Incontra il nuovo pub più alla moda di Hong Kong che rende omaggio all’Italia

Incontra il nuovo pub più alla moda di Hong Kong che rende omaggio all’Italia

un mese dopo l’apertura Bar di LioneIl primo locale indipendente di Lorenzo Antinori, 50 Best Resta al passo con il bartender romano per scoprire perché sta tornando alle sue radici e spostando la sua attenzione dalle offerte stravaganti ai cocktail classici.

Il concetto specifico dietro Bar di Lione Egli è ‘cocktail popolare ‘, una frase italiana che, in sostanza, significa “un cocktail per il popolo”. O almeno così interpreta il motto del suo primo progetto solista Lorenzo Antinori, titolare di un pub di quartiere di Hong Kong appena coniato.

È un allontanamento concettuale dal suo precedente ruolo di regista dello spettacolo argo Il Four Seasons Hong Kong, n. 28 della lista I 50 migliori pub del mondo per il 2022. Ma Antinori non cerca di replicare il successo che ha ottenuto attraverso attrezzature di alta concezione, processi di produzione dell’Hefalotene e distillati personalizzati. Lui, invece, lo riporta alle origini.

Il Bar Leone è incentrato sui cocktail classici e sull’accessibilità, mentre abbandona il fumo e gli specchi per concentrarsi sull’offrire agli ospiti un’esperienza indimenticabile. È un omaggio alle taverne rumene locali e tradizionali che sono i capisaldi dei quartieri della sua città. Per presentare la sua visione del Bar Lyon, Antinori si è ispirato alla fusione delle esperienze maturate durante la sua carriera in alcuni dei migliori ostelli del mondo.

Scambia l’aula per i cocktail

Come per molti professionisti dell’ospitalità, i baristi non sono mai stati il ​​primo piano di Antinori. Ha studiato giurisprudenza in Italia in gioventù. Si è ritirato dall’allenatore dopo il terzo anno di giurisprudenza e si è preso un anno di pausa per recarsi in Australia. Qui si è trovato per la prima volta dietro il bastone, facendo i turni in un locale. Non ha mai guardato indietro.
Antinori ha ricevuto il suo primo assaggio di cocktail e ospitalità leader a livello mondiale lavorando all’American Bar al The Savoy sotto la direzione del veterano del settore Erik Lorincz.

“Una volta tornato in Italia, mi sono reso conto di quanto sia più divertente fare il barista rispetto alla legge, così ho deciso di farne una professione”, dice Antinori. “Ricordo di aver guardato video di bartending su YouTube quando stavo imparando il mestiere, e in particolare ricordo di aver guardato clip di Eric Lorinks quando ha vinto una competizione internazionale per barman mentre lavorava all’American Bar al The Savoy. Sono stati questi video che mi hanno ispirato a trasferirmi a Londra nel 2011”.

READ  Un'agenzia federale sta inviando una squadra per indagare sull'incidente di Tesla che ha ucciso 3 persone

Antinori è arrivato nel Regno Unito con solo un anno di esperienza nel settore dei bar. Ha ottenuto il suo primo lavoro da bar in città all’American Bar, lavorando con Lorincz. “Se guardi indietro, tutto era piuttosto selvaggio”, dice Antinori. “Eric aveva una stanza in più e avevo bisogno di un posto dove vivere, quindi sono passato dal guardare i suoi video e apprezzare il suo stile a vivere con lui”.

Dopo aver trascorso quattro anni al The Savoy, sviluppando la sua conoscenza fondamentale dei classici e del servizio alberghiero a cinque stelle – esperienze che influenzano il Bar Leone oggi – Antinori ha colto al volo l’opportunità di diventare capo barista al Dandelyan di Ryan Chetiyawardana, che è stato nominato Miglior Bar del World nel 2018 è dove sboccia la sua creatività. Lui e il suo team hanno sviluppato alcuni dei migliori cocktail serviti in qualsiasi parte del mondo all’epoca, sia in termini di caratteristiche di sapore che di metodi utilizzati per estrarre il sapore dagli ingredienti grezzi.Barra leone-argo-incubo
Dopo essersi trasferito da Londra, Antinori ha trascorso due anni presso Charles H a Seoul prima di trasferirsi a Hong Kong per diventare Argo’s Beverage Ambassador.

Abbastanza presto, Antinori ha avuto l’opportunità di lavorare con il Four Seasons Group in Asia. Dopo aver trascorso due anni a coordinare il programma di bevande al Charles H di Seoul, ha inserito con successo il bar in una lista I 50 migliori bar in Asia Per la prima volta Antinori si trasferisce a Hong Kong per aprire Argo. E dopo quattro anni di costruzione dell’Argo e di navigazione attraverso i molteplici blocchi che Hong Kong ha dovuto affrontare durante la pandemia, Antinori ha avuto l’opportunità di aprire il proprio concept.

“Prima di lasciare Bar Lion, mi è venuto in mente di lasciare Hong Kong”, dice Antinori. “Ma quando ho avuto l’opportunità di aprire il mio pub, mi sono reso conto che queste opportunità non si presentano spesso, quindi ho deciso di restare”.

READ  L’Italia adotta misure per fronteggiare gli eventi meteorologici estremi

Gusto d’Italia

Con uno dei curriculum più impressionanti nel settore dei bar, Antinori aveva una vasta conoscenza da realizzare durante la progettazione del concept per il suo primo bar. Piuttosto che seguire il percorso di alto concetto che molti cocktail bar contemporanei tendono a prendere, Antinori ha adottato un approccio disinvolto e informale ai cocktail, al design, al servizio e all’ospitalità del Bar Leone.

“Stavo ascoltando un’intervista rilasciata da Arrigo Cipriani dell’Harry’s Bar di Venezia e ha detto una cosa che mi è rimasta impressa”, dice Antinori. “La semplicità”, ha detto, “se fatta con molti dettagli, è qualcosa di straordinario”. Questo è ciò che cerchiamo di fare al Bar Leone: fare cose semplici con molta attenzione ai dettagli… tutto ciò che facciamo deve essere accessibile, ma anche altamente curato con una forte narrazione alle spalle”.

Il programma di cocktail del Bar Leone rinuncia per lo più a ingredienti fatti in casa a favore di ingredienti da bar back-to-back, una decisione che mantiene la preparazione per il servizio diretta e l’attenzione all’ospitalità piuttosto che al liquido nel bicchiere. I condimenti sono classici e minimali: scorze di agrumi ben tagliate e olive di alta qualità, ad esempio, ei cocktail sono sottili colpi di scena sui classici.

“Penso davvero che sia difficile creare un programma di bevande basato sui cocktail classici”, afferma Antinori. “Quando lavoravo ad Argo, il mio budget per il programma bevande era enorme. Potevo comprare un rotofap ed estrarre ingredienti esotici da tutto il mondo. Al Bar Leone vogliamo ribaltare il modello di business perché crediamo di poter servono gli stessi, se non migliori, cocktail di qualità”.
Lion Martini Incubi Bar 1
Il classico programma di cocktail del Bar Leone è un mondo a parte rispetto ai complessi drink tecnologici che Antinori ha creato ad Argo

Uno dei servizi distintivi del bar è il Leone Martini, un martini bagnato pre-diluito servito direttamente da una bottiglia nel congelatore in un bicchiere ghiacciato e servito su un vassoio di legno e rame personalizzato realizzato da un artigiano locale. Il sofisticato cocktail è fatto con gin italiano, Marsala, un tocco di acqua di fiori d’arancio e guarnito con olive ripiene di mandorle. È un cocktail che Antinori ha preparato in onore delle sue radici italiane ed è un drink che crede incarni perfettamente l’essenza del bar. Viene servito in modo rapido, coerente e, soprattutto, “è delizioso”, osserva.

READ  Il ministero delle Comunicazioni e dell'Information Technology è in grado di chiudere a prestiti esterni per 12 miliardi di dollari

“In posti come New York e le principali città europee, è comune andare in un cocktail bar e ordinare classici e classici moderni, come Penicillin, ma non è il caso di Hong Kong, dove la cultura del cocktail classico non è così importante”, Antinori dice. “Vediamo questa come un’opportunità, soprattutto nella nostra zona, per offrire qualcosa di un po’ meno casual dove gli ospiti possono tornare ancora e ancora. Puoi prendere un bicchiere di vino, un Negroni o un Whisky Sour, e non è costoso e l’atmosfera è buona.”

Con un’eclettica colonna sonora di “Italo disco” in sottofondo e un arredamento coordinato evidenziato da maglie da calcio vintage e immagini di icone italiane appese al bar, il Bar Leone assicura ai suoi ospiti che il locale è tanto divertente quanto leggero servizio a cinque stelle: spettacolo senza essere disturbato dai baristi eleganti in giacca bianca e pantaloni chino, forse un altro cenno al pub americano di Londra.

“È un bar per i nostri ospiti e per la gente”, dice Antinori. “Le nostre bevande non richiedono un dizionario; È semplicemente fatto con ingredienti di altissima qualità. Ogni esperienza nella mia carriera ha contribuito a dare forma a ciò per cui spero che il Bar Leon sarà riconosciuto”.

Bar Lion non era idoneo a votare ai Best Bars in Asia Awards 2023 poiché si è aperto dopo il periodo di votazione.

50 migliori bar in Asia 2023, sponsorizzato da Perrier, sarà presentato in occasione di un evento a Hong Kong il 18 luglio alle 20:30 ora locale. La cerimonia sarà trasmessa in diretta I 50 migliori video di YouTube TV canale f I 50 migliori ticker di Facebook pagina. Seguici FacebookE InstagramE Cinguettio E Youtube Per rimanere aggiornato su tutte le novità e gli annunci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *