Il telescopio di Euclid è in missione per mappare l’universo e scoprire i segreti della materia oscura

Il telescopio di Euclid è in missione per mappare l’universo e scoprire i segreti della materia oscura

Un team dell’Università di Waterloo celebra tra gli scienziati di tutto il mondo il successo del lancio del primo satellite del suo genere.

Progettato per rispondere ad alcuni dei più grandi misteri dell’universo, il telescopio spaziale Euclid dell’Agenzia spaziale europea è decollato sabato dalla stazione spaziale di Cape Canaveral in Florida.

“Guardarlo decollare ieri e pensare ‘sì, quello è nostro figlio seduto lì sopra il razzo'”, dice Mike Hudson, professore all’Università di Waterloo.

La folla sulla spiaggia di Cocoa Beach, in Florida, assiste al lancio del razzo SpaceX Falcon 9 dell’Agenzia spaziale europea con il telescopio spaziale Euclid sabato 1 luglio 2023. Il telescopio spaziale europeo è stato lanciato dalla stazione spaziale di Cape Canaveral, sabato, un missione per esplorare il mondo misterioso e invisibile conosciuto Nel nome dell’universo oscuro. (Malcolm Denmark/Florida Today via AP)

Hudson e il suo collega dell’Università di Waterloo Will Percival hanno lavorato al progetto per più di un decennio.

In totale, partecipano più di 2.000 scienziati, di cui quattro dell’Università di Waterloo.

Cosa fa il telescopio Euclid?

Euclid avrebbe trascorso più di sei anni nello spazio creando una mappa 3D dell’universo.

L’obiettivo del progetto è comprendere meglio le proprietà della materia oscura e perché l’universo continua ad espandersi.

“[The expansion] Sta diventando più veloce e più difficile da spiegare. Non conosciamo la risposta, infatti, abbiamo alcune teorie che potrebbero spiegarla e chiamiamo queste teorie energia oscura”, afferma Percival.

Hudson aggiunge: “Questa energia oscura è una sorta di energia misteriosa? O forse non comprendiamo appieno le leggi di gravità?”

Questa immagine del 29 giugno 2023 fornita dall’Agenzia spaziale europea mostra il telescopio spaziale Euclid in fase di preparazione per il lancio da Cape Canaveral, in Florida.(ESA via AP)

READ  I raggi X rivelano che le pulsar uccidono le loro stelle compagne

Nuova tecnologia di imaging

Ciò che distingue Euclid dai suoi predecessori è la fotocamera.

Scansionando il cielo, questa tecnologia è in grado di acquisire immagini 3D, permettendole di mappare miliardi di galassie su più di un terzo del cielo.

“Quindi non devi più solo prendere il tuo telescopio e puntare su qualcosa e dire ‘Voglio una foto di questa cosa’. Otteniamo tutto. C’è l’opportunità di osservare cose che non ci aspettiamo”, spiega Percival.

Un razzo SpaceX Falcon 9, con il telescopio spaziale Euclid dell’Agenzia spaziale europea, si solleva dal Pad 40 presso la Cape Canaveral Space Force Station a Cape Canaveral, in Florida, sabato 1 luglio 2023. La missione Euclid è progettata per esplorare l’evoluzione dall’oscurità universo. (Foto AP/John Raoux)

Euclid dovrebbe raggiungere il punto attorno al quale orbiterà, a 1,5 milioni di km dalla Terra, in circa un mese.

Percival afferma che il primo lotto di immagini potrebbe essere restituito alla Terra alla fine di luglio.

“È un’area completamente nuova e stiamo mappando la materia oscura su scale che non abbiamo mai fatto prima”, afferma Hudson.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *