Il primo ministro italiano Meloni ha la “piena responsabilità” per le tasse bancarie

Il primo ministro italiano Meloni ha la “piena responsabilità” per le tasse bancarie
Il premier italiano Giorgia Meloni

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni è accolto dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden (non raffigurato), nell’Ufficio ovale della Casa Bianca, a Washington, Stati Uniti, il 27 luglio 2023. REUTERS/Jonathan Ernst/file foto

MILANO – Lunedì il primo ministro italiano Giorgia Meloni si è assunta “la piena responsabilità” per la brusca decisione della scorsa settimana di imporre una tassa bancaria una tantum che è stata accusata di aver causato un danno permanente alla credibilità del suo governo nei confronti dei mercati finanziari.

In dichiarazioni ai quotidiani italiani Corriere della Sera, La Repubblica e La Stampa, Meloni ha affermato che la tassa del 40 per cento non ha intenti punitivi.

“Vorrei che lo rifacesse. Perché credo che le cose giuste debbano essere fatte… Questa è una decisione che ho preso (da sola)”, ha detto a La Repubblica.

“È una questione delicata e me ne assumo la piena responsabilità”.

Nel tentativo di rafforzare la propria base politica, lunedì scorso il governo conservatore italiano ha svelato la decisione a sorpresa, solo per fare in parte marcia indietro chiarendo che esiste un limite ai rendimenti dopo 24 ore e dopo aver modificato la soglia per l’applicazione della tassa in nel frattempo.

La nuova imposta mira a un aumento dei profitti che le banche guadagnano da tassi più elevati.

Quando la misura è stata annunciata, fonti hanno detto a Reuters, il Tesoro avrebbe dovuto ritirare meno di tre miliardi di euro (3,3 miliardi di dollari) di tasse. Tuttavia, prima che il limite fosse enunciato, i conti indicavano importi molto più elevati.

Con il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti notevolmente assente alla conferenza stampa di annuncio della tassa, Meloni ha dichiarato di essere stato informato della decisione.

READ  Le azioni GameStop mostrano una rara resilienza in quanto sale alla serie di vittorie più lunga in oltre 4 anni

Ma ha detto che altri membri del governo sono stati tenuti all’oscuro a causa della delicatezza della questione.

Il governo aveva accarezzato l’idea di tassare a tassi più alti i profitti record delle banche ma sembra averla messa da parte, e le confuse comunicazioni di Roma sulla questione hanno allarmato gli investitori internazionali.

Rispondendo a una domanda sul potere di veto imposto dal socio minore della coalizione, Forza Italia, su una possibile alleanza con la francese Marie Le Pen alle elezioni parlamentari dell’Unione Europea del prossimo anno, ha detto che è troppo presto per discutere di una simile si muove.

“Non mi astengo da nessuno, e non sento di avere l’autorità per farlo, ed è comunque prematuro”, ha detto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *