Nel corso della sua carriera, la leggenda italiana Daniel De Rossi ha elogiato “l’eroe definitivo” Roy Kane

“Kane è il mio eroe assoluto.”

Potrebbe non esserci molto da gridare con l’Irlanda in questo momento, ma almeno nel 2016 avremo sempre l’EUR.

Il torneo in Francia è stata l’ultima visita dell’Irlanda a un torneo importante (e a giudicare dai risultati recenti, potrebbe rimanere tale per un po ‘).

Il momento clou è senza dubbio arrivato a Lille quando la squadra di Martin O’Neill ha sbalordito l’Italia nella finale del girone, con Ruby Brady in testa quanto basta per mandare l’Irlanda agli ottavi.

Questo gioco sarà ricordato per sempre per la genialità di Brady, quindi è facile dimenticare che nel pre-campionato c’era un po ‘di amore tra Roy Kane e Daniel De Rossi.

Prima della partita, la leggenda del Manchester United, vice allenatore di O’Neill in Francia, ha elogiato il temibile incantesimo della Roma.

“Mi piace molto De Rossi, il centrocampista”, ha detto Kane. “Hai menzionato i Warriors, è là fuori, è davvero un bravo giocatore.”

A quel punto De Rossi era già una leggenda di Roma e delle Azzorre e, per sua stessa ammissione, si ispirava a Kane.

Durante un’intervista alla Roma Sito ufficiale 2015, De Rossi ha rivelato che Kane era il suo “eroe supremo” e che l’irlandese faceva parte della sua ragione per scegliere “16” per averlo indossato sul retro della sua maglietta.

Onorato russo Kane.

“Kane è il mio eroe supremo”, ha detto De Rossi, che è stato spesso collegato a un trasferimento allo United durante i suoi giorni di gioco.

“Secondo me, il leggendario capitano del Manchester United non ha bisogno di presentazioni. È il mio idolo preferito. Gli viene assegnato il numero” 16 “sulla mia maglia, insieme al compleanno di mia figlia Gaia.

READ  Maradona è morta prima pagina

“È l’unica persona al mondo con cui ho chiesto una foto, due anni fa. Ero così imbarazzato per la domanda [Diego] Maradona, ma con Kane non ho resistito “.

Continuando a parlare Fuori dalla palla A dicembre, l’ex centrocampista irlandese David Miller ha ampliato lo storyboard, fornendo uno sguardo affascinante su come Kane fosse venerato all’interno del campo italiano costellato di stelle.

“Penso che Roy mi chiamerà dopo questo e impazzirà”, ha detto Myler.

“Dopo la partita, stavamo solo aspettando sull’autobus. Comunque, [Andrea] Pirlo si avvicina a Roy per stringergli la mano e saluta.

Poi Danielle de Rossi è andata da Roy e ha chiesto una foto.

Per quanto lo guardiamo in quel momento, pensando che questi ragazzi siano i vincitori della Coppa del Mondo e gli straordinari giocatori, vanno tutti a Roy.

“Al giorno d’oggi si vedono molte persone sui social media che dicono che Roy Kane non era eccezionale e che era semplicemente un buon leader. Quando vedi il livello di rispetto che riceve da quei tipi di giocatori, mostra quanto sia fantastico”.

De Rossi ha trascorso 18 anni a Roma prima di partire per unirsi al Boca Juniors nel 2019. Tuttavia, a soli cinque mesi dal suo debutto con la squadra argentina, ha annunciato il suo ritiro, citando motivi familiari.

All’inizio di questo mese, si è unito alla squadra di allenatori di Roberto Mancini con la nazionale italiana prima delle vittorie di qualificazione ai Mondiali su Irlanda del Nord, Bulgaria e Lituania.


Maggiori informazioni su: Daniel De Rossi, Irlanda, Manchester United, Repubblica d’Irlanda, Roy Kane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *