La banda di criminali informatici LockBit avrebbe divulgato dati a Boeing

La banda di criminali informatici LockBit avrebbe divulgato dati a Boeing

Il gruppo di ransomware LockBit ha fatto trapelare dati presumibilmente appartenenti a Boeing venerdì, circa una settimana dopo che il colosso aerospaziale aveva confermato di essere stato vittima di un attacco informatico. La fuga di notizie include più di 43 GB di file di backup che LockBit afferma di aver rubato a Boeing, secondo LockBit. Computer addormentato.

Da lunedì pomeriggio il sito web dei servizi Boeing è rimasto inattivo. UN avviso La società pubblicata sul sito web ha ammesso che si è verificato un incidente informatico che ha colpito le attività di distribuzione e pezzi di ricambio di Boeing, ma ha ribadito che non ha compromesso la sicurezza dei suoi aerei. “In relazione a questo incidente, un attore criminale di ransomware ha pubblicato informazioni che presumibilmente ha preso dai nostri sistemi”, ha detto a Engadget un portavoce della Boeing. “Stiamo continuando a indagare sull’incidente e rimarremo in contatto con le forze dell’ordine, le autorità di regolamentazione e le parti potenzialmente interessate, a seconda dei casi.”

Boeing

La storia è iniziata il 27 ottobre quando LockBit ha elencato Boeing come vittima sul suo sito web, dicendo che la società aveva tempo fino al 2 novembre per negoziare il pagamento. Mentre LockBit rimuoveva brevemente Boeing dall’elenco delle vittime sul suo sito web, il gruppo di ransomware riapparve il 7 novembre, affermando che Boeing aveva ignorato i suoi tentativi di negoziazione. LockBit inizialmente ha minacciato di rilasciare 4 GB di dati campione prima di decidere di divulgare tutti i dati rubati il ​​10 novembre.

I dati di backup Boeing rilasciati da LockBit includono dati di configurazione per software di gestione IT, registri di controllo e monitoraggio e altro ancora Si ritiene che le informazioni di Citrix siano collegate a un precedente exploit.

READ  Elon Musk spinge la produzione e la consegna di Tesla nel secondo trimestre

LockBit È diventata una famigerata banda di ransomware da quando è apparsa per la prima volta sui forum russi sulla criminalità informatica nel gennaio 2020. Ci sono stati circa 1.700 attacchi negli Stati Uniti collegati a LockBit, con aziende che hanno pagato circa 91 milioni di dollari in riscatti alla banda, secondo l’FBI . Tra le vittime Banca cinese ICBCChip gigante Azienda produttrice di semiconduttori di Taiwan Libraio canadese Libri e musica indacotra le altre cose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *