Inter: le aspettative sono basse per “la squadra più completa della Serie A” prima di affrontare il Liverpool

Simeone Inzaghi ha assunto la guida dell’Inter in estate dopo l’addio di Antonio Conte

“Il Liverpool è in cima alla lista dei club che avrei voluto evitare nel sorteggio”, ha ammesso l’allenatore dell’Inter Simone Inzaghi.

Inzaghi non era l’unico a sperare che la sua squadra evitasse avversari così intimidatori.

Nonostante abbia vinto lo scudetto la scorsa stagione e sia uno dei favoriti per vincere lo scudetto anche quest’anno, meno della metà delle persone intervistate in sondaggi radiofonici e giornalistici in Italia pensa che i nerazzurri abbiano qualche speranza contro la rivale inglese.

Un tale pessimismo sembra immeritato se si pensa a quanto sia stata straordinaria l’Inter in casa, soprattutto all’epoca del pareggio.

Forse il loro più grande talento se n’è andato, ma l’Inter sembrava più completa e affidabile.

Inzaghi prese e migliorò le opere di Antonio Conte. Quando si gioca con maggiore ambizione, ogni membro della squadra è incoraggiato a partecipare a schemi offensivi, consentendo un numero così elevato di marcatori.

I giocatori hanno ammesso di essersi divertiti sotto Inzaghi più di Conte, in quanto permette loro di rischiare in difesa in nome dell’aerodinamica offensiva. Nonostante ciò, sono rimasti solidi.

Avendo già assicurato il loro primo titolo stagionale, Supercoppa La metà azzurra del Milan è ancora sulla buona strada per alzare altri tre titoli. Tuttavia, nessuno li prende sul serio come veri contendenti per la Champions League. perché?

L’Inter potrebbe essere l’ultimo club italiano a vincere l’ambita Coppa dei Campioni, ma prima di quest’anno era fuori competizione nella fase a gironi nelle ultime tre stagioni.

Guardando lo scorso anno l’Atalanta e persino la Lazio andare oltre nonostante i budget e il talento inferiore, in molti hanno messo in dubbio la capacità dei nerazzurri di conquistare l’Europa.

READ  La Serie A completa l'accordo per vendere i diritti televisivi in ​​Italia con Sky Deal | Gli sport

Inzaghi, il meno esperto degli allenatori che hanno presieduto il club negli ultimi anni, è finalmente arrivato agli ottavi di finale, ma non senza alcuni momenti di tensione.

La più grande critica rivolta alla sua squadra è stata la loro incapacità di eliminare le proprie possibilità.

Statisticamente, nessuna squadra nella competizione ha prodotto più tiri a partita dell’Inter in questa stagione, 19,7 tiri in media, ma il risultato è stato solo di otto gol.

Per riferimento, il Liverpool ha segnato 17,8 tiri nella partita e ha segnato 17 gol.

Edin Dzeko (a sinistra) e Alexis Sanchez (a destra)
Dzeko (a sinistra) e Sanchez (a destra) hanno segnato 20 gol in tutte le competizioni in questa stagione

La squadra ha quattro attaccanti che Inzaghi ha applaudito in egual misura, ma Edin Dzeko rimane un giocatore virtuale enfatico: il 35enne apprezzato per la sua capacità di cogliere le occasioni e migliorare la qualità complessiva del gioco nell’ultimo terzo.

Al suo fianco c’è di solito Lautaro Martinez, descritto da Jurgen Klopp come “uno degli attaccanti più emozionanti del mondo”. Tuttavia, l’argentino non ha segnato gol o assist nella fase a gironi e non è riuscito a segnare nelle ultime sei partite consecutive di campionato italiano.

Questo ci porta ad un altro problema dell’Inter: la rotazione delle squadre e le sostituzioni.

I giganti del Milan possono vantare posti invidiabili in Serie A, ma il modo in cui Inzaghi utilizza le sue risorse ha sollevato le sopracciglia sia all’Inter che alla Lazio prima.

Inzaghi è stato pesantemente criticato per il suo utilizzo dei sostituti, sia per aver cambiato troppo velocemente o per aver accettato il risultato troppo presto, indebolendo così il controllo della sua squadra nelle ultime fasi.

Come allenatore della Lazio la scorsa stagione, Inzaghi aveva bisogno di un punto contro il Club Brugge nell’ultima partita del girone per assicurarsi la qualificazione. Con il punteggio di 2-1 e al 75′ decide di esonerare i suoi tre giocatori più importanti. I belgi pareggiano dopo un minuto e la Lazio ha dovuto aggrapparsi alla vita per segnare un punto.

READ  Inter Secure DigitalBits ha sponsorizzato un "accordo di partnership di prodotto" del valore di 85 milioni di euro

L’ultima sconfitta nel derby contro il Milan è stata dolorosa Ma ha anche evidenziato un altro problema che l’allenatore deve affrontare se vuole continuare la sfida per i trofei: l’incapacità della sua squadra di controllare le proprie emozioni.

Il capocannoniere Olivier Giroud ha preso d’assalto Alexis Sanchez per recuperare la palla e segnare il gol del Milan. L’Inter si è lamentata, ma il gol ha permesso di resistere nonostante la “sfida”.

Furioso per la decisione, i nerazzurri smettono di giocare e il francese raddoppia dopo appena tre minuti, sfruttando la sua rabbia per mettere a segno tutti e tre i punti.

Una reazione emotiva simile si è verificata nell’unica altra sconfitta in Serie A in questa stagione, contro la Lazio.

La squadra di Maurizio Sarri non ha tolto palla dal gioco quando una partita dell’Inter è caduta a terra e alla fine ha segnato un gol. La loro mancanza di “fair play” ha fatto arrabbiare l’Inter e ha faticato a riprendersi, subendo la prima sconfitta stagionale in campionato.

L’Inter può essere la squadra più completa della Serie A, ma c’è un motivo per cui gli spettatori della Serie A faticano ad avere fiducia in questo aspetto.

Nervi d’acciaio e un atteggiamento da non dire mai di morire sono la chiave, e Inzaghi spera di averne avuto almeno abbastanza per fare domande al Liverpool.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.