Il gol italiano di Stefanin parte 15esimo dopo un anno di successo

Il gol italiano di Stefanin parte 15esimo dopo un anno di successo

606/85

Di Paul Edison, Sportsbeat

Tuttavia, entrare in una nuova squadra da giocatore giovane e inesperto è difficile anche nel migliore dei casi Italia La nuova arrivata nel rugby femminile Emma Stefanen ha avuto la vita più dura degli altri.

La 21enne fa parte della rosa delle Azzurre impegnata nel WXV – il nuovo torneo internazionale femminile di rugby lanciato da World Rugby – a Sud Africa al momento.

Ha messo piede in campagna portando il suo peso, avendo completato gli studi universitari prima di salire sull’aereo.

Stefanin ha studiato lingue e si affrettava a completare la sua istruzione in modo da poter concentrare tutta la sua attenzione sulla sua nascente carriera nel rugby.

“Poco prima di venire qui, ho finito il college”, ha detto. Sono riuscito a finire a settembre, altrimenti avrei dovuto rimandare a dicembre. Ma ho potuto sbrigarmi e farlo in modo da non dover soffrire questo mentre ero qui.

“È bello essere qui perché possiamo affrontare squadre che non affrontiamo spesso. Abbiamo anche l’opportunità di vedere un paese completamente diverso dal nostro e sperimentare nuove culture. È la mia prima volta in Sud Africa”.

Stefanin, 21 anni, è uno dei volti più nuovi della squadra, avendo esordito in un’amichevole contro la Francia in preparazione ai Mondiali del 2022.

In Sud Africa, dove l’Italia compete nella seconda divisione del WXV, Stefanin è uscito dalla panchina vincendo contro Giappone e i padroni di casa, e il suo prossimo obiettivo era quello di farsi strada nella formazione titolare di Giovanni Raineri.

READ  L'Italia ha sconfitto la capolista Belgio e ha disputato la semifinale della Coppa delle Nazioni Europee 2020 | Euro 2020

Spiega: “Ho giocato poco da titolare con l’Italia. Ho giocato solo due partite, quindi mi piacerebbe diventare un’opzione da non utilizzare dalla panchina. Voglio migliorare per poter raggiungere il livello di chi ha iniziato.”

“All’inizio non è facile da giovane. Hai giocatori con un carattere forte che sono lì da molto tempo. Quindi c’è equilibrio all’interno della squadra. Ma non verrai mai rimproverato se provi qualcosa o cerchi di prendere l’iniziativa.

“È una questione di coraggio mettersi in gioco e commettendo errori si impara. È meglio provare che non fare nulla. Anche i giocatori più esperti sono aperti ai giocatori più giovani che stanno emergendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *