La Corte Suprema degli Stati Uniti afferma di aver adottato per la prima volta il codice etico – World News

La Corte Suprema degli Stati Uniti afferma di aver adottato per la prima volta il codice etico – World News

La Corte Suprema sta adottando il suo primo codice etico, affrontando critiche persistenti sui viaggi e sulle donazioni non rivelate da parte dei ricchi benefattori di alcuni giudici.

Lunedì il tribunale ha emesso la polizza. I giudici, che avevano accennato a tenere deliberazioni interne sul codice etico, si sono incontrati l’ultima volta giovedì nella sala conferenze privata del tribunale.

Il caso ha sconcertato la corte per mesi, a causa di una serie di storie che mettevano in discussione le pratiche etiche dei giudici. Molte di quelle storie si concentravano sul giudice Clarence Thomas e sulla sua incapacità di rivelare viaggi e altri rapporti finanziari con ricchi donatori conservatori tra cui Harlan Crow e i fratelli Koch. Ma anche i giudici Samuel Alito e Sonia Sotomayor sono sotto esame.

Tre giudici, Amy Coney Barrett, Elena Kagan e Brett Kavanaugh, hanno espresso sostegno al codice etico negli ultimi mesi. A maggio, il presidente della Corte Suprema John Roberts ha affermato che la corte potrebbe fare di più per “aderire ai più alti standard etici”, senza fornire alcun dettaglio.

La fiducia e l’approvazione del pubblico nei confronti della Corte sono ai minimi storici, secondo un sondaggio Gallup pubblicato prima dell’inizio del nuovo mandato della Corte, il 2 ottobre.

La settimana scorsa, il senatore Dick Durbin, D-Ill., presidente della commissione giudiziaria del Senato, ha affermato che i giudici potrebbero dissipare alcune delle critiche e spingere i democratici a imporre un codice etico alla corte stabilendo le proprie regole. Politica.

Il comitato di Durbin stava progettando di citare in giudizio Crowe e l’attivista conservatore Leonard Liu per il loro ruolo nell’organizzazione e nel pagamento dei viaggi di lusso per i giudici.

READ  Le famiglie canadesi che hanno perso i propri cari a bordo del volo PS752 stanno chiedendo giustizia alla Corte internazionale

Il comitato ha indagato sull’etica della corte e ha approvato un codice etico, sebbene tutti i 10 repubblicani presenti nel comitato abbiano votato contro.

I repubblicani si sono lamentati del fatto che i democratici stavano per lo più reagendo alle decisioni che non gradivano da parte della corte dominata dai conservatori, inclusa l’abolizione del diritto all’aborto a livello nazionale.

La proposta richiederebbe ai giudici di fornire maggiori informazioni sui potenziali conflitti di interessi. Permetterebbe a gruppi di giudici imparziali di rivedere le decisioni dei giudici di non ricusarsi dai casi e di richiedere spiegazioni pubbliche e scritte delle loro decisioni di non ricusarsi dai casi. Cercherebbe inoltre di migliorare la trasparenza sui doni ricevuti dai giudici e di creare un processo per indagare e far rispettare le violazioni relative alle divulgazioni richieste. Il disegno di legge democratico non aveva alcuna prospettiva di diventare legge nella Camera controllata dai repubblicani, per non parlare del Senato, strettamente diviso.

La spinta per un codice etico è iniziata con una serie di articoli pubblicati dal sito di notizie investigative ProPublica che descrivevano in dettaglio la relazione tra Crowe e Thomas. Per più di due decenni, Crowe ha pagato ferie quasi annuali, ha acquistato da Thomas e altri la casa in Georgia dove vive ancora la madre del giudice e ha contribuito a pagare l’istruzione privata di un parente.

ProPublica ha anche riferito della battuta di pesca di Alito in Alaska con un donatore repubblicano, un viaggio che Liu ha contribuito a organizzare. Sotomayor, con l’aiuto del suo staff, è riuscita ad aumentare le vendite dei suoi libri attraverso le visite universitarie negli ultimi dieci anni, ha riferito l’Associated Press.

READ  La lotta infuria in prima linea in Ucraina mentre la Russia continua ad attaccare | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

La prima mossa della Corte sull’etica, in primavera, ha fatto ben poco per placare i critici. Roberts ha rifiutato l’invito di Durbin a testimoniare davanti alla magistratura, ma il giudice capo ha presentato una “dichiarazione di principi e pratiche etiche” firmata da tutti e nove i giudici che descrivono le regole etiche che seguono riguardo a viaggi, regali e entrate straniere.

La dichiarazione fornita da Roberts afferma che i nove giudici “affermano e riaffermano i principi etici fondamentali e le pratiche che condividono nell’adempimento delle loro responsabilità come membri della Corte Suprema degli Stati Uniti”.

La dichiarazione prometteva almeno qualche piccola informazione aggiuntiva nel caso in cui uno o più di loro scegliessero di non partecipare al caso. Ma da allora i giudici sono stati incoerenti nel farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *