Guanyu Zhou vuole un biennale, l’Alfa offre solo il 2022

Riconoscendo che Guanyu Zhou è nella rosa dei candidati dell’Alfa Romeo per il 2022, AMuS riferisce che il punto critico nella firma del pilota cinese è la durata del contratto.

Zhou vuole un contratto pluriennale, mentre il boss dell’Alfa Romeo Fred Vasseur è disposto a offrirglielo solo per una stagione, il 2022.

L’Alfa Romeo è l’unica squadra che ha ancora un posto disponibile per il campionato del prossimo anno con quattro piloti – Cho, Antonio Giovinazzie Theo Pourchaire e Robert Kubica – finalisti.

Cho, che si dice abbia escogitato un accordo di sponsorizzazione da 30 milioni di euro, si crede sia in testa alla corsa, ma i colloqui si sono fermati per tutta la durata dell’accordo.

Il pilota di Formula 2 vuole due anni o più, ma l’Alfa Romeo è disposta a offrire un accordo solo per il 2022.

“Guanyu Zhou ha le migliori opportunità”, afferma Michael Schmidt di Auto Motor und Sport [Alfa Romeo], ma sentiamo anche che vuole un contratto a lungo termine che Vasier non vuole”.

Il motivo è che Wasser ha affermato più volte di non voler promuovere la Sauber junior Pourchaire già nel 2022, ma che potrebbe essere in fila per un posto nel 2023 dopo aver trascorso due anni a correre in Formula 2.

Al capo della squadra è stato recentemente chiesto se sarebbe disposto a concedere al suo compagno di squadra ancora senza nome Valtteri Bottas un contratto di un anno, lasciando la porta aperta per Pourchaire.

Rispose: “Vediamo chi sarà l’uomo al fianco di Valtteri prima di discutere del contratto.

“Per quanto riguarda Theo, sta facendo un buon lavoro, ha fatto due grandi spettacoli – a Monaco è stato un buon spettacolo per me ma anche a Silverstone. E poi dobbiamo lasciare che Theo abbia tempo per migliorare e costruire non solo la velocità perché lui ha la velocità ma tutta l’educazione al riguardo.”

READ  Antonio Conte si è trasferito al Manchester United, ma l'ex boss del Chelsea vuole che "progetti di denaro" sia così improbabile che si unisca all'Arsenal dopo il rifiuto degli Spurs

“Ha compiuto 18 anni ad agosto e spero che prenda la patente in estate! Dobbiamo prenderci un po’ di tempo”.

Ma che si tratti di Zhou o della Pourchaire del 2022, sembra che Vasseur sia incline a mettere in macchina un guidatore alle prime armi.

Scopri gli ultimi vestiti del team 2021 sul negozio ufficiale di Formula 1

Schmidt ha aggiunto: “Wasser mi ha detto che voleva vedere le gare di F2 a Monza e Sochi e poi prendere una decisione, quindi questo potrebbe davvero significare che sarà un pilota junior”.

Questa non è una buona notizia per Giovinazzi.

Con la Ferrari che non vuole spingere l’Alfa Romeo a mantenere l’italiano, l’unica possibilità per il 27enne di rimanere in Formula 1 è come collaudatore e pilota di riserva.

Ciò significa che non ci saranno italiani nella griglia del 2022, spingendo il presidente dell’Automobile Club d’Italia Angelo Sci-Damiani a sollecitare il governo italiano a finanziare il pilota.

“Spero che il governo italiano tenga conto di tutti i valori e le mosse di Antonio Giovinazzi, che è la chiave per aiutare in caso di necessità”, ha detto a pitlanetv.com.

“Stiamo ovviamente parlando della somma necessaria per lui per continuare in F1.

“È nostro dovere difendere Antonio Giovinazzi e dargli l’opportunità di continuare in Formula 1 per mostrare il suo vero potenziale e svilupparsi come merita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *