Kluckner prevede giorni di negoziati sulle quote di pesca nell’Atlantico e nelle economie del Mare del Nord

Identificare il pescato oscurato dall’incertezza sulla Brexit

Bruxelles (AFP) – Il ministro federale dell’agricoltura Julia Kluckner (CDU) si sta preparando per giorni e notti di negoziati sulle quote di pesca nell’Atlantico e nel Mare del Nord. Kluckner ha detto martedì a Bruxelles: “Non è un compito facile, soprattutto perché, ovviamente, stiamo ancora tenendo conto dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea quest’anno”. Doveva incontrarsi lì con i suoi colleghi dell’UE per due giorni e si aspettava “lunghe notti”.

guarda la foto

Il ministro dell’Agricoltura Kluckner apre il Consiglio per l’agricoltura

© Agence France-Presse

A Bruxelles, ci sono regolari affari notturni sul berretto da pesca per i pescatori. In questo caso, il problema è aggravato dal fatto che l’accesso ai pescatori dell’Unione europea nelle acque britanniche non è garantito. La domanda è uno dei punti critici nei negoziati in stallo tra Bruxelles e Londra per un accordo commerciale post-Brexit.

La Gran Bretagna ha lasciato l’Unione Europea il 1 ° febbraio e un accordo commerciale dovrebbe regolamentare la pesca entro la fine dell’anno. Il tempo per la ratifica è ora molto breve. Senza un accordo, ai pescatori dell’UE potrebbe essere completamente negato l’accesso alle acque territoriali britanniche ricche di pesce, e anche se un accordo fosse raggiunto, probabilmente dovrebbero prepararsi per le restrizioni.

Come soluzione di emergenza, la Commissione dell’Unione Europea ha proposto una deviazione proporzionale delle catture dal 2020 per i primi tre mesi del prossimo anno. Anche la Gran Bretagna deve accettare questo. Pertanto, l’accordo tra i ministri dell’UE sarà soggetto a modifiche.

Ci sono anche riserve dalla Norvegia, dove anche i pescatori dell’Unione europea sono attivi nelle sue acque. Anche in questo caso la Commissione ha proposto un sistema di quote temporanee basato sulle catture di quest’anno, che la Norvegia dovrà accettare. Tuttavia, dal punto di vista della Norvegia, la mancanza di un accordo tra l’Unione europea e la Gran Bretagna avrebbe gravi implicazioni per la gestione equilibrata di tutti i mari.

READ  L'accordo fiscale del G7 è solo il primo passo verso un accordo globale: Freeland

Anche l’accordo condizionato su una soluzione temporanea per un periodo di tre mesi è controverso tra i paesi dell’Unione europea. Secondo le informazioni fornite dai circoli dell’Unione Europea, la questione di una maggiore sostenibilità sta causando tensioni. Nessun primo testo di compromesso è stato ancora raggiunto prima dei negoziati notturni fino a mercoledì. Non è stata esclusa una seconda notte di negoziati nei circoli dell’Unione europea.

Martedì pomeriggio, anche le discussioni sull’introduzione di un poster sul benessere degli animali a livello dell’UE erano all’ordine del giorno dei ministri dell’agricoltura. In linea di principio, gli Stati membri potrebbero chiedere l’introduzione di un’etichetta per i prodotti i cui produttori superano i requisiti legali in relazione al benessere degli animali.

L’introduzione di etichette alimentari obbligatorie con il sistema di segnaletica stradale Nutri-Score, anch’essa discussa, rimane sfuggente. Nell’Unione Europea è stato detto che oltre alla Germania, solo pochi paesi sono dietro al progetto e alcuni paesi, soprattutto l’Italia, sono fondamentalmente contrari.

Articolo del 15 dicembre 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *