Kitangi Brown Jackson sta mettendo sotto accusa i senatori repubblicani, incluso Romney

I Democratici del Senato potrebbero confermare Jackson davanti alla Corte Suprema senza il sostegno repubblicano se ogni membro del suo partito vota per lui, cosa che sembra essere in arrivo, e il vicepresidente Kamala Harris rompe il pareggio. Ma se i Democratici riusciranno a ottenere il sostegno del Partito Repubblicano, potranno promuovere l’affermazione che è bipartisan.

Romney ha detto ai giornalisti martedì, tuttavia, che non si aspetta di rivelare la sua decisione fino al giorno del voto di conferma.

“Avendo preso una decisione su cosa farò in questa votazione, vedrai, ma probabilmente non accadrà fino al giorno della votazione stessa”, ha detto.

Dopo l’incontro con Jackson, Romney ha dichiarato in una dichiarazione che “hanno avuto un’ampia discussione sulla sua esperienza e qualifiche”.

“È una persona davvero impressionante”, ha detto in seguito Romney alla CNN. “È intelligente, è capace ed è anche una bella persona, e penso che sia molto”. “Ma approfondire le differenze sulla filosofia giudiziaria e il suo approccio al diritto è qualcosa su cui continuerò a lavorare”.

Jackson ha anche incontrato Collins martedì. Solo tre senatori repubblicani hanno votato per Jackson l’anno scorso quando il Senato ha confermato che avrebbe occupato un posto vacante in una potente corte d’appello con sede a Washington: Collins, Lindsey Graham della Carolina del Sud e Lisa Murkowski dell’Alaska.

Collins ha detto ai giornalisti che Jackson “ha fornito chiarimenti su alcune questioni, quindi è stato un incontro utile e stasera penserò alle sue risposte”.

Dopo aver insistito su quali fossero quegli argomenti, Collins avrebbe semplicemente detto: “Ho affrontato molte questioni che probabilmente pensi che avrei affrontato”.

Graham, un membro del comitato giudiziario, ha posto domande feroci e molto critiche nei confronti della candidata durante le sue audizioni di nomina la scorsa settimana e sembrava essere Un’indicazione che non sosterrà la sua candidatura. Collins e Murkowski non sono membri della commissione giudiziaria del Senato e non hanno avuto l’opportunità di interrogare il candidato durante le audizioni.

L’ex senatore Doug Jones, che rappresenta lo “sherpa” del candidato, ha detto ai giornalisti martedì dopo il secondo incontro di Jackson con Collins che credeva che il giudice “ha risposto a tutte le domande” del repubblicano del Maine.

READ  Diplomatico russo trovato morto vicino all'ambasciata di Berlino in quella che Mosca definisce "tragica"

“Penso che abbiamo risposto a tutte le domande. È stato un incontro molto positivo. Apprezziamo davvero il tempo del senatore Collins”.

Alla domanda su quanto sostegno repubblicano si aspettasse che Jackson ricevesse, Jones ha detto: “Non diamo nulla per scontato, la conferma (voto) deve ancora arrivare, quindi continueremo a lavorare”.

Ha anche riconosciuto che Collins era l’unico senatore con cui Jackson si è incontrato più di una volta.

Ma finora, nessun democratico ha dichiarato pubblicamente che voterà contro il candidato.

Il senatore democratico del West Virginia Joe Manchin, uno dei principali elettori moderati e oscillanti, ha annunciato venerdì che intende votare per Jackson, una mossa che garantisce solo la sua conferma.

Manchin ha criticato alcuni repubblicani per aver criticato Jackson per essere indulgente con il crimine, un’accusa che il candidato ei Democratici hanno confutato.

È stato un peccato. È stato davvero quello che ho visto. L’ho incontrata, ho letto tutti i copioni. … È stato imbarazzante. Non chi siamo. Non quello per cui siamo stati mandati qui, per attaccare altre persone e provare per demolirli. Non ne farei parte. Immagino che sia molto qualificata e penso che sarebbe un giudice perfetto “, ha detto Manchin alla CNN.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori sviluppi martedì.

Manu Raju e Ted Barrett della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.