La comunità militare statunitense in Italia ha avvertito degli ostacoli all’accoglienza dei profughi ucraini

I rifugiati attraversano il confine ucraino-polacco a Medica, in Polonia, all’inizio di marzo 2022. Il comandante della guarnigione dell’esercito americano in Italia si è rivolto ai social media per avvertire gli americani affiliati al Dipartimento della Difesa di pensarci due volte sull’ospitare i rifugiati ucraini, citando problemi e rischi legali. (Michael Abrams/Stelle e strisce)

VICENZA, ITALIA – Il comandante della guarnigione dell’esercito americano in Italia ha avvertito gli americani di pensarci due volte prima di offrire ai profughi ucraini un posto dove stare.

“Sento l’obbligo professionale di assicurarmi che tu capisca che ci sono alcuni problemi legali e rischi”, ha detto il colonnello Matt Gomlak in un videomessaggio pubblicato questa settimana domenica pomeriggio. Sulla pagina Facebook del protettore.

Gomlak ha affermato che i potenziali samaritani che vivono in alloggi affittati o di proprietà del governo avrebbero bisogno del permesso della guarnigione per ospitare i rifugiati e che i residenti di affitti privati ​​avrebbero bisogno del permesso del proprietario.

Ha detto che potrebbe non essere disponibile a causa delle leggi italiane che favoriscono gli affittuari e potrebbero rendere difficili gli sfratti. Inoltre, Gomlak ha affermato che i nulla osta di sicurezza potrebbero essere influenzati anche dall’hosting di ucraini.

Il colonnello Matthew Gumlak, comandante della guarnigione dell'esercito degli Stati Uniti in Italia, parla a una cerimonia a Vicenza, in Italia, il 10 novembre 2021. Gumlak ha avvertito i membri della comunità di al-Qaeda che ospitare i rifugiati ucraini potrebbe avere conseguenze sul nulla osta di sicurezza e deve essere cancellato.  proprietari locali.

Il colonnello Matthew Gumlak, comandante della guarnigione dell’esercito degli Stati Uniti in Italia, parla a una cerimonia a Vicenza, in Italia, il 10 novembre 2021. Gumlak ha avvertito i membri della comunità di al-Qaeda che ospitare i rifugiati ucraini potrebbe avere conseguenze sul nulla osta di sicurezza e deve essere cancellato. proprietari locali. (David Dalla Masra/US Army)

“Voglio solo assicurarmi che pensiamo alle implicazioni a lungo termine dell’essere residenti temporanei qui in Italia, non proprietari di immobili, e aprire le nostre porte a cittadini stranieri”, ha detto.

READ  Bellissima! Scopri qui la migliore moda made in Italy

Il portavoce di Garrison, Rick Scavita, ha detto martedì che non ci sono state richieste ufficiali per accogliere un rifugiato, ma almeno una persona ha fatto una richiesta per telefono.

Skavita ha detto che Gumlak ha deciso di fare le sue osservazioni dopo aver notato una discussione sui social media sulla possibilità di accogliere i rifugiati, con alcuni che hanno suggerito: “Fallo e basta”, ha detto Skavita.

Non è noto se gli americani associati alla guarnigione abbiano effettivamente accolto un rifugiato.

Skavita ha detto che anche il sindaco di Montegelda, un piccolo paese vicino a Padova, ha chiesto se “questo è qualcosa che gli americani potrebbero essere interessati a fare”.

Ha affermato che il modo più efficace per aiutare i rifugiati ucraini è quello di donare a entità esistenti come i servizi comunitari militari.

L’agenzia di stampa italiana ANSA, citando dati del ministero dell’Interno italiano, ha riferito lunedì che circa 60.000 rifugiati ucraini sono giunti in Italia dall’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio, la maggior parte dei quali sono donne e bambini.

L’Ansa ha detto che le destinazioni più gettonate annunciate all’ingresso sono Milano, Roma, Napoli e Bologna.

Quasi 3,6 milioni di ucraini sono fuggiti finora, riversandosi in Polonia, Moldova e altri paesi vicini, secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati. Le Nazioni Unite hanno affermato che altri 6,5 milioni di sfollati interni.

Il comando europeo degli Stati Uniti ha affermato che al momento non ci sono programmi del Dipartimento della Difesa per trasportare o ospitare rifugiati ucraini in siti militari all’estero.

“I membri della comunità militare statunitense in Europa possono fornire assistenza a titolo personale”, ha affermato venerdì la missione dell’UE in una dichiarazione. Qualsiasi assistenza fornita deve essere conforme alle leggi del paese ospitante e alle linee guida locali per l’installazione.

READ  L'alleanza di Mario Draghi è a rischio a causa del piano pensionistico italiano del presidente Mattarella

Martedì, il primo ministro italiano Mario Draghi ha salutato la resistenza “eroica” degli ucraini contro la “ferocia” della Russia e ha affermato che l’Italia fornirà aiuti umanitari e militari continui e assistenza ai rifugiati, secondo il New York Times.

L’Italia può aspettarsi fino a 900.000 rifugiati in totale, stima l’Associazione culturale italo-ucraina sulla base di una cifra di quasi 250.000 ucraini che vivevano in Italia prima della crisi e i cui parenti cercheranno di unirsi a loro, secondo l’ANSA.

La sistemazione dei rifugiati in Italia è stata finora uno sforzo prevalentemente regionale, spesso con moduli online da compilare per potenziali ospiti. Il Veneto, dove si trova Vicenza, ha istituito il proprio sistema online all’inizio di questo mese.

“Affinché gli sforzi di accoglienza siano efficaci, devono essere organizzati”, ha affermato il presidente della regione Luca Zaya, secondo il sito di notizie online The Local’s Italian Edition. I veneti, ha aggiunto, “hanno un cuore grande e una generosità sconfinata”.

La giornalista di Stars and Stripes Jennifer Svan ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.