Il tribunale italiano annulla definitivamente l’ordine di revoca nei confronti del sospetto vaticano

Papa Francesco, al centro, affiancato da monsignor Leonardo Sapienza, a sinistra, benedice l’udienza al termine della sua udienza pubblica settimanale in Aula Paolo VI in Vaticano, mercoledì 2 febbraio 2022 (AP Photo/Gregorio Borgia)

ROMA (Associated Press) – Una corte d’appello italiana ha definitivamente ribaltato il mandato d’arresto preliminare al principale sospettato del caso Vaticano. Grande frode processuale e appropriazione indebitaRiferendosi alla conclusione del procedimento di estradizione in Gran Bretagna per ora, il suo team legale ha detto mercoledì.

La decisione del Tribunale del Riesame di Roma è uno schiaffo in faccia ai pm italiani ma anche ai pm vaticani, che stavano cercando di riportare Gianluigi Torzi in Italia per un eventuale processo in Vaticano per il suo ruolo nella Santa Sede. Affare immobiliare costoso a Londra.

Il Vaticano non ha un trattato di estradizione con la Gran Bretagna. Ma i pubblici ministeri della città hanno fornito prove alle loro controparti italiane che hanno avviato una propria indagine sulle finanze di Torzi e Ha chiesto il suo arresto sulla base di un mandato internazionale Compiere in tribunale in Italia per accuse tra cui evasione fiscale e riciclaggio di denaro.

Torzi, residente a Londra, smentisce ogni illecito nei casi Italia e Vaticano, che comunque proseguiranno in sua assenza.

Il caso è iniziato in Italia dopo che i pubblici ministeri vaticani erano già stati avviati Indagine Tourzey per il suo ruolo nell’investimento fallito della Santa Sede da 350 milioni di euro in una proprietà residenziale londinese. I pubblici ministeri vaticani hanno accusato Torzi di aver tentato di estorcere 15 milioni di euro al Vaticano per cedere la piena proprietà della proprietà.

È stato incriminato dalla Corte vaticana a luglio, ma la sua posizione al processo era in un limbo a causa dei procedimenti di estradizione tra Italia e Gran Bretagna e della legalità del mandato d’arresto italiano che avevano lanciato.

READ  Euro 2020: Finlandia - Russia 1, Turchia 0, Galles 2, Italia - Svizzera

La Corte di Cassazione, la più alta corte d’Italia, ha ribaltato la nota in ottobre e rinviato la causa alla Corte d’Appello con la motivazione che I pubblici ministeri italiani non hanno fornito la documentazione completa Utile per la difesa di Torzi quando il giudice sta decidendo se emettere un mandato di cattura. “Dopo aver valutato queste prove mancanti, il tribunale del riesame ha definitivamente ribaltato il mandato di cattura”, si legge in una nota rilasciata dall’avvocato di Tozzi, Marco Franco e Ambra Giovanni.

“Finalmente, è stata fatta giustizia in relazione a un mandato d’arresto che non ha alcun significato legale o logico”, afferma la dichiarazione. Gli avvocati hanno affermato che ora affronteranno sia il caso Italia che quello Vaticano “con la necessaria calma”.

La fase iniziale del processo in Vaticano è stata dominata dalle richieste della difesa che chiedevano l’accesso all’intera gamma di prove raccolte dai pubblici ministeri, comprese le copie forensi dei dati provenienti da telefoni cellulari, computer e altri dispositivi elettronici sequestrati.

Durante l’udienza finale, il giudice Giuseppe Bignaton ha ordinato ai pubblici ministeri vaticani di consegnare gli elementi entro il 31 gennaio dopo che gli avvocati difensori si erano lamentati di avere solo 16 dei 255 dispositivi sequestrati.

In un fascicolo del 31 gennaio ottenuto mercoledì, i pubblici ministeri si sono rifiutati di consegnarne altri, affermando che ciò che è stato consegnato finora “riproduce un completo riassunto documentario” dei materiali necessari per il processo. Gli avvocati difensori affermano di avere diritto a tutti gli oggetti sequestrati.

Pignatone probabilmente affronterà la questione quando il processo riprenderà il 18 febbraio, ma gli esperti legali affermano che non esiste alcuna misura disciplinare nel sistema legale del Vaticano quando i pubblici ministeri si rifiutano di attuare l’ordinanza del tribunale.

READ  L'America Latina è diventata la regione in più rapida crescita per Prismian d'Italia

Questo articolo è apparso originariamente qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.