Il nazionale italiano Ian McKinley ha annunciato il suo secondo ritiro dal rugby

Il nazionale italiano Ian McKinley, nato in Irlanda, ha annunciato il suo secondo ritiro dal rugby all’età di 31 anni.

McKinley si è originariamente ritirato quando aveva solo 21 anni dopo aver subito un infortunio agli occhi mentre giocava per Leinster, che gli ha fatto perdere l’occhio sinistro.

L’ex giocatore della nazionale irlandese Under 20 si è trasferito a Udine, in Italia, per allenarsi a rugby, prima di ricominciare a giocare grazie agli occhiali da rugby che gli proteggono gli occhi.

Il giocatore di Dublino ha ottenuto una notevole ascesa attraverso il sistema di rugby italiano, che lo ha visto giocare con la squadra dilettantistica Leonorso Udine, poi la squadra professionistica Viadana nella top ten in Italia, prima di giocare con Zebri e Benetton rugby in Pro14, che alla fine è risultato in lui viene premiato incoronato dalla nazionale italiana.

McKinley è andato su Twitter e Instagram per annunciare il suo ritiro e ha ringraziato tutti coloro che hanno contribuito a rendere possibile la sua carriera.

Annuncio di pensionamento di Ian McKinley.

“Oggi, all’età di 31 anni, annuncio ufficialmente il mio secondo ritiro dal gioco del rugby a tutti i livelli. La mia carriera non è stata convenzionale.

“Dieci anni fa, sono stato costretto a dichiarare il mio ritiro dal Leinster e dall’Irlanda under 20 quando avevo 21 anni, quando il mio bulbo oculare sinistro è stato perforato e la mia retina si è staccata, a seguito di un infortunio al rugby. Questa decisione è stata molto difficile da accettare.

READ  Adesso non ci sono più dubbi: il Milan è scudetto. Ibra Koo, perché non Balotelli? | prima pagina

“Mi sono trasferito a Udine, in Italia, per allenarmi a rugby. Tre anni dopo, ho avuto l’opportunità di diventare il primo giocatore al mondo a usare gli occhiali da rugby e giocare con protezione per i miei occhi felici. Questo ritorno ha portato a una campagna globale in cerca di accesso a giocare ai massimi livelli di rugby, anche se un handicap otticamente professionale.

“Contribuendo a legalizzare l’uso globale degli occhiali da rugby, è stato un piacere incredibile vedere le migliaia di altri giocatori non vedenti che possono giocare a rugby. Questo mi darà sempre un immenso senso di realizzazione e orgoglio.

“Dopo i Barbari, la Pro14, la Coppa dei Campioni, il Campionato Sei Nazioni e le campagne internazionali, oggi posso concludere di nuovo la mia carriera da giocatore, ma questa volta fortunatamente alle mie condizioni.

“Vorrei ringraziare sinceramente tutte le squadre, gli allenatori e lo staff della scuola a livello internazionale di cui ho fatto parte. Sono profondamente grato a squadre in Irlanda come St Columba College, UCD, St Mary’s College, Leinster Squadre minorenni di rugby e Irlanda che hanno nutrito e sviluppato la mia carriera.

“Sono anche particolarmente grato a chi in Italia mi ha dato una seconda possibilità: Leonorso, Viadana, Zebri, Benetton e ovviamente la Nazionale italiana.

“Vorrei anche ringraziare la comunità del rugby in Irlanda e in Italia in particolare, che hanno fornito un supporto incredibile nel mio viaggio di gioco dall’inizio alla fine. E i suoi compagni di squadra che sono diventati amici per la vita.

“Ma soprattutto voglio ringraziare la mia meravigliosa moglie, la mia famiglia e gli amici che mi hanno cresciuto nei giorni più bui della mia vita e mi hanno sostenuto incondizionatamente per tutta la mia carriera da giocatore. Non vedo l’ora di vedere cosa riserva il futuro”.

READ  Perché la crisi dell'olivo in Italia rappresenta un'opportunità ambientale


Maggiori informazioni su: Benetton Rugby, Ian McKinley, Italy Rugby, Leinster Rugby

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *