La galleria d’arte degli studenti online è tornata

La sala della Canada Toy Fair è decorata con opere d’arte della classe 2021 e opere d’arte dell’ex insegnante d’arte di IB Elizabeth Donnelly-Nelson

L’annuale IB Exposition della St. John’s High School sta prendendo forma di nuovo online da 15 anniDecimo Visualizzato presso il St. John’s Center for the Arts.

“Hanno realizzato dei bellissimi pezzi e lo spettacolo è uscito senza intoppi – sembravano fantastici” riguardo al lavoro degli studenti, ha detto Amber Young, un’istruttrice artistica presso l’International Baccalaureate, aggiungendo che la mostra di quest’anno presenta una grafica e una penna molto forti. -ink opere d’arte insieme a dipinti.

Dopo alcune polemiche, Young e gli studenti hanno deciso di dare un nome allo spettacolo Non convincente. Ha detto: “Questa è una sorta di smascheramento e condivisione di se stessi con il mondo, cosa che non possiamo ancora fare, ma speriamo che sia all’orizzonte e che condividano il loro sé creativo con le persone”.

Gli artisti in primo piano nella categoria 2021 sono Emily Gordon, Catherine Gray, Anja Hanberg, Sydney Johnson, Irene O’Rourke, Marta Sagrati, Tasha Marie Speight, Adrian Smith e Alisha Young.

“L’ora del tè” di Anja Hanberg (Photo Credit: SJAC)

Gli artisti in primo piano nello spettacolo annuale di nature morte dell’undicesimo grado sono Malacay Burton, Lillian Cannul Brett e Hope. E. Durant, Brianna Jenner, M.Gillis, Rina Grimmer, Chloe Hicks, Onkoy (Anna Kim, Griff Lomax, Nathan Morais, Lillian Moorehouse, Brooke Moss, Ann Fam, Lily Fair, Emily Worden e Delia Whitaker.

Le opere d’arte degli studenti vengono fisicamente esposte alla Canada Toy Fair and Library e nuovamente esposte come una vendita d’arte online (piuttosto che una vendita personale) dove ciascuna può essere vista e acquistata.

READ  Donald Trump ha milioni in scorte mentre affronta un secondo processo di impeachment

Young afferma che gli studenti non si aspettavano che ci sarebbe stata una mostra personale e una vendita nel 2021, aggiungendo che si sono adattati a lavorare a distanza e lavorare come due diversi gruppi alternati tra casa e all’estero.

“In molti modi, erano più indipendenti e dovevano essere più motivati ​​rispetto ai gruppi normali”, ha detto. “Hanno prodotto un lavoro straordinario, hanno davvero preso molto sul serio i loro pezzi e sono stati in contatto con me durante l’intero processo.”

La vendita è un’esperienza speciale per gli studenti, poiché nelle precedenti vendite personali avrebbero guardato esibizioni dal vivo di persone che pagavano soldi per le loro opere d’arte.

Young ha detto: “Quella notte è stata molto speciale e i sorrisi che appaiono sui volti dei bambini non sono rimasti per ore dopo – sono molto contenti e sorpresi dal fatto che le persone spenderanno davvero i soldi che conosci per i loro pezzi”. “È un’idea reale delle possibilità future, dove possono effettivamente, forse un giorno, fare soldi vendendo la loro attività, quindi è una serata davvero magica per loro.”

(Credit: SJAC) “Two Fruit: Apple and Oranges” di Irene O’Rourke

Il centro d’arte prende una commissione del 20 percento dalle vendite mentre il restante 80 percento torna agli artisti. Young ha detto che l’aspetto online potrebbe essere un’utile aggiunta alle future mostre.

“Questo posto extra è dato a persone che non desiderano partecipare di persona, o non possono, perché sono fuori dal distretto, ma possono essere parenti di uno studente e quindi avrebbero la possibilità di andare online e acquistarlo.

La mostra durerà fino al 30 aprile, con l’inizio della vendita di opere d’arte presto sul sito del St. John Art Center.

READ  Una nuova scoperta nella plastica potrebbe aprire la strada a prodotti, batterie e schermi migliori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *