Il “nuovo” disegno di Vincent van Gogh è in mostra al Museo di Amsterdam

Un disegno recentemente attribuito a Vincent van Gogh, mai esposto prima pubblicamente, è in mostra al Museo di Amsterdam intitolato al maestro olandese.

Van Gogh “Il Nuovo”, studio logoro, Dal novembre 1882 fa parte di una collezione privata olandese ed era noto solo a poche persone, tra cui alcune del Museo Van Gogh.

Il proprietario, che ha voluto rimanere anonimo, ha chiesto al museo di determinare se il disegno non firmato fosse un disegno di Van Gogh.

Dallo stile ai materiali utilizzati – spessa matita da falegname e ruvida carta da acquerello – corrisponde ai disegni di Van Gogh dell’Aia, ha detto giovedì il ricercatore senior Theo Midendorp.

Ci sono persino tracce di danni sulla sua schiena che lo collegano al modo in cui Van Gogh usava pacchetti di amido per attaccare fogli di carta alle tavole da disegno.

“È raro che una nuova opera sia attribuita a Van Gogh”, ha dichiarato in una nota la direttrice del museo, Emily Gordenker. “Siamo orgogliosi di poter condividere questo primo disegno e la sua storia con i nostri visitatori”.

Il dipinto è molto diverso dai vivaci dipinti ad olio con vasi di girasoli e dai paesaggi francesi per i quali Van Gogh è famoso. (Peter Dejong/The Associated Press)

Il disegno era lo sforzo dell’artista per migliorare le abilità

Viene da un momento della vita dell’artista in cui stava migliorando le sue capacità di pittore di persone e immagini dipingendole più e più volte.

Il museo ha già un disegno quasi identico, consumati.

“Era assolutamente chiaro che fossero imparentati l’uno con l’altro”, ha detto Maidendorp.

Lo studio è stato prestato al Museo e sarà in mostra da venerdì fino al 2 gennaio.

Il disegno mostra un vecchio calvo seduto curvo in avanti su una sedia di legno con la testa tra le mani. Anche i pantaloni a chiglia sembrano corrispondere al titolo inglese: una toppa chiaramente visibile sulla gamba destra.

È molto diverso dai vivaci dipinti ad olio di girasoli e paesaggi francesi che alla fine hanno trasformato Van Gogh in uno degli artisti più famosi al mondo dopo la sua morte nel 1890. Le sue opere ottengono prezzi astronomici all’asta.

I visitatori guardano un autoritratto di Van Gogh al Van Gogh Museum giovedì. (Kenzo Tripuillard/AFP/Getty Images)

Invece, mostra come, da giovane artista che praticava la sua arte all’Aia nel 1882, ha dovuto affrontare una realtà scomoda.

“Ha scoperto che gli mancava la capacità di disegnare le persone. Quindi le stava già disegnando, ma amava disegnare”, ha detto Maidendorp. “Per poter disegnare anche lui le persone, è tornato al tavolo da disegno.”

Van Gogh, famoso per aver fatto affidamento sulla generosità permanente di suo fratello Theo, ha dato ai disegni un titolo inglese nel tentativo di costruire un piccolo riconoscimento del nome e forse anche di ottenere un lavoro in una rivista illustrata.

“Aveva un’idea in mente che alla fine sarebbe andato oltre l’Olanda come artista”, ha detto Midendorp.

READ  Megan guida un cuneo tra due fratelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *