Il presidente iraniano incolpa i nemici stranieri per aver avvelenato le studentesse | Notizia

Raisi non ha detto chi fossero i nemici, anche se Teheran di solito accusa Stati Uniti e Israele di lavorare contro di essa.

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha accusato i nemici di Teheran di un’ondata di avvelenamento di centinaia di studentesse in tutto il paese.

Finora attacchi tossici non provocati in più di 30 scuole in almeno quattro città sono iniziati a novembre nella città santa sciita iraniana di Qom, spingendo alcuni genitori ad allontanare i propri figli da scuola.

Martedì il ministro della Sanità iraniano ha dichiarato che centinaia di ragazze in varie scuole sono state colpite e alcuni politici hanno indicato che potrebbero essere state prese di mira da gruppi religiosi contrari all’istruzione femminile.

Parlando a una manifestazione nel sud dell’Iran venerdì, Raisi ha incolpato i nemici dell’Iran per l’avvelenamento.

“Questo è un progetto di sicurezza per creare il caos nel paese mentre il nemico cerca di diffondere paura e insicurezza tra genitori e studenti”, ha detto.

Non ha detto chi fossero quei nemici, anche se i leader iraniani accusano gli Stati Uniti e Israele, tra gli altri paesi, di lavorare contro di esso.

D’altra parte, un alto funzionario iraniano ha affermato che un’autocisterna di carburante trovata vicino a una scuola in un sobborgo di Teheran, che è stata avvistata anche in altre due città, potrebbe essere coinvolta negli incidenti di avvelenamento.

Reda Karimi Saleh, vice governatore del sobborgo di Bardis, ha affermato che le autorità hanno sequestrato l’autocisterna e arrestato il suo autista.

Saleh è il primo funzionario governativo a denunciare un arresto in relazione all’ondata di avvelenamento.

Ha detto che la stessa petroliera era diretta anche a Qom e Borujerd nella provincia di Lorestan, nell’Iran occidentale, dove anche gli studenti hanno sofferto di avvelenamento. Non ha approfondito.

READ  Biden rende Juneteenth una festa federale negli Stati Uniti, per commemorare la fine della schiavitù

“Le guardie del parcheggio dove si trovava il serbatoio del carburante sono state avvelenate”, ha detto Saleh, riferendosi al sito web di Bardis.

chiede indagini

E a Ginevra, l’ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha chiesto venerdì un’indagine trasparente sugli attacchi.

“Siamo profondamente preoccupati per queste accuse secondo cui le ragazze vengono deliberatamente prese di mira in circostanze apparentemente ambigue”, ha detto Ravina Shamdasani, portavoce dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, in una conferenza stampa.

Ha detto che i risultati delle indagini del governo dovrebbero essere resi pubblici e gli autori assicurati alla giustizia.

Aggiungendo la sua voce alle chiamate internazionali, il ministro degli Esteri tedesco, Annalina Berbock, ha affermato che i rapporti sono scioccanti e dovrebbero essere investigati a fondo.

“Le ragazze dovrebbero poter andare a scuola senza paura”, ha detto Burbuck su Twitter. “Questo non è altro che un loro diritto umano. Tutti i casi devono essere investigati a fondo”.

Mercoledì scorso, un portavoce del Dipartimento di Stato americano ha invitato l’Iran a indagare sui casi di avvelenamento nelle scuole.

Alcuni politici iraniani hanno sottolineato che le studentesse potrebbero essere state prese di mira da gruppi religiosi contrari all’istruzione femminile.

I post sui social media sono pieni di foto e video di ragazze negli ospedali. Alcuni hanno detto di sentirsi nauseati e di avere palpitazioni cardiache. Altri lamentavano mal di testa o palpitazioni cardiache. I lavori non possono essere verificati.

Anche le studentesse hanno preso parte alle proteste antigovernative scoppiate dopo la morte in custodia di una donna curda iraniana lo scorso settembre. Si sono tolti i veli obbligatori in classe, hanno strappato le foto del leader supremo Ali Hosseini Khamenei e ne hanno chiesto la morte.

READ  Il Segretario Generale delle Nazioni Unite fa appello ai Paesi affinché preparino la strada agli aiuti umanitari per raggiungere l'Afghanistan

In un video online dello scorso anno, si vedono studentesse sventolare il velo in aria e molestare un membro delle forze paramilitari Basij iraniane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *