Il primo ministro giamaicano afferma che l’isola vuole recidere i legami con la monarchia mentre accoglie la coppia reale

Il primo ministro giamaicano Andrew Holness ha detto mercoledì al principe William e Kate che il paese del Commonwealth britannico intende diventare una repubblica, in un annuncio inaspettato che arriva mentre altri paesi considerano la rottura dei legami con la monarchia.

Holness ha anche notato che c’erano problemi “irrisolti” quando ha salutato il principe William e Kate davanti ai media.

“Stiamo andando avanti”, ha detto. “Intendiamo… realizzare le nostre vere ambizioni e il nostro destino di paese indipendente, sviluppato e prospero”, ha aggiunto.

L’ex colonia britannica è diventata la seconda isola caraibica a tagliare i legami con la regina Elisabetta negli ultimi anni, con le Barbados che sono diventate una repubblica a novembre.

La coppia reale, che aveva circondato Holness da entrambi i lati quando aveva fatto questo annuncio, non ha reagito immediatamente se non per due cenni del capo.

I manifestanti a Kingston hanno chiesto scuse e un risarcimento per la schiavitù martedì, con il principe William e Kate che sono arrivati ​​in Giamaica. La visita di due giorni fa parte di un viaggio più ampio nei Caraibi, dove alcuni paesi stanno discutendo di troncare i legami con la monarchia, come hanno fatto le Barbados alla fine dell’anno scorso. (Colin Reed/Associated Press)

L’annuncio ha sorpreso molti sull’isola di quasi tre milioni di persone e ha scatenato una raffica di messaggi di testo e telefonate.

“Non sapevo che il primo ministro avrebbe detto quello che ha detto oggi. Penso che sia un passo avanti molto importante”, ha detto Carla Golotta, direttrice di Stand Up for Jamaica, un’organizzazione no profit per i diritti umani che si è unita a dozzine. Altri gruppi e leader hanno firmato una lettera pubblicata di recente chiedendo le scuse e le riparazioni della Gran Bretagna per la schiavitù.

Ha detto all’Associated Press che il suo telefono ha iniziato a squillare pochi minuti dopo che Holnes ha fatto l’annuncio.

Arriva il giorno dopo che Golota e altri si sono uniti a una protesta tenuta poche ore prima che la coppia reale arrivasse in Giamaica martedì come parte di un tour di una settimana in America Centrale e nei Caraibi. Il viaggio, organizzato per ordine della Regina, coincide con il 70° anniversario della sua incoronazione.

“Questa visita ha evidenziato che molti giamaicani aspirano a che la Giamaica diventi una repubblica completamente indipendente”, ha detto, aggiungendo che l’isola ha tutte le opportunità e il potenziale per farlo.

Tuttavia, Golota ha osservato che molti sono preoccupati per la corruzione del governo in corso, che ha eroso la fiducia delle persone. “Se non ti fidi di coloro che guidano il Paese, sarà difficile per le persone prendere posizione”, ha detto.

Il veterano legislatore Mike Henry ha anche detto all’Associated Press di essere preoccupato che le richieste di scuse e riparazioni per la schiavitù non sarebbero state affrontate se la Giamaica avesse scelto di diventare una repubblica.

Nel frattempo, Golota ha affermato di non sostenere un risarcimento sotto forma di assegno, definendolo “ridicolo”. Invece, ha detto, i giamaicani dovrebbero essere risarciti in altri modi, comprese borse di studio e accesso all’assistenza sanitaria.

“Ciò che non è stato mostrato in passato deve essere mostrato ora”, ha detto.

La Gran Bretagna ha governato la Giamaica per più di 300 anni e ha costretto centinaia di migliaia di schiavi africani a lavorare la terra in condizioni brutali. La Giamaica ottenne l’indipendenza nell’agosto 1962, ma rimase parte del Commonwealth britannico.

READ  Ben Affleck fa il tifo per J.Lo On mentre si chiudono gli iHeartRadio Music Awards

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.