Il Made in Italy è una bellissima storia di ristrutturazione della casa tra padre e figlio

Dicono che la vita imiti l’arte, e questo è certamente vero Fatto in Italia, Debutto diretto da James Darcy (meglio conosciuto per i suoi ruoli in Cloud AtlanticE il DunkerqueE il Vendicatori: Endgame, E altro ancora). Come molti sfarfallii vivaci che sono apparsi prima di essa, questa storia è ambientata nel bellissimo paesaggio della Toscana, con protagonisti il ​​padre e il figlio realisti Liam Neeson e Michel Richardson, oltre a padre e figlio.

Quando Jack (Richardson) viene a sapere che la famiglia della sua ex moglie sta progettando di vendere la loro galleria d’arte, che gestisce, convince suo padre, Robert (Neeson), a viaggiare con lui dal Regno Unito in Italia per ristrutturare e vendere un lungo -galleria abbandonata. La casa che possiedono è lì. La casa era di proprietà della defunta madre di Jack, morta in un tragico incidente da bambina. Gli attori hanno subito una perdita simile, quando la moglie di Neeson e la madre di Richardson, Natasha Richardson, sono morte dopo un incidente sugli sci nel 2009, e lo scenografo Stevie Herbert afferma che il loro rapporto con il soggetto era evidente sul set. “Ovviamente erano incredibilmente professionali, ma penso che l’abbiamo sentito come una troupe”, dice. “Il loro rapporto come padre e figlio è stato molto toccante in alcune occasioni”.

Ci sono stati momenti in cui stavamo girando e nessuno ne ha parlato [Neeson and Richardson’s personal connection to the subject matter]”È molto personale e tutti hanno un lavoro da fare, ma nella stanza c’era una vera emozione”, dice Herbert.

Foto: Antonello

La casa in questione era un altro elemento di realtà in questa produzione. Gli spettatori guardano il film mentre Jack e Robert riportano lentamente il luogo da fatiscente a mago, e la troupe riempie lo spazio con loro. Herbert e il suo team hanno costruito un set all’interno della casa di campagna italiana che hanno utilizzato per la fotografia all’aperto, che si trovava vicino alla città di Montalcino. “La casa che era intorno era bellissima, e dubito che l’abbiamo girata altrettanto bene all’interno. Anche la versione raffinata che appare verso la fine del film era di mia costruzione”, dice.

“Fortunatamente, la casa che abbiamo scelto è stata ristrutturata da un architetto con una grande sensibilità per l’architettura originale”, spiega l’interior designer Gina Cromwell.

Per gentile concessione della International Finance Corporation

READ  Il rugby internazionale tornerà ad Halifax quest'estate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *