauta privato utilizzerà probabilmente la nuova torre di accesso dell’equipaggio di SpaceX: Spaceflight Now
La leva di accesso dell’equipaggio viene ruotata in posizione sulla torre di nuova costruzione presso lo Space Launch Complex 40 a Cape Canaveral. Immagine: Adam Bernstein/Space Flight Now.

Il braccio di accesso dell’equipaggio è stato sollevato lunedì presso lo Space Launch Complex 40 a Cape Canaveral, mentre SpaceX correva per preparare la piattaforma per il primo lancio di Crew Dragon con gli astronauti già a gennaio.

Diverse fonti hanno detto a SpaceFlight Now che la terza missione astronauta privata di Axiom Space sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) segnerà probabilmente il debutto della nuova torre, grazie a un fitto programma al Launch Complex-39A. La missione, guidata dall’ex astronauta della NASA Michael Lopez Alegría, invierà tre astronauti europei in un viaggio verso la stazione spaziale della durata massima di 14 giorni.

Al momento, SpaceX e la russa Roscosmos sono gli unici biglietti per la ISS, che è attualmente l’unica opzione negli Stati Uniti fino a quando la navicella spaziale Boeing CST-100 Starliner non entrerà in orbita il prossimo anno.

Non solo, ma SpaceX attualmente ha solo una piattaforma di lancio da cui può lanciare astronauti, così come missioni cargo, verso la Stazione Spaziale Internazionale: Launch Complex 39A (LC-39A) presso il Kennedy Space Center della NASA.

Nel corso del 2023, SpaceX sta lavorando per cambiare la situazione costruendo una nuova torre di accesso per l’equipaggio e il carico nella sua seconda piattaforma di lancio in Florida: Space Launch Complex 40 (SLC-40) presso CCSFS.

Se la torre non fosse pronta in tempo per supportare questa missione, l’Ax-3 potrebbe ancora essere lanciato dall’LC-39A poiché tutte le altre missioni degli astronauti guidate da SpaceX risalgono al 2020. Tuttavia, ciò causerebbe già più affollamento sulla Torre Spaziale . Programma intenso per l’LC-39A.

L’equipaggio della missione Ax-3 si trova di fronte al razzo Falcon 9 che li lancerà verso la Stazione Spaziale Internazionale a metà gennaio. Da sinistra a destra, sono Albert Gezeravci, Markus Wandt, Michael Lopez Alegría, Walter Velade. Immagine: Axiom Space

Programma di rilascio intenso

READ  Fisica: gli scienziati stanno acquisendo le immagini di atomi con la più alta risoluzione mai vista

Uno dei motivi principali per cui Ax-3 sarà la missione che farà debuttare le capacità della torretta dell’SLC-40 è la coppia di lanci programmati a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro che richiedono le capacità attualmente uniche dell’LC-39A.

Entro il 12 gennaio, un razzo Falcon 9 sarà utilizzato per lanciare la prima missione CLPS (Commercial Lunar Payload Services) di Intuitive Machines. Il lander Nova C in volo verso il polo sud della Luna dovrà essere rifornito sulla rampa di lancio utilizzando solo l’attrezzatura disponibile a 39A.

In colloquio Con Spaceflight Now il mese scorso, il vicepresidente IM di Lunar Access Trent Martin ha dichiarato che avrebbero condotto anche una prova sul bagnato “diversi giorni prima del lancio”.

“Vogliamo fare rifornimento il più tardi possibile. SpaceX è stata molto utile, fornendoci un servizio che ci fornirà ossigeno liquido e metano liquido”, ha detto Martin in ottobre. “Si riempirà fino all’ultimo minuto, quindi dobbiamo può essere il più pieno possibile.” “Abbiamo le maggiori possibilità di atterrare con successo sulla luna.”

Il lander Nova-C completato per la missione IM-1 è stato fotografato a metà ottobre presso le strutture di Intuitive Machines a Houston, in Texas, prima di essere spedito a Cape Canaveral, in Florida. Immagine: macchine intuitive

Questi lanci vengono posizionati su entrambi i lati da altri compiti ad alta priorità.

A partire dal 9 novembre, il Falcon 9 lancerà la 29a missione CRS-29 di SpaceX verso la Stazione Spaziale Internazionale, che consegnerà migliaia di libbre di carico ed esperimenti scientifici all’equipaggio in orbita. Si prevede che questa sarà seguita dalla quinta e ultima missione Falcon Heavy del 2023: la missione di sicurezza nazionale USSF-52.

La conversione della rampa di lancio da un Falcon 9 a un Falcon Heavy richiede circa tre settimane.

Dall’altro lato della missione Ax-3 di circa due settimane, il quartetto SpaceX Crew-8 dovrebbe essere lanciato entro e non oltre la metà di febbraio. Il comandante e astronauta della NASA Matthew Dominick guiderà la missione insieme al pilota Michael Barratt, allo specialista di missione Janet Epps e allo specialista di missione Alexander Grebenkin.

READ  L'Agenzia spaziale giapponese: il "cecchino lunare" giapponese riesce ad atterrare con precisione | Novità sullo spazio

Axiom Space, con sede a Houston, stava progettando di vedere il suo terzo volo commerciale verso la stazione spaziale volare dal pad 39A entro pochi giorni dal lancio dell’IM-1, e la NASA vuole che il volo proceda nei tempi previsti per evitare di interrompere in anticipo il fitto piano di traffico della stazione spaziale. . . 2024. La missione IM-1, che ha solo una breve finestra di lancio al mese, potrebbe subire lunghi ritardi se venisse spostata oltre la finestra di gennaio.

Nonostante i forti venti a Cape Canaveral, un’enorme gru ha sollevato in aria il braccio di accesso dell’equipaggio al pad 40. Foto: Adam Bernstein/Spaceflight Now.

Avere la possibilità di lanciare Ax-3 da SLC-40 consentirà a SpaceX di soddisfare tutte le esigenze dei suoi clienti e di accogliere più opportunità in un arco di tempo più breve. Ciò ovviamente dipende dalla prontezza dell’equipaggio e della torre e dal tempestivo arrivo del carico.

Lunedì, le squadre di costruzione hanno iniziato a sollevare in posizione il braccio di accesso della squadra utilizzando una serie di martinetti e cinghie. Questo è uno degli ultimi componenti principali ad essere installato, insieme al sistema di uscita di emergenza, un sistema di fuga simile a una zip-line che consente agli astronauti e al personale di supporto di uscire rapidamente dalla torre, se necessario.

La sezione finale della torre di accesso dell’equipaggio viene trasportata dalla struttura di Rupert Road di SpaceX al Pad 40. Sullo sfondo c’è la torre della rampa di lancio Artemis della NASA nel Complesso 39B. Immagine: Volo spaziale adesso.

Nelle precedenti conferenze stampa con i funzionari della NASA e di SpaceX, ha affermato che la torre dovrebbe essere completata entro la fine del 2023.

Gli astronauti hanno la priorità

Anche se il piano ora prevede che l’Ax-3 utilizzi l’SLC-40 e l’IM-1 l’LC-39A, tutto dipende dalla prontezza della torretta. Se ciò non si concretizzerà in tempo, fonti hanno riferito a Spaceflight Now che l’Ax-3 avrà la prima priorità per il lancio dall’LC-39A a gennaio e la missione IM-1 sarà rinviata a una data successiva.

READ  L'unica eclissi solare totale del 2020 è avvenuta questa settimana. Ecco come visualizzarlo da qualsiasi luogo.

Anche se la nuova torre non otterrà l’autorizzazione per essere utilizzata per supportare l’Ax-3 in tempo per quella missione, con le crescenti richieste di lanciarne altri verso la Stazione Spaziale Internazionale e le stazioni spaziali commerciali successive, sarà sicuramente una risorsa preziosa a SpaceX e ai suoi partner. I clienti si stanno spostando verso il 2024 e oltre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *