Il vincitore della Formula 1 degli anni Cinquanta muore a 90 anni

Avendo iniziato a partecipare a eventi di club nel 1952, Brooks si unì alla squadra sportiva dell’Aston Martin dopo averlo impressionato nei test solo due anni dopo. È poi salito alla ribalta vincendo il Syracuse Grand Prix del 1955 per Connaught, mentre ancora studiava per diventare un dentista.

Questo è stato il suo primo viaggio su un’auto di Formula 1 contemporanea ed è stato il primo GP di un pilota britannico su un’auto britannica per 31 anni.

Dopo un breve periodo con il team BRM ancora problematico – che includeva un violento incidente a Silverstone quando l’acceleratore si è staccato – Brooks si è unito a Fanwall, dove ha costruito un super team britannico di Formula 1 insieme a Sterling Moss e Stewart Lewis Evans.

La seconda lotta alle spalle di Juan Manuel Fangio della Maserati al GP di Monaco del 1957 si concluse con un colpo di grazia a causa di un cambio marcia senza frizione in pista, seguito da un incidente a Le Mans mentre guidava per l’Aston Martin.

Brooks è stato fortunato a sopravvivere e stava ancora lottando quando ha iniziato la sua Vanwall al Gran Premio di Gran Bretagna del 1957 ad Aintree. Era sesto quando l’auto di Moss ha avuto problemi. Brooks fu convocato e Moss si fece carico di una delle sue vittorie più famose quando un’auto britannica vinse per la prima volta una gara del campionato del mondo.

Moss era il numero uno di Vanwall (e Aston) ed è stato il primo a scegliere le macchine migliori, il che significa che Brooks raramente poteva affinare la propria macchina durante il fine settimana. Ma ha giocato brillantemente il gioco di squadra e spesso brillava quando Moss si metteva nei guai.

READ  Riuscirà il contest BMW M3 a battere l'Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio?

Questo non era più vero che nel 1958. Brooks vinse tre gare, il belga all’alta velocità di Spa, il tedesco al temibile Nürburgring e l’italiano alla Ferrari a Monza. Brooks ha contato la sua vittoria nel Gran Premio di Germania, superando le Ferrari di Mike Hawthorne e Peter Collins, che poi cadde mortalmente mentre era all’inseguimento, come la sua più grande.

La corsa della mia vita: Tony Brooks al Gran Premio di Germania del 1958

Moss ha vinto quattro volte e Vanwall ha vinto il titolo costruttori inaugurale, ma Hawthorne ha battuto Moss al titolo piloti 1958 di un punto. Sarebbe potuto essere diverso se Brooks, che è arrivato terzo nella stessa classifica, non avesse subito un guasto al motore mentre era in grado di impedire a Hawthorne di ottenere il secondo posto di cui aveva bisogno.

Tony Brooks, Fanwall, 1°, beve da una fiaschetta con il compagno di squadra Sterling Moss, Van Wall

foto dalla fotografia: foto di sport motoristici

Brooks è entrato in Ferrari nel 1959 ed è stato il capitano indiscusso di una squadra che comprendeva anche Phil Hill e Dan Gurney. Due vittorie lo hanno messo in lizza per il titolo con Jack Brabham (Works Cooper) e Moss (Robb Walker Cooper).

La cancellazione del Gran Premio del Belgio e un’iniziale rottura della frizione gli hanno tolto la possibilità di vincere il Gran Premio d’Italia, ed entrambe le gare le potenti Ferrari con motore anteriore sono state fantastiche, quindi è andato al corso di Sebring con una possibilità esterna di incoronare. . Un colpo del compagno di squadra Wolfgang von Tripps e il successivo stop – Brooks non era tipo da correre rischi inutili – significavano che il meglio che poteva fare era terzo. Così, è arrivato secondo dopo Brabham nella classifica finale.

READ  Romelu Lukaku: il Chelsea sta per concludere un affare record di 97,5 milioni di sterline per l'attaccante dell'Inter

Dopodiché, il successo era difficile da ottenere e Brooks non era un fan del passaggio alle macchine con motore posteriore. Ha segnato punti con la Yeoman Credit Cooper nel 1960 ed è salito sul podio nella sua ultima partenza ai Campionati del mondo, guidando BRM al Gran Premio degli Stati Uniti l’anno successivo, prima di ritirarsi dallo sport.

Al di fuori della F1, Brooks è stato anche uno dei leader mondiali nell’endurance. Nel 1957 vinse la Sports Car Spa GP e la 1000km al Nürburgring con le Aston Martin DBR1, nell’ultimo evento con Noel Cunningham-Reed. Vinse anche il Goodwood Touring Prize nel 1958 insieme a Moss prima di passare alla Ferrari, anche se il successo dell’auto sportiva con la squadra italiana si rivelò sfuggente.

Il tocco fine e il giudizio di Brooks lo hanno reso particolarmente impressionante su piste davvero impegnative – da qui le vittorie a Spa e al Nürburgring – ed è stato probabilmente un pilota da corsa migliore del campione del mondo numero uno della Gran Bretagna Hawthorne. Le sue sei vittorie nel campionato del mondo e 10 podi sono arrivate da sole 38 voci.

Scelto da Moss – insieme a Jim Clark – come pilota che avrebbe messo in una squadra di due vetture, il tranquillo e senza pretese Brooks è stato uno dei migliori piloti che non fosse mai stato un campione del mondo. La morte dell’ultimo vincitore del Gran Premio negli anni ’50 segnò la fine di un’era.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.