Il giudice Engoron e il suo staff sono minacciati in seguito agli attacchi di Trump

Il giudice Engoron e il suo staff sono minacciati in seguito agli attacchi di Trump

Il giudice Arthur Engoron e il suo assistente legale Alison Greenfield sono stati oggetto di minacce di morte e attacchi antisemiti dopo che Donald Trump ha preso di mira il giudice e il suo assistente sui social media.

secondo Dichiarazione giurata In una causa intentata dagli avvocati nel sistema giudiziario dello stato di New York, Engoron e Greenfield furono sottoposti ad un “diluvio”. [in] Il telefono dell’aula del tribunale, il cellulare personale dell’assistente legale, le e-mail personali e gli account dei social media [of] Centinaia di messaggi minacciosi, molesti, denigratori e antisemiti”.

Il documento sostiene che le molestie rivolte a Engoron, accusato nel caso statale di frode civile contro l’ex presidente, e al suo staff sostengono la necessità di emettere ordini di silenzio contro Trump e i suoi avvocati.

Il 3 ottobre, Trump ha pubblicato una foto di Greenfield, il principale scrittore legale di Engoron, sul sito web Truth Social. Ha descritto Greenfield come un “amico” del leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer (D-N.Y.).

L’amica di Schumer, Allison R. Greenfield, stai portando avanti questo caso contro di me. Che vergogna! Questo caso deve essere archiviato immediatamente!! Trump ha scritto. In risposta, Engoron ha emesso un ordine di silenzio su misura contro Trump per impedirgli di prendere di mira il suo staff; L’ordine è stato successivamente ampliato per includere gli avvocati dell’ex presidente. Trump è stato multato a fine ottobre per aver violato l’ordine di Engoron.

Nonostante l’ordine di silenzio, Greenfield è stato oggetto di intensi abusi online da parte dei sostenitori di Trump. “Anche le informazioni personali della signora Greenfield, compreso il suo numero di cellulare personale e gli indirizzi e-mail personali, sono state compromesse, con conseguente doxxing quotidiano. È stata sottoposta quotidianamente a molestie, commenti sprezzanti e cliché antisemiti”, secondo i documenti del tribunale. .

READ  Stormy Daniels, Michael Avenatti si oppone mentre la interroga direttamente durante il suo processo per frode

Secondo la testimonianza resa da Greenfield a Charles Hollon, ufficiale giudiziario e capitano del Dipartimento di Pubblica Sicurezza, la dipendente “riceveva circa 20-30 chiamate al giorno sul suo cellulare personale e circa 30-50 messaggi al giorno sul suo cellulare. telefoni combinati.” Siti di social media, LinkedIn e due (2) indirizzi email personali.”

“Le minacce contro il giudice Engoron e la signora Greenfield sono serie e credibili e non ipotetiche o speculative”, scrive Hollon. Nella sua dichiarazione firmata, Hollon ha incluso esempi di alcuni dei messaggi di posta vocale lasciati nella casella vocale della corte di Engoron e gli insulti censurati sono stati generati dal software di trascrizione della corte.

“Tutto di te grida che sei un piccolo idiota. Anche questo. Lo spero. *******Seppellisci il tuo brutto***. Tu e quel grasso ******* ***** **** ** * Il pianeta delle scimmie ******* stella Leticia [James] IL ***********. Piccoli ebrei ******* e piccoli ebrei sporchi […] Questo sei tu. “Odio quella parola, e odio mettere le persone in un gruppo, ma voi siete piccoli ebrei sporchi”, diceva un messaggio di posta vocale, aggiungendo che Engoron “dovrebbe essere assassinato”. Devi uccidere […] Devi essere giustiziato. Ma sarai giustiziato per i tuoi crimini”.

“Renderemo te e chiunque di voi americani sporchi, pugnalatori alle spalle, bugiardi e ingannevoli. Non siete altro che un gruppo di comunisti. Verremo a rimuoverti una volta per tutte.

Comune

Hollon ha aggiunto che “i messaggi che il giudice Engoron e il suo staff ricevono ogni giorno hanno creato un rischio continuo per la sicurezza del giudice, del suo staff e della sua famiglia” e che l’attuazione dell’ordine di silenzio “ha portato a una diminuzione del numero di minacce”. .” E le molestie e i messaggi offensivi che il giudice e il suo staff hanno ricevuto”.

“Tuttavia, quando Trump ha violato i suoi ordini di silenzio, il numero di messaggi minacciosi, molesti e denigratori è aumentato”, ha scritto Hollon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *